il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Cuba, Fulvio Grimaldi e Liberazione

"licenziamento in tronco" dopo l'ultimo articolo su Cuba

(24 Maggio 2003)

A Sandro Curzi, direttore di "Liberazione",
A Paolo Serventi Longhi, Segretario Nazionale della Federazione
Nazionale della Stampa,
al Comitato di Redazione di "Liberazione".

Direttore,
quella in calce è l'ultima puntata di Mondocane apparsa il 9 maggio su "Liberazione". Il giorno precedente tu me ne avevi annunciato la pubblicazione e mi avevi raccomandato di restare in futuro nei limiti degli accordi relativi ai contenuti della rubrica.
Nel successivo articolo, non più pubblicato, mi ero attenuto strettamente alle tue indicazioni.
Cinque anni fa, all'inizio della mia collaborazione con il giornale, mi avevi detto che avrei potuto scrivere di tutto. Successivamente, mi era stato chiesto di confinare i miei scritti a temi ecologici.
Da esperto, per 40 anni, di questioni internazionali, mi è sembrato lecito inserire le questioni ambientali nel più vasto contesto della politica e delle devastazioni ecologiche, che non mi pare siano limitate alla preservazione dei fringuelli, o alla denuncia di inceneritori.
Del resto, nei miei quasi quotidiani dibattiti con presentazione dei miei video sulle aree di crisi, i compagni mi chiedono, da Bolzano a Trapani, di esporre le mie esperienze in fatto di conflitti e questioni geopolitiche, immancabilmente connessi a temi ecologici.

Il giorno successivo alla pubblicazione del Mondocane su Cuba, in cui non ho certo espresso opinioni più "devianti" di quante ne erano state già pubblicate su Liberazione e financo sul Manifesto, mi hai fatto comunicare impropriamente dall' Amministratore del giornale, Mauro Belisario, che la mia collaborazione era cessata.
A prescindere che tale comunicazione mi sarebbe dovuta arrivare da te e in modo formale, non mi sono state illustrate le motivazioni per un simile "licenziamento in tronco" di un collaboratore dopo cinque anni di non indifferenti contributi.
Arguisco, comunque, che il mio trattamento dell'argomento Cuba abbia provocato il dissenso e la censura del vertice del Partito. Arguisco anche che quel Mondocane sia stato considerato la goccia che ha fatto traboccare il vaso della mia "eterodossità" rispetto alla "linea" di una parte della maggioranza del Partito.
Lo deduco dalle infinite censure che mi sono state inflitte, fin dai tempi dell'aggressione alla Jugoslavia, quando, contro le illusioni e gli errori di altri, documentai fatti poi divenuti di comune certezza, come l'assoldamento dell'organizzazione di opposizione serba "Otpor" (da altri in Liberazione definiti "compagni del Movimento") da parte della CIA, il carattere diffamatorio e non corretto della definizione di Milosevic come dittatore, il crollo dell'accusa di "pulizia etnica" di fronte ai dati rilevati dagli investigatori Nato e ONU, pubblicati addirittura su "L'Unità".
Una mia lunga e drammatica intervista con Milosevic, l'ultima prima dell'arresto, venne pubblicata con grande interesse dal "Corriere della Sera", ma ritenuta impubblicabile da "Liberazione".
Altre censure mi vennero imposte per aver intervistato a Bagdad, l'autunno scorso, Tariq Aziz, e aver "confessato" di avere avuto da questo uomo di Stato ripetute interviste, tanto che tutti i miei successivi reportage vennero cestinati, per quanto non fossero per nulla "scandalosi", o segnati da esaltazioni di Saddam Hussein.
Questa condotta si ripetè durante l'aggressione imperialista all'Iraq, quando da Bagdad, tra difficoltà che si possono ben immaginare, offersi di inviare articoli.
L'offerta venne accettata, ma i miei pezzi, scritti tra una bomba e l'altra, furono ridotti a "lettere al direttore", per quanto, anche in questo caso, non vi si potesse rilevare alcun accento "scandaloso".

A questo punto, mi è dovuta una spiegazione dettagliata dei motivi per questo allontanamento in tronco, spiegazione che, per la verità, meriterebbero anche i lettori dei miei articoli dai quali mi risulta tu abbia ricevuto numerosi apprezzamenti e ora denunce di inammissibile censura.
Se una rubrica viene cassata, spetta all'autore il diritto di salutare i suoi lettori, o a qualcun altro il dovere di una spiegazione.

Pare davvero paradossale che, mentre Partito e Giornale sono impegnati con grande energia nella difesa di giornalisti censurati ed epurati dalla RAI, come Santoro e Biagi, per i quali si allestiscono addirittura clamorosi "Sciuscià in piazza", e si pone al centro della propria battaglia politica l'estensione dell'art.18 e, dunque, della "giusta causa", questa "giusta causa" non venga attivata e nemmeno comunicata a un collaboratore a contratto di un giornale che porta nella testata la dicitura "comunista".

Rilevo anche che Liberazione si presenta come un giornale di partito, e dovrebbe essere di TUTTO il partito, nelle sue diverse anime, ma afferma anche di voler esser letto da chi comunista non è.
Non credo che questo comporti che chi comunista è non debba scriverci.
Infine, nel quadro delle caratteristiche che contrassegnano i materiali dei media, è norma consolidata che le rubriche (con tanto di foto) non debbano essere disciplinatamente omogenee alla linea del giornale, ma abbiano gli attributi della libertà d'espressione e del segno personale dell'autore.
Forse conviene ricordarsi del ricco e stimolante pluralismo che vigeva su L'Unità.
In attesa di una tua risposta a quanto sopra, ti saluto confortato dalla solidarietà di tanti compagni e lettori.
Con riserva di adire agli strumenti sindacali e legali a disposizione.

Roma, 19 maggio 03


CUBA - FULVIO GRIMALDI PER MONDOCANE O9/O5/O3

Lo fan tutte e stavo per pronunciarmi anch'io su Cuba. Riflettevo che la pena di morte non mi pare per niente buona, tanto meno se inflitta a democratici in fuga (qualcuno vorrebbe farli passare per dirottatori a mano armata incaricati di promuovere iscrizioni agli uffici di reclutamento della centrale mafio-terroristica di Miami).

Non godo delle prigioni (neanche quando inflitte ad Adriano Sofri che scambia Trotzky per Bush e bagni di sangue per semina di democrazia), specie se toccano a oppositori (integralisti rossi li definiscono mercenari di Mr. Carson, incaricato USA della liberazione del popolo, reclutati per l'ennesima campagna democratica: 70 miliardi di dollari rubati dall'embargo, 3.478 cubani giustiziati con omicidi, invasioni, bombe, guerre biologiche).
Oppositori che vorrebbero per l'isola gli stessi benefici goduti in passato da paesi come Cile, Guatemala, Argentina e, ultimamente, Iraq.

Stavo per esprimere tutta la mia fregola per i diritti umani disattesi, quando, svaporata un po' di lucidità grazie a un goccetto di Havana Club, mi sono ritrovato su alcuni, obliati sentieri.
Dalle parti di Guantanamo, superate dieci gabbie per polli dove pastori e bambini afgani, incappucciati e incatenati in ginocchio, venivano allevati a diritti umani, gironzolavo in una landa resa verdissima e fronzuta, zeppa di bovini al libero pascolo, ruscelli scalpitanti, uccelletti cinguettanti, pesticidi biologici rampanti, grazie a un ciclopico lavoro di trasferimento d'acqua là dove prima c'era un Sahara.
Più in là, in quel di Bayamo, abitavo aule, dormitori, basketdromi, mense e campi biologici, al seguito dialettico di minigonellate fanciulle che acquistavano gratis conoscenza e coscienza.
Mentre, allungato lo sguardo oltremare, scorgevo donne ravanare nell'analfabetismo per il 78% della popolazione centroamericana e caraibica.

Impegnato nello scatarrare i residui delle patrie emissioni di diritti umani via marmitte e ciminiere e ancora fosforescente per piogge di casalingo elettrosmog, in cima alla sierra risanavo a forza di medicina naturale, in uno dei mille ambulatori alimentati da pannelli solari con i quali questi avanzi del realsocialismo arrivano al 35% di energia pulita.
E allora, dilemma: come la mettiamo con quest'isola?
Mi soccorre il Tg: "In Israele roadmap di pace e governo anti-Intifada di Abu Mazen inaugurati con strage di palestinesi a Gaza.
I marines sparano sulla folla a Falluja, Bassora, Mosul, Bagdad" e superano i 30 milioni di esecuzioni extragiudiziarie di dissidenti dal 1945 ad oggi.
QUESTA è serietà professionale in democrazia.

Fulvio Grimaldi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

Ultime notizie dell'autore «Fulvio Grimaldi»

4833