il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Buon compleanno Marx

Buon compleanno Marx

(5 Maggio 2009) Enzo Apicella
191 anni fa nasceva a Treviri Karl Marx

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

GIA' 105 ANNI FA IN USA AGENTI PRIVATI
CONTRO SINDACATI CONFLITTUALI

(30 Agosto 2022)

Dal n. 116 di "Alternativa di Classe"

one big union

I fatti di agosto e settembre del 1917 negli Stati Uniti, dove furono distrutte 1500 sedi dei Sindacati IWW e bastonati i lavoratori che erano in sede, da parte di agenti privati della famigerata organizzazione American Protective League (APL), fu uno dei tanti interventi fatti da organizzazioni private per difendere il razzismo, respingere le richieste e le mobilitazioni dei lavoratori già all'inizio della industrializzazione, e per contrastare tutto ciò che cercava di frenare il capitalismo e successivamente il suo imperialismo.
L'industria statutinense si sviluppò rapidamente già all'inizio del XX° secolo, e in breve tempo diventò fra le più importanti potenze imperialiste mondiali. Ma questo costò ai lavoratori un prezzo altissimo, e le loro condizioni di vita e di lavoro erano miserabili e faticose.
La concentrazione di capitali e di grandi profitti nelle mani di un gruppo di magnati si rifletteva in modo esplosivo nello sfruttamento dei lavoratori e nello sviluppo della lotta di classe, a cui i magnati cercarono di contrapporsi, facendo ricorso al crumiraggio, infiltrando spie e provocatori negli scioperi, deportando ed imprigionando i lavoratori, usando a piene mani agenzie private per i lavori più sporchi.
La maggior parte dei lavoratori lavorava da 10 a 12 ore al giorno, e con una paga inferiore sino al 40 % di quello che serviva per vivere un'esistenza decente. La forza-lavoro dei bambini tra il 1870 e il 1900 era raddoppiata, e le morti sul lavoro dei lavoratori avevano il tasso più alto di ogni paese industrializzato.
Tra i primi tentativi dei lavoratori per organizzarsi su base nazionale fu il Nobel Order of the Knights of Labor, nato subito come società segreta dai tessitori di Filadelfia, e raccoglieva afro-americani, donne e i contadini. Durò molto poco, e il loro posto nel movimento operaio fu preso dall'American Federation of Labor (AFL), cui sin dall'inizio gli furono lasciati gli spazi.
AFL era una forma di sindacalismo che promuoveva la conciliazione tra interessi padronali e proletari, e basava la sua organizzazione sui sindacati di mestiere, cioè operai specializzati, tenendo separati i lavoratori di una stessa azienda o dello stesso ramo industriale, a seconda delle mansioni; inoltre rifiutava l'iscrizione ai neri e agli immigrati.
Nel frattempo, le idee socialiste provenienti dal veccho mondo iniziavano ad infiltrarsi nelle coscienze dei lavoratori, a cui AFL andava stretta, e così il 2 Gennaio 1905 si riunivano i più politicizzati e molti iscritti al Partito Socialista, che poi fondarono ufficialmente il 27 Giugno 1905 l'"Industrial Wokers of the Worid" (IWW), nonostante che il contesto non fosse il più promettente.
Era Presidente, infatti, Woodrow Wilson, tecnocrate, classista e razzista, che cercò varie volte di stroncare il movimento operaio, intensificando sia l'opera di sfruttamento e controllo e sia appoggiandosi soprattutto ai sindacati filo-padronali, tentando di avere una trattativa individuale tra azienda e lavoratore, in modo da eliminare la contrattazione collettiva.
L'IWW si distinse subito per l'internazionalità, la capacità di organizzare gli immigrati non qualificati, superando la barriere linguistiche stampando i volantini in diverse lingue, lottò per conquistare la libertà di parola. Perseguiva l'obiettivo della proprietà dell'industria, e lo sciopero era visto come un passo verso la rivoluzione, non cercava un rapporto contrattuale con i datori di lavoro, ma preferiva la via del boicottaggio e del sabotaggio, ai quali le autorità rispondevano con brutali e feroci repressioni. Il sindacato era visto come la base della futura società comunista, e la lotta sindacale era inscindibile da quella per una società senza classi.
L'IWW si oppose fortemente alla partecipazione alla Prima Guerra Mondiale e a participare al massacro imperialistico. Il governo americano, per fermare le contestazioni, fece votare il 5 Settembre 1917 la "Espionage Act", una legge repressiva, che, dopo l'ingresso in guerra degli Stati Uniti, aveva lo scopo di vietare l'interferenza con le operazioni militari o il reclutamento di soggetti non sicuri, per prevenire l'insubordinazione nelle forze armate ed impedire il sostegno dei nemici degli USA durante la guerra. Ciò permise alle polizie federali e a quelle private di assaltare le loro sedi, e permise di imprigionare per lunghi anni, e qualcuno anche all'ergastolo, molti militanti.
La rivoluzione russa dette ulteriore energia, e le contestazioni si spandevano sempre più tra il proletariato, ma la dura repressione, l'imprigionamento di molti dirigenti, diminuì la forza dell'IWW, finchè, dopo gli anni '20, sarebbe cominciata la sua china, e negli anni '30 gli scioperi non avranno più quella carica anticapitalista avuta in precedenza, con i lavoratori attratti dal nuovo sindacato CIO, moderno strumento di integrazione dei lavoratori nei meccanismi della società borghese.
Altra causa del loro declino fu anche il rifiuto di convergere con i movimenti e i partiti rivoluzionari che si erano sviluppati in Europa dopo la Prima Guerra Mondiale, quando negli Stati Uniti la reazione dilagava.
Le distruzioni di sedi dell'IWW, comunque, avevano raggiunto il loro apice esattamente 105 anni fa, nell'agosto/settembre 1917 e, come già detto, alle polizie federali si erano aggiunte organizzazioni private. In quel periodo una delle più importanti fu proprio American Protective League (APL), un'organizzazione di privati cittadini, che è stata di supporto alla polizia federale negli anni 1917/19, per identificare sospetti simpatizzanti filo tedeschi, e per contrastare le attività di anarchici e altri attivisti contro la guerra, colpendo la sinistra sindacale e politica.
Tale organizzazione aveva raggiunto 250mila membri, con presenza in 600 città, e la sua sede nazionale era stata istituita a Washington. L'APL era stata costruita nel 1917, durante la Prima Guerra Mondiale, da un certo Briggs, un ricco pubblicitario, che pensava che lo Stato avesse bisogno di uomini nel campo del controspionaggio, e propose un nuovo corpo ausiliario volontario, i cui aderenti non avrebbero avuto nessuna paga e neppure il rimborso spese.
Il 22 Marzo 1917 l'Organizzazione ebbe l'ok di procedere dal Dipartimento di Giustizia e dal presidente Wilson. All'APL fu concesso uno status semiufficiale, che le permise di collaborare con il Bureau of Investigazion (BOI), il precursore della FBI, raccogliendo informazioni per i procuratori distrettuali degli Stati Uniti.
I membri dell'organizzazione, come le altre “società private”, furono adibiti ad incursioni e attività di sorveglianza, rivolte a quelli che non si erano registrati per la leva, e agli immigrati tedeschi sospettati per avere simpatia per la Germania. Inoltre furono impiegati per radunare renitenti alla leva a New York. interrompere riunioni socialiste, rompere gli scioperi e minacciare i sindacalisti di essere inviati nell'esercito.
Gli agenti dell'APL, molti dei quali donne, lavoravano sotto copertura nelle fabbriche e partecipavano alle riunioni sindacali, nella speranza di scoprire sabotatori e altri nemici dello sforzo bellico americano, essendo anche accusati di detenere illegalmente cittadini associati a movimenti anarchici, sindacali e pacifisti ( il 10% di attività dell'APL era stata impiegata per boicottare gli IWW).
Il 5 Marzo 1919, l'avvento del nuovo Procuratore Micthel Palmer, che si era sempre opposto alle attività dell'APL, da lui considerate antidemocratiche, ne assicurò la fine. Come abbiamo già visto, l'IWW riusciva a mobilitare masse di lavoratori, e con il ricorso allo sciopero generale, il Governo USA aveva temuto che avrebbero potuto fare crollare l'impalcatura del potere borghese, consegnando ai lavoratori la gestione diretta dei mezzi di produzione.
In realtà, questa sarebbe stata una scorciatoia senza sbocco se dietro non vi fosse stata un'organizzazione politica su una linea di classe che si fosse rivolta al proletariato delle diverse nazioni in una ottica internazionalista.

Alternativa di Classe

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La nostra storia»

Ultime notizie dell'autore «Circolo Alternativa di classe (SP)»

5129