il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Dignità operaia

Dignità operaia

(9 Marzo 2012) Enzo Apicella
Oggi sciopero generale dei metalmeccanici convocato dalla Fiom e manifestazione nazionale a Roma

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Per un sindacato di classe)

Attualità del sindacalismo di base.

(3 Ottobre 2009)

Finalmente, si è messo in moto, un progetto, il più ampio ed unitario possibile, per la creazione di un unico soggetto costituente, del conflittuale sindacato di base.
Lunghi tempi di gestazione, non facili, con confronti e vere e proprie discussioni, anche alcune rotture, che si spera temporanee, ma concretamente si apre a Roma, al centro congressi Frentani, il percorso unitario.
Una soddisfazione, per chi da anni, auspicava questo nuovo scenario.
Soprattutto, per i tantissimi delegati di base, che lavorando quotidianamente nei posti di lavoro, premevano perchè il prima possibile, ci si ritrovasse in un unico percorso del sindacalismo di base.
Lo scenario, che ci si apre davanti, è di un vero e proprio rinvigorimento del sindacato non concertativo, del sindacato in lotta.
Una grande assemblea nazionale indetta da rdb, sdl, e vari settori della cub.
Una innovazione organizzativa che è destinata ad incidere positivamente, a lasciare un segno tangibile , superando dinamicamente tempi passati, oggettivamente di divisione, quando non di vere e proprie parcellizzazioni, non di rado, incomprensibili ai più.
Nasce, una valida e reale alternativa, a sindacati gialli, ormai in preda a derive di pratiche concertative e consociative, pratiche di ovvio ribasso e di svendita di diritti e di politiche per il lavoro.
Per cgil, cisl, uil, e la loro nuova quarta appendice ugl, sarà da oggi più difficile gestire pratiche antidemocratiche e di vero e proprio privilegio(quote di posti già assegnati), come quelle delle elezioni di delegati nei posti di lavoro.
Da oggi, la contestazione a queste pratiche è più unitaria, più forte e di logica conseguenza più visibile e concreta.
Più facile opporsi concretamente all'attacco al diritto di sciopero e di manifestazione.
Più semplice l'intervenire in conflitti e vertenze, più collegati e compatti organizzativamente.
In tempi di crisi economica del sistema capitalista, servivano scelte coraggiose, nuove, il percorso per un sindacato di base, finalmente prova a mettersi in sintonia con le giuste istanze diffuse tra gli iscritti e le iscritte.
Primo banco di prova, lo sciopero generale nazionale del 23 ottobre, convocato dal Patto di Base, con una manifestazione che si svolgerà a Roma, e che mobiliterà unitariamente, i settori impegnati nel dare voce ed organizzazione, alle tante vertenze diffuse nei territori e nei luoghi di lavoro.
Per dare concretezza, ad una opposizione sociale che operi per contrastare con successo, le politiche governative liberiste ed antipopolari del governo Berlusconi.
Respingendo con forza, i tentativi consociativi, di un'idea di sindacato (cgil, cisl, uil, ugl), sempre più in crisi di identità e di elaborazione.
Coscienti della difficile fase, ma anche delle immense possibilità positive.
Non resta che augurare un buon lavoro, ai tanti ed alle tante, impegnati/e a rendere fattibile, questa nuova pagina , che ha il merito di ridare un senso al termine ed al senso di cosa possa essere un sindacato di classe per l'oggi e per il futuro prossimo venturo.

Enrico Biso

6962