il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Cara Liberazione, c'erano i comunisti, in piazza...

(25 Ottobre 2007)

Cara Liberazione,
l’entusiasmo per la manifestazione del 20 Ottobre è ancora forte e grande per essere offuscato dall’ennesimo, inaccettabile, scivolone del “nostro(?)” giornale.

Infatti, dati alla mano e a ragion veduta, si può tranquillamente affermare che quella del 20 Ottobre sia stata la più grande manifestazione organizzata dai comunisti dopo lo scioglimento del PCI; Piazza S. Giovanni piena, stracolma, di bandiere rosse con la falce e il martello; treni, pullmann e navi organizzati dal nostro Partito e dal PdCI.

Ma a leggere Liberazione e a sentire Sansonetti dal palco sembra proprio che ci fossero tutti tranne i comunisti a Piazza S. Giovanni il 20 Ottobre.

Facciamo un giochino facile facile: andate a rileggere l’edizione di Domenica 21 e rispondete alla domanda: quante volte è ripetuta la parola comunista? E invece, la parola sinistra? Non c’è partita oltre cento a 0 zero per la sinistra.

Bè come militanti del PRC (Partito della Rifondazione Comunista), protagonisti, insieme ad altri, della costruzione di questa grande manifestazione (oltre 15 volantinaggi, 3 attacchinaggi, oltre 60 compagni al corteo) ci siamo stufati di un giornale che ci cancella: la manifestazione del 20 è stata la manifestazione della sinistra comunista e della sinistra sociale (Fiom, lavoratori, migranti, femministe, studenti, ecc); la sinistra, quella di cui parlate voi, non c’era: a casa Mussi e il suo movimento, a casa Pecoraro e i Verdi.

L’unità della sinistra? Certo è un tema importante e sentito da tutti: ma è l’unità possibile quella che quella piazza chiedeva; l’unità sui contenuti (no al protocollo sul Welfare, mentre Mussi e Pecoraio hanno votato sì), l’unità sulla disponibilità alla lotta (non vi ricordate più di Mussi che chiedeva di svolgere l’iniziativa in un teatro?).

Il 20 il popolo comunista e di sinistra si è ritrovato, voi siete strabici e continuate a vedere solo quello che volete, noi ci siamo stufati di leggervi e non rinnoveremo l’ abbonamento e smetteremo con la diffusione militante. Lo sappiamo già che non ci capirete, d’altronde siamo diversi: noi siamo e resteremo comunisti.

PS. Da quando Liberazione ha smesso di fatto di essere il giornale del PRC ed è diventato un giornale di sinistra le vendite (già esigue) sono crollate: apriamo un dibattito? (la sinistra evocata da Sansonetti è più esigua dei vecchi lettori di Liberazione o è il giornale che ormai fa proprio schifo? Si accettano suggerimenti, grazie).

Luca Fontana
Segretario del Circolo Che Guevara del PRC di Roma

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

7145