il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Trayvon

Trayvon

(20 Luglio 2013) Enzo Apicella
Assolto il vigilante George Zimmerman che nel 2012 uccise il 17enne nero Trayvon Martin

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Manganelli sulle occupazioni

(8 Aprile 2014)

Casa. A Roma, la polizia reprime con violenza gli attivisti e le famiglie che insediati in sei stabili. Sgomberati tre edifici: «Ci hanno picchiato anche con gli attrezzi trovati sul posto. Poi arrestati e identificati»

mangasulleoccu

Un nuovo tsu­nami di occu­pa­zioni abi­ta­tive è arri­vato ieri sulla Capi­tale, rice­vendo come rispo­sta dalle isti­tu­zioni man­ga­nel­late e sgom­beri. Sei nuove occu­pa­zioni tra la Mon­ta­gnola, Monte Sacro, Nomen­tano, Ponte di Nona, Ostiense e Torre Spac­cata. A fine gior­nata solo tre riu­sci­ranno a non essere sgomberate.

È da poco pas­sata l’una e mezza quando i ragazzi del neo­nato stu­den­tato occu­pato «Godot», a poche cen­ti­naia di metri dall’università la Sapienza, tra­mite una foto su Twit­ter chie­dono di rag­giun­gere lo sta­bile di cui hanno preso pos­sesso: all’angolo di via Cesal­pino fa capo­lino la celere in tenuta anti­som­mossa. Nes­suna media­zione o inter­lo­cu­zione, la poli­zia sca­valca il muretto e comin­cia la carica verso i cin­quanta stu­denti che stanno cor­rendo a ripa­rarsi sul tetto. «Ci hanno por­tato via e iden­ti­fi­cato con tele­ca­mera e docu­menti uno ad uno ad uno – rac­conta un’attivista – La poli­zia ha cari­cato non solo con i man­ga­nelli ma anche con una pala e altri oggetti tro­vati nel cor­tile, due ragazzi sono stati feriti e poi tra­dotti in com­mis­sa­riato, uno dei due con un naso rotto. Men­tre altri nono­stante le con­tu­sioni sono riu­sciti ad allon­ta­narsi». La palaz­zina occu­pata è un bene seque­strato alla mafia, «una ex facoltà pas­sata poi nelle mani di una cosca e ora abban­do­nata. Per­ché non farne case per gli studenti?».

Con­tem­po­ra­nea­mente la poli­zia arriva anche a Ponte di Nona, dove più di cin­quanta nuclei fami­liari, orga­niz­za­tisi con i Bloc­chi Pre­cari Metro­po­li­tani, hanno occu­pato due palazzi di pro­prietà del costrut­tore Car­lino. Stesso copione: caschi e man­ga­nelli, che que­sta volta gli agenti evi­tano di usare, e la resi­stenza pas­siva ma deter­mi­nata degli occu­panti che ven­gono por­tati giù dal tetto. «Ora le fami­glie si tro­vano a Torre Spac­cata accolte da chi oggi non è stato sgom­be­rato – rac­conta Irene dei Bpm – Le ope­ra­zioni di sgom­bero sono durate ore gra­zie alla loro deter­mi­na­zione. Abbiamo incon­trato tanta soli­da­rietà oggi, anche da chi sta pagando un mutuo che non gli per­mette di arri­vare alla fine del mese e si è mostrato vicino a chi decide di pren­dersi una casa». Nel pome­rig­gio invece è la volta di Neet Block, occu­pa­zione in via del Com­mer­cio fatta da un col­let­tivo di gio­vani pre­cari. «Siamo gli invi­si­bili, quelli che non rien­trano nelle sta­ti­sti­che uffi­ciali e che non pos­sono acce­dere ad alcun ammor­tiz­za­tore sociale – hanno scritto in un comu­ni­cato – ci chia­mano neet e secondo l’informazione uffi­ciale siamo quelli che non stu­diano, non lavo­rano, non par­te­ci­pano». Qui la poli­zia carica all’esterno dell’edificio, ferendo anche un cro­ni­sta di «H24» giunto sul luogo, e poi rie­sce a rag­giun­gere dopo più di due ore il tetto, costretta a chie­dere l’intervento di vigilo del fuoco per rimuo­vere le bar­ri­cate degli occu­panti. Alla fine nes­sun fermo e i ragazzi escono con i pugni alzati da quella che per qual­che ora è stata la casa che non si pos­sono per­met­tere. Anche in via Val D’Ala, dove 40 nuclei fami­liari di senza casa e sfrat­tati con l’Asia-Usb ave­vano occu­pato una palaz­zina, arriva lo sgom­bero nel tardo pomeriggio.

Per Luca Fagiano, por­ta­voce del Coor­di­na­mento cit­ta­dino di lotta per la casa, siamo di fronte «ad un clima molto pesante verso i movi­menti e i biso­gni sociali. Die­tro le scelte poli­ti­che del governo di Renzi evi­den­te­mente c’è un blocco di potere, anche eco­no­mico, che vuole che la que­stione della casa rimanga esclu­si­va­mente nelle mani del mer­cato e della ren­dita». Il Piano casa pre­sen­tato dal mini­stro delle Infra­strut­ture Mau­ri­zio Lupi, che dopo la mani­fe­sta­zione dello scorso 19 otto­bre aveva anche incon­trato i movi­menti per il diritto all’abitate, sem­bra andare esat­ta­mente in que­sta dire­zione ed è di fatto una dichia­ra­zione di guerra ai movi­menti e a chi occupa. Nel decreto che tra pochi giorni sbar­cherà in aula è con­te­nuto il fami­ge­rato arti­colo 5 che recita «chiun­que occupa abu­si­va­mente un immo­bile senza titolo non può chie­dere la resi­denza né l’allacciamento a pub­blici ser­vizi in rela­zione all’immobile mede­simo e gli atti emessi in vio­la­zione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge».

«Sap­piamo che potrebbe non finire – con­ti­nua Fagiano – e siamo pronti a resi­stere nelle occu­pa­zioni. Nei pros­simi giorni tor­ne­remo a far sen­tire la nostra voce in città fino al cor­teo nazio­nale di sabato». Il 12 aprile infatti Roma si pre­para ad acco­gliere un cor­teo nazio­nale che sfi­lerà da Porta Pia fino al Mini­stero del wel­fare per tor­nare a Porta Pia, dove non a caso a sede il dica­stero occu­pato da Lupi. Al cen­tro della mani­fe­sta­zione la con­te­sta­zione del jobs act e l’intenzione di «asse­diare» il mini­stero del Wel­fare in via Veneto, e pro­prio il piano casa.

Valerio Renzi, il manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

6792