il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Carpe Diem

Carpe diem

(29 Giugno 2011) Enzo Apicella
Il governo Berlusconi studia una manovra economica da 47 miliardi, che dovrà essere realizzata ... dal prossimo governo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sullo sciopero di venerdì 26 marzo: questa è la verità sulle pensioni

volantino diffuso alla manifestazione di Torino

(27 Marzo 2004)

Sono stati proprio loro Cgil-Cisl-Uil nel '95 a scavare la fossa alle pensioni: togliendola ai giovani e impoverendo quella dei più anziani. Berlusconi sfonda una porta già aperta

Cosa è successo nel '95
L’attacco alle pensioni parte da lontano, dai governi “tecnici” e “amici”.
Già nel '92 il governo Amato aveva allungato il limite della pensione di vecchiaia di 5 anni e creato pensioni più povere, con un calcolo sugli ultimi dieci anni. Nel '95 arriva - con l'appoggio di Cgil-Cisl-Uil - la "riforma" Dini, che decide la graduale abolizione delle pensioni di anzianità e l’introduzione del metodo contributivo per chi inizia a lavorare nel '96,un sistema iniquo di calcolo che si basa solo sul totale dei contributi versati. E' cambiato radicalmente il concetto di previdenza pubblica: si infrange il patto di solidarietà tra anziani e giovani; si passa dal diritto alla pensione basato sul lavoro di un certo numero di anni ad un vitalizio cui si accede esclusivamente se si riesce a incrementare un capitale individuale (minimo 115.000 - 220-230 milioni di £).

Quando mai i nostri giovani potranno avere una pensione?
Dalla firma di Cgil-Cisl-Uil al "pacco" Treu divenuto Legge nel '97, fino allo sciagurato Patto per l'Italia (legge 30), sottoscritto da Cisl e Uil, incombe sfrenata la trasformazione del lavoro in un sistema globale di precariato. Così i giovani lavoratori/trici ormai destinati ad occupazioni saltuarie, intermittenti, si troveranno dopo 40 anni di lavoro senza aver diritto a niente. Per una colf ad esempio a 25 ore settimanali servono 110 anni a maturare una pensione.
Ma non solo: con la decurtazione salariale in atto (anche la Cgil ha firmato i vari salari di ingresso, apprendistato generalizzato ed ora anche i contratti di inserimento) un giovane a full-time impiegherà 80 anni per raggiungere il diritto alla pensione

Il governo mette ora il coperchio
Si cancella ora anche la possibilità di andare in pensione a 57 anni con 35 anni di contributi: dal 2008 il diritto alla pensione matura per tutti con 40 anni di contributi. E sullo sfondo l'estensione totale del retributivo.
Ma, oltre alla volgare mira di Berlusconi & C. di far cassa con i soldi dei lavoratori, oltre una strumentale politica rispetto al presunto deficit dell’Inps, il vero obiettivo è l’estinzione della pensione pubblica.
Ciò a cui si mira è costringere i lavoratori ad aggrapparsi ai Fondi “complementari” fino a farli diventare “sostitutivi” e ad alimentare con il nostro TFR il mercato azionario. E ogni sotterfugio è buono, compresa la formula del silenzio-assenso.

I Fondi e lo scippo del TFR
E' sempre ancora la legge 335 del '95 che ha attivato i fondi pensionistici chiusi istituiti con i contratti nazionali di lavoro e che ha identificato nel TFR lo strumento base per il loro finanziamento.
Ma anche sui fondi pensione "chiusi" pesa l’instabilità dei business finanziari mondiali (crisi inflattive, crolli borsistici, guerre) e i ben noti crack di aziende come il colosso Usa dell`energia, Enron, che ha polverizzato le pensioni di migliaia di lavoratori.
Perché mai Cgil-Cisl-Uil non dicono ai lavoratori tutto questo ?
Guarda caso, i sindacati confederali sono nei comitati di gestione!

E’ questo uno sciopero per difendere la legge Dini che ha già massacrato le nostre pensioni, per tornare a sedersi al tavolo della concertazione, soprattutto se in gioco c'è la gestione dei Fondi Pensioni complementari
Su questa piattaforma e su questi contenuti non ci riconosciamo.
La battaglia sulla pensioni deve avere come discriminante 35 anni di lavoro; ristabilire il sistema retributivo esteso a tutti fino ai neo-assunti; salvaguardare i lavori usuranti; investire risorse nella previdenza pubblica e restituire ai lavoratori/trici la disponibilità del TFR che solo a loro appartiene.

CONFEDERAZIONE COBAS - Torino

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Sciopero generale del 26 marzo 2004»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

18577