il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Un fil di fumo

Un fil di fumo

(10 Maggio 2010) Enzo Apicella
La riunione straordinaria dell'Ecofin vara un piano di aiuti di 500 miliardi di euro per la Grecia e gli altri paesi europei in crisi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Nessuno resterà da solo!

RSU USI Zètema: resoconto Assemblea Piazza del Popolo 28 ottobre 2020

(1 Novembre 2020)

comunicatousi

L’assemblea che si è tenuta in piazza del Popolo lo scorso 28 ottobre, perché l’A.U. di Zètema, dr. Tagliacozzo, ha impedito l’utilizzo di una sala precedentemente autorizzata presso l’Ara Pacis, ha prodotto un vivace confronto con lavoratori e lavoratrici intervenuti su tematiche sentite particolarmente in questo momento.

Abbiamo fornito informazioni sulle procedure sperimentali, per le schede di valutazione e in generale, sulle varie forme di tutela su salute e sicurezza sul lavoro e negli ambienti di lavoro e accennato l'impegno continuo dell’USI sulla questione delle pari opportunità, visto che il 70% circa del personale di Zètema sono donne, con carichi e impegni familiari e di salute pesanti, oltre a quelli di lavoro.

In particolare è emersa la preoccupazione generale relativamente le misure precauzionali prese in singoli posti di lavoro. E’ stato denunciato, infatti, che in alcuni siti occorrono guanti monouso che non sono stati forniti (per esempio nelle biblioteche). Da più parti è giunta la segnalazione relativamente le postazioni aggiuntive nei siti museali utilizzate per nuovi accessi/uscite con i percorsi realizzati nel rispetto dei DPCM vigenti o per la misurazione delle temperature con i Thermoscanner, che, senza alcuna comunicazione alle OO.SS. ed alla RSU tutta, sono state rimodulate o tolte da parte dell’Azienda.

Un tema molto sentito da tutti, inoltre, è stato la totale assenza di test sierologici a tappeto su noi dipendenti, come avvenuto in altre aziende e per i dipendenti Capitolini. Ma su questo tema, c’è uno sviluppo di cui siamo venuti a conoscenza a mezzo stampa, visto che la Sindaca non ha ritenuto opportuno rispondere alla richiesta che avevamo inviato in tal senso come Segreteria USI, lo scorso 9 ottobre. Sembrerebbe che la Sindaca si sia attivata per predisporre test salivari per tutti i dipendenti delle partecipate di Roma Capitale. Speriamo venga fatto celermente nel nostro caso, visto che siamo tra coloro che erogano servizi a diretto contatto con pubblico.

L’assemblea, inoltre, ha anche richiesto alla RSU USI di intervenire presso IPA per ciò che concerne l’interruzione dei servizi sanitari a causa dell’emergenza COVID. Interruzione a fronte della quale non c’è stato un contestuale congelamento delle trattenute delle quote legate ai servizi che vengono prese dalle nostre buste paga. La missiva, con richiesta di sospensione temporanea, è già stata inviata alla Direzione ed al Commissario di IPA. Vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi.

Sempre rispetto IPA, mi è stato chiesto da alcuni lavoratori come interrompere il proprio rapporto proprio in virtù di questo prolungarsi dei mancati servizi. La prassi non è complicata, basta comunicare l’intenzione di cancellarsi. Il problema principale, però, è legato a chi ha ancora dei prestiti in essere, per i quali versa un contributo mensile attraverso busta paga. Poichè la garanzia del prestito è il proprio TFR, ognuno deve farsi i conti e verificare se convenga interrompere ora il rapporto, con il rischio di vedersi fortemente decurtato il TFR.

Infine, ricordo a tutti la data del 25 novembre. Comunque vada, con gli eventuali lockdown, è il giorno mondiale CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Ad oggi è previsto lo sciopero con diverse iniziative. Vi aggiornerò di volta, in volta.

Nonostante il periodo sia quello che è, io non ho mai smesso di assistere tutti coloro che si sono rivolti a me, iscritti e non. Voglio sappiate che l’USI non andrà mai in lockdown e ci saremo sempre per chi ha bisogno. Non abbiate paura a dirci come stanno le cose sui vostri posti di lavoro. Noi ci siamo. Ed io lavoro come tutti voi. Alcune cose le vivo in prima persona. Altre ho bisogno di saperle da voi.

Per questo vi metto tutti i nostri recapiti. I nostri sportelli lavoro resteranno aperti fino a che ci sarà permesso. Poi ci saremo sempre sui nostri profili social sia io che il prof. Giuseppe Martelli.

Ci troverete alle nostre mail: serenettam@gmail.com, usiait1@virgilio.it, usicons.roma@gmail.com

Nessuno resterà da solo!

Serenetta Monti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

1070