il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

O.N.U.

O.N.U.

(24 Settembre 2011) Enzo Apicella
In discussione all'Onu la richiesta di adesione della Palestina. Israele oppone il proprio "diritto" a colonizzare i territori palestinesi.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Imperialismo e guerra:: Altre notizie

Istanbul, scomparso un giornalista saudita

(4 Ottobre 2018)

khashoggi

Pensava di cambiar vita il noto opinionista saudita Jamal Khashoggi, così è entrato nella sede del consolato del proprio Paese a Istanbul mentre l’attuale fidanzata l’aspettava per via. Il giornalista depositava la documentazione per ottenere il divorzio da una precedente partner. Però l’uscita da quell’edificio non è mai avvenuta e la compagna, lasciata fuori dall’edificio, non vedendolo tornare ha dato l’allarme della scomparsa. Per la polizia turca, e anche secondo l’ufficio del ministero degli Esteri saudita, l’uomo è ancora all’interno del consolato, mentre secondo la cerchia dei suoi amici Khashoggi è stato rapito. Un mistero in piena regola che dura da due giorni. Sul fronte lavorativo il giornalista, oggi cinquantanovenne, aveva già cambiato molto, sia la testata di riferimento e pure la residenza cercate negli Stati Uniti. Da lì sul Washington Post proseguiva una valutazione critica della gestione politica che da due anni ha stravolto parecchie dinamiche interne della nazione capofila delle petromonarchie del Golfo. Inutile sottolineare che il bersaglio dei suoi resoconti era Mohammed Bin Salman, il sovrano di fatto di Riyad. Gli staff governativi dei due Stati stanno comunque gestendo la questione prima che diventi un’emergenza. Certo Khashoggi, che ha lettori su carta stampata e fruitori del suo pensiero critico sul blog, è troppo conosciuto per sparire nel nulla senza richiamare l’attenzione di media e anche Intelligence. Ma dal Washington Post fanno sapere l’infruttuosità dei tentativi compiuti dalla direzione del giornale per rintracciare il collaboratore, e la stessa agenzia Reuters propende per un affare di Stato. Situazioni strane, al limite della legalità, sono già state proposte dalla creatività repressiva del principe-sovrano di casa Saud. Il caso più clamoroso fu l’enclave-sequestro propinato mesi addietro ad affaristi e a diversi membri della famiglia reale, tutti trattenuti per diversi giorni all’interno del Ritz-Carlton Hotel di Riyad nel corso d’una cosiddetta campagna anticorruzione. Alle strette fu messo il principe Alwaleed Bin Talal assai critico verso i passi di re Salman che hanno imposto l’avvento dell’ingombrante Mbs. Per non parlare di altre figure, in primo luogo oppositori e attivisti dei diritti, finiti in galera con condanne pluridecennali. E’ l’apertura modernista del principino riformatore.
4 ottobre 2018

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

993