il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

13 Settembre, sciopero dei ferrovieri

(7 Settembre 2015)

cubcastrasp

PER un Dignitoso rinnovo del CCNL Attività Ferroviarie/Mobilità /Autoferro e Contratti
Aziendali

PER la Democrazia della Rappresentanza e il Diritto di Sciopero

PER la Sicurezza sul Lavoro e delle Lavorazioni ed il Reintegro dei Lavoratori Licenziati

PER la Stabilità e la Dignità del Lavoro, per il Diritto alla Studio e alla Salute

PER un Regime Pensionistico equo e l'Abolizione della Legge Fornero

PER l'Unità del Comparto Ferroviario e contro i processi di Privatizzazione dei Trasporti Pubblici


La CUB TRASPORTI proclama uno Sciopero Nazionale di 8 ore dalle Ore 9.00 del giorno 13/09/2015, alle Ore 17.00 del 13/09/2015

Del personale Dipendente del Gruppo FSI – Ferrovie dello Stato Italiane (escluso il personale appartenente alla divisione Cargo di Trenitalia per vicinanza a sciopero Cat del 10/09) e NTV ( Addetti alla Circolazione dei Treni).


Parallelamente si svolgerà lo sciopero di 24 ore proclamato dalla O.s. CAT
dalle 21 del 12/09 alle 21 del 13/09


Chiediamo inoltre a Tutti i Lavoratori il rispetto rigoroso della normativa di lavoro da oggi fino al 13 settembre, senza espletare prestazioni aggiuntive


• Di fronte alla prospettiva disastrosa della privatizzazione selvaggia del comparto ferroviario e della cancellazioni dei diritti di lavoratori e cittadini;

• Di fronte ad un contratto nazionale delle attività ferroviarie scaduto ed alla prospettiva di ulteriori peggioramenti lavorativi, dopo quattro contratti consecutivi al ribasso;

• Di fronte alla drammatica situazione industriale di NTV che sconfessa la bontà delle privatizzazioni e minaccia il futuro di tanti lavoratori;

• Di fronte ad un assalto senza precedenti alla facoltà di espressione dei lavoratori, minacciata dagli attacchi di Istituzioni e sindacati concertativi al diritto di sciopero e dal Testo Unico sulla Rappresentanza che renderà sterili le nuove RSU e cancellerà ogni libero dissenso dei lavoratori.

• Di fronte ad un regime pensionistico incivile, che prevede per molti lavoratori il traguardo della pensione ben oltre l'aspettativa di vita media della propria categoria lavorativa;

• Di fronte alla sottovalutazione della sicurezza del lavoro e delle lavorazioni e al licenziamento di lavoratori impegnati nella difesa di questo principio fondamentale, nonché al crescente perpetrarsi di aggressioni al personale in assenza di adeguate misure di prevenzione;

• Di fronte allo smantellamento dello stato sociale e dei servizi pubblici essenziali, operato attraverso la privatizzazione del trasporto pubblico, la riforma del lavoro (jobs act) che aggrava ulteriormente la precarietà sistemica in questo paese, lo smantellamento del sistema sanitario pubblico che minaccia il diritto alla salute, la riforma della scuola che colpisce le legittime aspettative di lavoratori e studenti.

Confederazione Unitaria di Base - Trasporti

5381