il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Omaggio al principe

Omaggio al principe

(11 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Londra. Una manifestazione di studenti contro l'aumento delle tasse universitarie assalta il Ministero del tesoro, la Corte suprema e... la Rolls di Carlo e Camilla

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • ASST Valle Olona, un tunnel senza luce
    (Allarmi, precarietà delle condizioni di lavoro, rischi per utenti e personale…)
    (11 Agosto 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Flessibili, precari, esternalizzati)

    Policlinico Umberto I di Roma: Lavoratrici in "somministrazione"

    (26 Marzo 2022)

    policlinico umbero I

    Dopo che il TAR e il Consiglio di Stato hanno bocciato le precedenti modalità di appalto del personale (come acquisto beni e servizi), circa venti lavoratrici del Policlinico Umberto I, da decenni in appalto, da oggi sono passate in “somministrazione” con un’agenzia interinale.

    Questo significa che, da oggi, avranno quello che è stato negato loro per anni: Lo stesso trattamento economico e normativo dei colleghi dipendenti pubblici del Policlinico, cioè la parità dello stipendio e quindi anche del trattamento pensionistico (circa 185 euro/mese in più per coloro che erano al 4° livello del ccnl del commercio). Se le stesse lavoratrici fossero state inquadrate nel ccnl delle coop. sociali, come peraltro sono inquadrati la maggioranza di tali lavoratori/trici, la differenza di stipendio sarebbe stata maggiore.

    Inoltre, come recitano le Leggi vigenti e viene riconosciuto da ordinanze del Consiglio di Stato, passati 3 anni, potranno partecipare ai concorsi riservati per la definitiva stabilizzazione nel Servizio Sanitario Regionale.


    La Vertenza però, non è finita:

    - Come CUB Sanità rivendicheremo che alle stesse lavoratrici sia riconosciuta l’anzianità maturata sino ad oggi, (come previsto dalla legge regionale 4/2019) e che, mediante ricorso al Giudice del Lavoro, per il quale metteremo a disposizione la consulenza di esperti legali, siano attribuite loro anche le differenze retributive maturate sino ad oggi, da quando, cioè, sono state impiegate negli appalti, oltre al danno della mancata stabilizzazione;
    - Continueremo la nostra lotta, purtroppo finora in perfetta solitudine, affinché tutti i lavoratori e le lavoratrici in appalto nella Sanità (amministrativi, infermieri, oss. e ausiliari) abbiano gli stessi diritti e i trattamenti economici riconosciuti ai dipendenti pubblici della Sanità regionale.


    Esistono Leggi dello Stato, Sentenze di Cassazione, Tribunali del Lavoro, T.A.R. e Consiglio di Stato che confermano quanto rivendichiamo da tempo; per chiedere il loro rispetto abbiamo depositato una denuncia alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti e diffidato i Ministeri della Funzione Pubblica del Lavoro e della Salute;


    - La “somministrazione” è sicuramente un primo passaggio che comunque ristabilisce un principio elementare: “A parità di lavoro deve corrispondere parità di paga e di diritti”.

    La pandemia ha evidenziato la carenza cronica e già precedente di personale nella Sanità Pubblica,


    continuiamo la lotta per la reintarnalizzazione.


    Basta appalti!

    CUB Sanità Roma

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

    Ultime notizie dell'autore «Confederazione Unitaria di Base»

    3131