il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

63 anni di marionette

63 anni di marionette

(24 Maggio 2011) Enzo Apicella
Obama: "Israele deve tornare ai confini del '67, anzi... non intendevo dire questo!"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Comunicato di solidarieta' dell'anpi ai prigionieri politici colombiani

(28 Aprile 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.nuovacolombia.net

Comunicato di solidarieta' dell'anpi ai prigionieri politici colombiani

foto: www.nuovacolombia.net

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA
Comitato Provinciale di Macerata

Macerata, li 25/04/2012

SOLIDARIETA’ ANTIFASCISTA AI PRIGIONIERI POLITICI COLOMBIANI

Nella ricorrenza del 25 aprile, giorno in cui l’Italia resistente commemora la Liberazione dall’oppressore nazifascista, esprimiamo, a nome di tutti quanti gli antifascisti che difendono l’universalità dei valori democratici di libertà, pace e giustizia sociale, piena solidarietà al giornalista svedese-colombiano Joaquín Pérez Becerra e agli oltre 9000 prigionieri politici che si trovano nelle carceri del regime colombiano. Joaquín, superstite del genocidio del movimento politico Unión Patriótica per mano del terrorismo di squadre legali ed illegali del regime colombiano, si rifugiò in Svezia negli anni ’90, dove gli furono concessi prima l’asilo e poi la cittadinanza svedese; da Stoccolma, ha continuato a battersi per i diritti umani, sociali, politici ed economici del suo popolo dalla trincea contro-informativa di ANNCOL, l’Agenzia di Notizie Nuova Colombia, di cui è direttore. Il 25 aprile del 2011 fu sorprendentemente arrestato in Venezuela e consegnato al regime colombiano in maniera totalmente illegale, in violazione di ogni convenzione internazionale sulla difesa dei rifugiati politici ed in violazione della Costituzione venezuelana stessa. Attualmente recluso nel carcere La Picota di Bogotá in Colombia, è vittima di una terribile montatura giudiziaria, accusato sulla base di prove inutilizzabili e rivelatesi false come stabilito dalla Suprema Corte di Giustizia. In Colombia, come denunciato dalle organizzazioni per i Diritti Umani, la pratica delle montature giudiziarie è strumentale per incarcerare l’opposizione al regime, in qualunque forma essa si manifesti. L’esistenza di oltre 9000 prigionieri politici, le reiterate condizioni di tortura, così come le comprovate negazioni di assistenza medica che hanno causato la morte di diversi detenuti, ci inducono ad esprimere una sincera e decisa protesta nei confronti del governo di Juan Manuel Santos che, invece di negare l’esistenza dei prigionieri politici, dovrebbe permettere ad organismi internazionali e movimenti per la pace di visitare i prigionieri per verificare le condizioni della loro detenzione.
A nome di tutti i compagni che si adoperano per mantenere viva la memoria ed il valore di chi, Partigiano, ha combattuto regimi sanguinari nel nostro paese, esprimiamo solidarietà all’antifascista Joaquín Pérez Becerra, ai prigionieri politici che soffrono nelle carceri del regime, e a tutto il popolo colombiano in resistenza.

Lorenzo Marconi
Presidente A.N.P.I. Comitato Provinciale Macerata

Altri Clamori dalla Colombia...

Associazione nazionale Nuova Colombia

3914