il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Italiani!

Italiani

(15 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Riflessioni sul 20 Ottobre

(26 Ottobre 2007)

A leggere le dichiarazioni di svariati esponenti della sinistra sul significato del 20 Ottobre si ha l'impressione di aver partecipato a un corteo diverso da quello descritto. Fortunatamente il corteo è stato visto 'di persona' da un milone di persone, che certo non hanno bisogno di sentirsi dire da Mussi - che non c'era - il senso di quella giornata.

Il primo aspetto che mi ha colpito di quella magnifica giornata è stata la coreografia di Piazza Esedra. Un'ora prima della partenza vi erano migliaia di militanti, una piazza che straboccava, di rosso. Tante le bandiere degli unici due Partiti presenti, Prc e Pdci. La cosa che più mi ha colpito è stato lo spontaneo mischiarsi di quelle bandiere. Lungo il corteo era praticamente impossibile distiguere 'spezzoni' dei due Partiti, gruppetti dell'uno e gruppetti dell'altro passeggiavano insieme lungo lo stesso corteo. Mi è pure capitato di vedere un militante con una lunga asta, sopra la bandiera del Prc e sotto quella del Pdci. Una 'coreografia' così non mi era capitato di vederla in nessun'altra manifestazione, nonostante altre volte il Prc e il Pdci avessero manifestato insieme. Se questo è stato possibile credo lo si debba alla scelta, giusta, di cominciare un lavoro unitario nei territori, scelta fatta dai rispettivi gruppi dirigenti nazionali già da qualche mese. La stessa manifestazione è stata in gran parte delle città italiane organizzata unitariamente. Quando si lavora unitariamente per costruire una mobilitazione diventa naturale e spontaneo non 'dividersi' in piazza. Segno anche che il muro del '98 è definitivamente caduto, anche a livello psigologico, almeno per quanto riguarda il corpo militante di quei due Partiti e tanta parte dei rispettivi gruppi dirigenti territoriali. In un certo senso è vero che il corteo chiedeva unità, tra chi c'era.

Il secondo aspetto che mi ha colpito è stata la dimensione del corteo. Un corteo così corposo, e con una presenza non marginale di militanti comunisti, è da decenni che non si vedeva. Il Corriere della Sera, in un articolo di commento del giorno dopo, ha addirittura rispolverato paragoni con i cortei operai degli anni '70. Nel corteo c'era qualcosa in più delle tante manifestazioni organizzate dal PRC fin dalla sua nascita, nel 1991. C'era, visibile, una 'gamba' sociale e sindacale. C'erano tutte e tre le sinistre sindacali della Cgil (Fiom, Rete 28 aprile e Lavoro e Società). E c'erano i rispettivi dirigenti e militanti. C'erano tanti lavoratori in carne ed ossa, migliaia. Precari, operai, disoccupati. L'età media, insieme ai tanti giovani, era di 40 anni, piena età lavorativa. C'era, in sostanza, un pezzo reale e non marginale della classe lavoratrice italiana, quella concreta e reale, quella fatta da operai e precari, disoccupati e lavoratori in lotta (grandiose le lavoratrici della Vodafone). Non era mai sucesso dalla nascita del PRC. Del resto il vero limite 'nativo' di Rifondazione Comunista è stato quello di nascere senza una gamba sindacale, sempre rimasta nell'alveo della socialdemocrazia italiana. C'è chi dirà che questo è merito del Partito Democratico che ha liberato forze e disponibilità per la 'Sinistra'. Più semplicemente credo che questo sia dovuto a 15 anni di liberismo. Oggi in Italia vi è una gigantesca questione sociale e salariale, e il 20 ottobre è sceso in piazza un pezzo reale del mondo del lavoro, con le rispettive strutture sindacali. Sono queste persone che hanno fatto la differenza, e tra queste persone non ve ne era una che chiedeva la 'Cosa Rosa', ma più semplicemente e realisticamente una sinistra meno subalterna alla politica economica e sociale del Governo Prodi. Non erano 'comunisti', e sarebbe sciocco e non veritiero dirlo, ma nessuno di loro ha mostrato problemi o perplessità nel marciare al fianco e sotto le bandiere con la falce e il martello - tra l'altro simboli del lavoro prima ancora che simboli comunisti (elemento importante, visto che sfata una tesi sostenuta da tanta sinistra, e cioè che l'identità e la simbologia comunista sono un limite e un ostacolo per lo sviluppo e la crescita di un moderno soggetto politico anticapitalista).

Il 20 ottobre si è manifestato, concretamente e visivamente, un possibile aggregato politico e sociale di opposizione alle politiche liberiste. Sabato a Roma c'era la sinistra di classe, quella politica e tanta parte di quella sindacale. Questo fatto è di per sè un evento e per certi versi ricorda quello che si manifestò a Genova nel 2001 o a Vicenza nel 2007 (le differenze tra le manifestazioni sono tante, in comune hanno però la presenza di gran parte della sinistra di classe italiana - politica e sindacale -, di una marea di giovani e di tanti comunisti.).

Se nel 1991 - e in tutte le elezioni successive - si è dimostrata l'esistenza di uno spazio politico ed elettorale per l'esistenza in Italia di una soggettività politica comunista, nell'Italia dell'oggi e del domani il 20 ottobre ha dimostrato la praticabilità sociale di questo progetto. Fatto rilevante. Certo, il punto rimane sempre lo stesso: quale politica? Se fossero stati Sinistra Democratica e i Verdi a 'dirigere' la sinistra Italiana il 20 ottobre non ci sarebbe stato. Questo fatto pone una domanda, d'obbligo: se la 'Cosa Rosa' ci fosse già, il 20 Ottobre ci sarebbe stato? E nel 2008, quando le ragioni per manifestare saranno di più e non di meno, la 'Cosa Rosa' mobiliterà la sinistra italiana contro le politiche liberiste, anche se fatte da un governo amico? Sono 15 anni di liberismo che hanno liberato energie e forze nuove. Per incrociarle, come il 20 Ottobre ha dimostrato, bisogna opporsi alle politiche liberste e non, come ha sostenuto e sostiene Mussi, governare quelle politiche 'da sinsitra'. Tra l'altro è quello che ha sempre diviso, 'partiticamente' parlando, i comunisti e i socialisti in italia, almeno dal 1991 ad oggi.

Una parte della sinistra suona la gran cassa sulla 'Cosa Rosa' e non ha remore a piegare il 20 Ottobre a questo fine. Chi c'era, però, le cose le ha viste con i propri occhi. I miei hanno visto il solo Folena interrogarsi, in bicicletta, sulla 'Cosa Rosa' che verrà. E come sempre accade, almeno in politica, alla fin fine sono i fatti a prevalere, prima ancora delle scorciatoie politiciste.

Stefano Franchi - segreteria Prc di Bologna

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La cosa ... "rossa"»

Ultime notizie dell'autore «Partito della Rifondazione Comunista»

12411