">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Nakba

Nakba

(15 Maggio 2012) Enzo Apicella
15 maggio del 1948: ha inizio l'espulsione del popolo palestinese dalla propria terra. Oggi i profughi palestinesi sono 4 milioni e mezzo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

Terrore di Stato contro la Palestina

(17 Novembre 2023)

gaza, shifa

Un enorme, sorprendente e variegato movimento composto da una massa popolare che ha deciso di ‘rimanere umana’ sta attraversando in lungo e in largo tutto il mondo innalzando cartelli e striscioni con la scritta “free Palestine”. Dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, Gaza, con i suoi due milioni circa di abitanti palestinesi, è in uno stato d'assedio ad opera dell’esercito israeliano con una carneficina che si sta consumando per migliaia di persone, donne e uomini, giovani e anziani e soprattutto bambini. Uno sterminio in atto tra bombardamenti su ospedali, scuole e Croce Rossa e mancanza di cibo, elettricità, acqua e medicine. Su tutto, il silenzio complice e assordante della comunità internazionale. Lo 'stato' di Israele, congegno dell’imperialismo yankee per il controllo in Medio Oriente, propagandato dalle ‘pseudodemocrazie' occidentali fra le quali l’Italia, che lo sostengono economicamente e politicamente, sta esibendo tutta la propria arroganza e cinismo criminale nei confronti del popolo palestinese. E inoltre è alla ricerca di legittimazione per la strage che sta attuando, perseguendo uno scellerato disegno sionista trasformato scientemente in un barbaro colonialismo. In questi giorni, con la più falsa delle elaborazioni che associa l’antisionismo all’antisemitismo, escogitata per creare confusione e sensi di colpa, la diplomazia assoggettata e una ciurma di intellettuali e operatori della pubblica informazione, paladini dell'ideologia sionista e sepolcri imbiancati che ‘pregano’ per le vittime israeliane e niente dicono per i crimini contro gli abitanti di Gaza, agitano il dibattito pubblico per denigrare i sostenitori della causa palestinese. Con enorme servilismo e sottomissione, i settori della comunicazione asservita, col pretesto dell’attacco di Hamas, sciorinano slogan di solidarietà a Israele, ignorando e sottacendo, ovviamente, l’oppressione dei palestinesi che dura dal ‘48, e confondendo ‘abilmente’ oppressori e oppressi. La smettano di ciarlare di guerra i signori dell’informazione dominante. Ciò che sta succedendo in medioriente ha un solo titolo: Annientamento del popolo palestinese. Se la natura violenta di Hamas è da detestare, pur ritenendo che non sempre è facile rimanere pacifici nascendo, vivendo e morendo sott’occupazione, tuttavia allo stesso modo bisogna deprecare lo stato d'Israele nato anch’esso attraverso i metodi del terrore insediandosi nella terra del popolo palestinese. Terrore di Stato. Terrore a Gaza, contro la cui popolazione, Israele negli ultimi decenni ha condotto diverse guerre, con migliaia di palestinesi assassinati. Terrore durante l’occupazione ad opera degli oltre 700.000 coloni in Cisgiordania e terrore a Jenin con le selvagge operazioni lanciate di recente dalle milizie sioniste sempre fiancheggiate dal governo nei campi profughi. E’ per questo che sbraitare di diritto a difendersi da parte di Israele e dei suoi chierici, suona semplicemente ormai, come una copertura ai crimini sionisti. Lo scempio che si sta perpetrando a Gaza in modo scientifico rivela la reale e tragica natura dello stato di Israele, uno Stato, è bene ricordare, che non ha una propria carta costituzionale scritta, anche se dispone di leggi che ne svolgono la funzione ma sempre in balìa della politica, non ha mai rispettato i confini e continua a promuovere e proteggere l’occupazione dei territori palestinesi da parte dei coloni sionisti. Al momento anche ‘due popoli due Stati’ è una espressione vuota e priva di significato visto che gli accordi di Oslo si sono rivelati un imbroglio che ha relegato i palestinesi in piccoli appezzamenti sempre sotto controllo degli ebrei. Solo uno stato di Palestina laico e libero dal sionismo che consentirà il diritto al ritorno nella propria terra, potrà essere la strada per una piena autodeterminazione del popolo palestinese e per una pacifica convivenza e integrazione tra arabi e ebrei. Bisogna fermare questo massacro. Bisogna bloccare il progetto sionista. Nelle terre di Palestina stanno crescendo giovani con la convinzione, purtroppo, che solo con la violenza e imbracciando le armi si può conquistare un diritto inalienabile che dovrebbe essere acquisito con la nascita. La Libertà.

Pasquale Aiello

1854