il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Psicocomunista

Psicocomunista

(14 Novembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Un ricorso contro il nuovo simbolo di Rifondazione Comunista

(22 Maggio 2004)

Care compagne e cari compagni,

Come deciso nella III assemblea autoconvocata, è stato approntato un ricorso al CNG contro l’utilizzo di un simbolo del partito non previsto dallo Statuto del Partito; al ricorso è allegato un modulo per la raccolta delle firme degli iscritti che intendano sottoscriverlo.

Il ricorso con le firme non va spedito, perché vogliamo consegnarlo con tutte le firme dei compagni; comunicate a questa casella quando avrete terminato la raccolta di firme e riceverete l’indirizzo di Roma a cui spedirle. Naturalmente, potete portare le firme anche all’assemblea che si terrà a Roma la mattina del 4 giugno (prestissimo comunicheremo l’indirizzo della sala e l’orario), prima della manifestazione per la presenza di Bush, in ogni caso l’invito è a fare presto.

Segnaliamo che il compagno Fulvio Grimaldi è stato deferito al Collegio di Garanzia romano per l’iniziativa in occasione della presentazione alla stampa della “Sinistra Europea” (BertiNot in my name…); naturalmente, decideremo insieme come rispondere.

autoconvocati PRC

il testo del ricorso:

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA COLLEGIO NAZIONALE DI GARANZIA
RICORSO AVVERSO L’UTILIZZO DI SIMBOLI DIFFORMI


Da alcune settimane, in molte manifestazioni pubbliche e sulla propaganda del partito compare un simbolo diverso da quello descritto nello Statuto del Partito della Rifondazione Comunista all’articolo 65, votato dal V Congresso Nazionale del nostro partito.

Diversamente da quanto disposto dal citato art. 65, il simbolo che compare è parzialmente circondato da una sorta di mezzaluna di colore rosso, recante al proprio interno, disposta ad arco di cerchio, la scritta bianca “SINISTRA EUROPEA”.

L’articolo 29 dello Statuto approvato dal V Congresso dispone inequivocabilmente che “Il congresso nazionale esamina le proposte di carattere statutario e decide su di esse”; orbene, essendo i simboli del partito una questione incontestabilmente di carattere statutario, tanto è vero che sono regolati da un apposito articolo dello Statuto, l’utilizzo di simboli anche solo parzialmente difformi da quello indicato dall’art. 65 appare del tutto illegittimo ed arbitrario.

Non rileva, al proposito, l’eventuale obiezione che la mezzaluna e la scritta costituiscono un mero slogan di carattere contingente, come, a titolo di esempio, la scritta “PER LA SINISTRA” che compare sul simbolo utilizzato dal Partito dei Comunisti Italiani nella tornata elettorale europea; invero, il simbolo difforme viene utilizzato in numerose occasioni che non rivestono carattere elettorale ed è comparso addirittura su bandiere e carta intestata del partito, in flagrante violazione del combinato disposto dai citati artt. 29 e 65.

A nostro avviso, potrebbero configurarsi, a tutti gli effetti, le ipotesi indicate dall’art. 52 dello Statuto in merito alle “violazioni gravi e ripetute dello Statuto”, nonché ai “comportamenti lesivi dell’immagine pubblica del partito” e del “grave pregiudizio all’organizzazione del partito”.

Non intendiamo, in questa sede, entrare nel merito di altri elementi, di carattere politico, che esulano da questioni strettamente statutarie, ma che ugualmente contraddicono lo Statuto, in particolare con riferimento all’art. 3, laddove recita testualmente: “Ogni iscritta/o al Partito della Rifondazione Comunista ha il diritto di partecipare alle attività, alla discussione e ai meccanismi decisionali di partito con piena libertà di fare proposte di discussione e di lavoro” e ancora: “Ogni iscritta/o ha il diritto di essere informata/o delle discussioni e delle decisioni da parte delle varie istanze del partito e delle critiche rivoltele/rivoltegli”. Decine di migliaia di iscritte/i non hanno avuto alcuna possibilità di partecipare ai meccanismi decisionali che hanno portato, a titolo di esempio, all’adesione del Partito della Rifondazione Comunista ai principi culturali della cosiddetta “nonviolenza” e sono state informate/i delle decisioni assunte dalle massime istanze del partito in merito alla ricerca di un “accordo di governo” con il centrosinistra dai giornali.

Per tutto quanto esposto, si chiede al Collegio Nazionale di Garanzia di accertare le responsabilità connesse all’utilizzo di simboli del partito difformi da quello previsto dallo Statuto e di pronunciarsi per il ripristino della legittimità statutaria, disponendo il ritiro del simbolo in epigrafe indicato e adottando le sanzioni che riterrà opportune nei confronti dei responsabili eventualmente individuati.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Comunisti autoconvocati»

Ultime notizie dell'autore «autoconvocati del PRC»

20039