">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

8 nuovi modelli Fiat

8 nuovi modelli Fiat

(29 Marzo 2010) Enzo Apicella
Marchionne annuncia 8 nuovi modelli di auto e migliaia di licenziamenti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

ROMA CAPITALE, SETTORE-SCOLASTICO EDUCATIVO (personale degli asili nido e delle scuole dell’infanzia capitoline): LA MOBILITAZIONE PROSEGUE IL 5 OTTOBRE

(30 Settembre 2023)

comunicatousi

Proclamato sciopero orario per le ultime due ore di servizio e turno pomeridiano (ma anche chi lavora la mattina può venire al presidio già “autorizzato” dalla Questura di Roma, sia personale a tempo indeterminato che per il personale precario/supplente) E PRESIDIO MANIFESTAZIONE DI PROTESTA AL DIPARTIMENTO POLITICHE SCOLASTICHE EDUCATIVE DI ROMA CAPITALE, A VIA CAPITAN BAVASTRO 94, DALLE 14 ALLE 18. RIPRENDIAMO LA PAROLA E PORTIAMO LE NOSTRE RIVENDICAZIONI SOTTO AL DIPARTIMENTO, dopo averlo fatto più volte al Campidoglio.

Copertura di sciopero di ultime due ore turno e lavoro di pomeriggio, anche per il personale OEPAC (assistenza specialistica ad alunni-e con disabilità, affidato alle cooperative sociali accreditate), per il personale di ROMA MULTISERVIZI addetto al “global service” –servizi ausiliari e di supporto al sistema educativo scolastico (addette al trasporto scolastico, pulizie nei nidi e nelle scuole, ausiliariato/”bidellaggio” e del personale addetto alle mense - CUOCHE e ASM- della RISTORAZIONE SCOLASTICA), con presidio manifestazione il 5 ottobre 2023, a Capitan Bavastro 94, dalle 14 alle 18. RIMANE ATTUALE, PER I SERVIZI ESTERNALIZZATI, LA NOSTRA PROPOSTA DI RI-PUBBLICIZZAZIONE!

PROSEGUIAMO LA MOBILITAZIONE, dopo le “mance” per comprare il consenso del personale insegnante ed educativo con qualche regalia economica di GIUNTA E ASSESSORI, nel contratto decentrato di Roma Capitale, sui seguenti punti prioritari di piattaforma rivendicativa:
- per la PIENA, COMPLETA APPLICAZIONE e attuazione, delle disposizioni in materia di SALUTE E SICUREZZA SUL-DEL LAVORO e degli AMBIENTI DI LAVORO (art. 2087 codice civile e norme del D. Lgs. 81/2008) compresa la fase di prevenzione/adeguamento dei rispettivi DVR (Documento Valutazione dei Rischi), ancora non predisposti dai Municipi e dal Dipartimento, con adeguata informazione, addestramento e formazione del personale dipendente del settore, dopo la pandemia e il lockdown, sembra che sia tornato tutto a posto..invece non è così, MANCANO I RAPPRESENTATI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA RLS, A ROMA CAPITALE AMMINISTRAZIONE, GIUNTA E ANCHE SINDACATI COMPLICI, NON VOGLIONO QUESTA IMPORTANTE FIGURA IN MEZZO AI PIEDI…CHE SERVE A TUTELARE E INTERVENIRE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA.
- Per ottenere l’adeguamento EFFETTIVO degli organici in misura sufficiente a garantire il buon andamento e funzionamento ottimale dei servizi, garantendo le SOSTITUZIONI, la circolare comunale del 15/9/2023 del Dipartimento, NON E’ APPLICATA PERCHE’ MANCANO I FONDI A COPERTURA NEI MUNICIPI E SONO INSUFFICIENTI LE INSEGNANTI E LE EDUCATRICI “precarie”, AGGRAVANDO ANCORA DI PIU’ IL PERSONALE IN SERVIZIO CON CARICHI DI LAVORO AUMENTATI, per garantire la piena funzionalità del servizio all’utenza, nel rispetto del rapporto 1/7 e 1/25 e riduzione in presenza di alunni-e disabili.
- Per OTTENERE L’APPLICAZIONE CORRETTA DEL CCNL FUNZIONI PUBBLICHE LOCALI, CON IL PASSAGGIO DI TUTTO IL PERSONALE INSEGNANTE ED EDUCATIVO, ALLA FASCIA DEI FUNZIONARI (ex livello D1) E PER EVITARE DIFFERENZE SALARIALI MINORI DI STIPENDIO BASE, tra chi ha raggiunto la fascia ex C5- C6 e quella corrispondente dei funzionari (ex Dd1), ASSEGNO AD PERSONAM ASSORBIBILE A COPERTURA DEL DIFFERENZIALE RETRIBUTIVO: per EQUILIBRATI E TRSPARENTI percorsi di progressione economica orizzontale e verticale per educatrici e insegnanti senza disparità di trattamento, per apertura confronto sulle figure di “coordinamento pedagogico” e di armonizzazione con altre figure di coordinamento (Fse, poses);
- Per raggiungere l’obiettivo della progressiva, certa e trasparente STABILIZZAZIONE DEL PRECARIATO e per la GIUSTA RICOGNIZIONE E ADEGUAMENTO DEI PUNTEGGI NELLE GRADUATORIE ESISTENTI, per chi ha maturato punteggio per servizio prestato o titoli di studio non valutati.
- per una RIVITALIZZAZIONE E UN NUOVO RUOLO CENTRALE, DEGLI ORGANI COLLEGIALI (gruppi educativi, comitati di gestione, collegi dei docenti, consigli di scuola) nei processi di orientamento e di offerta formativa, sui progetti educativi e didattici, per il ripristino pieno dell’utilizzo di strutture educative e scolastiche, a seguito di chiusure di asili nido e di sezioni di scuola, spacciate per “RAZIONALZZAZIONE”, con effetto di RIDUZIONI ORARIE DEL MONTE ORE DEL PERSONALE DEI SERVIZI AUSILIARI, DI SUPPORTO INTEGRATO E DEL MONTE ORE DEGLI OEPAC-ASSISTENZA AI DISABILI, CON PENALIZZAZIONE DEL PIENO ESERCIZIO DEL DIRITTO ALLO STUDIO DI ALUNNI-E E AL LAVORO DI OEPAC, monte ore definiti contrattualmente, per operai del global service e per gli Oepac delle cooperative accreditate.

NON FACCIAMOCI ABBINDOLARE DALLE PROMESSE DEI POLITICI E DALLE SVENDITE SINDACALI AL RIBASSO, IL TEMPO DELLA LOTTA anche congiunta tra le figure del settore scolastico educativo integrato, E’ ADESSO, NON PERDIAMO L’OCCASIONE.

UNIONE SINDACALE ITALIANA USI 1912 ENTI LOCALI coordinam. scuola, nidi, coop. sociali, aziende pubbliche/partecipate

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

1666