il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Emergency: testimony scomody

Emergency: testimony scomody

(16 Aprile 2010) Enzo Apicella
Il consulente alla difesa USA Luttwak a Anno Zero: Emergency sta dove non deve stare e vede cose che non deve vedere

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

CHI HA FAVORITO IN ITALIA DOMENICO MANCUSO, CAPO NARCOPARAMILITARE?

(22 Agosto 2014)

chihafavoritoinitalia

Il 6 agosto scorso è stato arrestato a Imperia il paramilitare italo-colombiano Domenico Antonio “Lucas” Mancuso Hoyos, cugino dell'ex capo delle AUC Salvatore Mancuso; “Lucas” era ricercato con circolare rossa dell'Interpol per omicidio aggravato multiplo e concorso a delinquere, ed è stato fra gli autore del massacro della Gabara del 1999.
Elemento di collegamento fra paramilitari ed esercito nel Norte de Santander, non ha preso
parte alla funesta finta smobilitazione voluta da Uribe nel 2004, dai cui atti risulta che, nelle AUC, ha avuto anche funzione di gestore delle finanze nella regione del Catatumbo su mandato dei fratelli Castaño.
Jorge Iván Laverde Zapata, alias ‘El Iguano’, ex capo paramilitare del Fronte Fronteras, ha affermato di essersi riunito in sei occasioni con Domenico per controllare i conti della proprio banda.
Stupefacente la libertà di movimento che ha avuto in Italia; giunto con documento rilasciato dall'ambasciata italiana di Bogotá, ha richiesto la carta d'identità ad Imperia (che gli è stata rilasciata senza difficoltà alcuna), ha acquistato un'auto e per due anni ha scorrazzato liberamente, finché qualcuno si è accorto che è un capo paramilitare pluriomicida e che è il caso di arrestarlo. In sostanza, i criminali ricercati in Colombia si rifugiano in Italia, e viceversa, in una sorta di Erasmus della malavita patrocinato dalle corrotte sedi diplomatiche.
Su quali connivenze ha potuto contare, anche in Italia? Chi lo ha favorito, permettendo a un criminale di tale calibro di trascorrere nel nostro paese due anni senza essere disturbato? La sua appartenenza alla 'Ndrangheta calabrese, condivisa con il suo illustre cugino, gli ha garantito la possibilità di vivere in una cittadina strategicamente vicina al confine con la Francia senza essere disturbato delle forze dell'ordine italiane?

Associazione Nazionale Nuova Colombia

9113