">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Un fil di fumo

Un fil di fumo

(10 Maggio 2010) Enzo Apicella
La riunione straordinaria dell'Ecofin vara un piano di aiuti di 500 miliardi di euro per la Grecia e gli altri paesi europei in crisi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

CORSISTI DEGLI ATENEI SPECIALIZZATI NEL TFA PER IL SOSTEGNO: SVILUPPIAMO UNA MOBILITAZIONE SPONTANEA E DAL BASSO SU OBIETTIVI SOLIDALI E INCLUDENTI

(4 Marzo 2024)

UN PRIMO PASSAGGIO …FARSI SENTIRE E VEDERE CHE E’ UNA REALTA’ ESISTENTE, il 4 marzo 2024 ore 15 presidio a Viale Trastevere 76/A, presso l’ex MIUR (ora definito Ministero dell’ISTRUZIONE …E MERITO…DI PUBBLICO CHE E’ RIMASTO?)

usi14nov

IL FATTACCIO: il mancato inserimento nel “decreto milleproroghe”, dell’articolo 59, che avrebbe permesso la “stabilizzazione” dei docenti specializzati sul sostegno, come è avvenuto per i cicli precedenti.
Gli effetti penalizzanti: con questo colpo di spugna, abolendo l’art. 59, si tagliano fuori da questa modalità i partecipanti all’OTTAVO CICLO, I SOVRANNUMERARI DELL’OTTAVO CICLO E QUELLI DEL NONO CICLO, in attesa del bando relativo e di quelli che verranno dopo…
UNA PROPOSTA SOLIDALE E INCLUDENTE: per quanto la situazione sia complicata, NON VANNO POSTE FRATTURE FIN DALL’INIZIO, TRA CHI STA ALL’8° CICLO, I SOVRANNUMERARI DI QUESTO E I FUTURI DEL 9° CICLO, ANZI LA PROPOSTA CHE VA GIOCATA CON IL MINISTERO, I TECNICI E I RESPONSABILI “POLITICI” DEL DICASTERO ALL’ISTRUZIONE (una volta pubblica ma con l’AUTONOMIA DIFFERENZIATA, CHE ROMPE L’UNITA’ NAZIONALE E LE CONDIZIONI DI SERVIZIO E DI LAVORO TRA REGIONE E REGIONE…UNA VERA STRATEGIA DANNOSA PENALIZZANTE E DIROMPENTE, DI DIVISIONE SOCIALE E TERRITORIALE-ETNICA), E’ QUELLA DI UNA “STRUTTURALITA” DI OGNI MECCANISMO E PROCEDURA, CHE SI PONGA LA FINALITA’ CONCRETA E SOLIDALE, DI SALVAGUARDIA DI COLORO CHE DOVRANNO PASSARE PER TALE PERCORSO.
Oltre alla natura peculiare di accesso al TFA, con 3 prove test, scritto e orale, i COSTI da affrontare e affrontati iniziano a diventare onerosi se non proibitivi (circa euro duemila, per quello abbreviato, se si è già concluso un grado, che salgono a euro tremila e duecento fino a euro quattromila, come costo totale completo), la frequenza obbligatoria e con ritmi intensi, che ASSOMIGLIANO MOLTO AI CORSI PER OTTENERE I TITOLI DI OSS (OPERATORE SOCIO SANITARIO) O DI OEPAC (gli assistenti specialistici all’assistenza ad alunni-e con vari tipi di disabilità) …con il solito “magna magna“ di chi gestisce i CORSI DI FORMAZIONE …una DIFFERENZIAZIONE DI CENSO E QUASI DI CASTA… per chi ha già un lavoro per sopravvivere, sacrifici e un meccanismo basato sull’IN-GIUSTIZIA SOCIALE…
PERCHE’ NON APPLICARE COME FATTO POSITIVAMENTE IN PASSATO, LA CONDIZIONE DI MIGLIOR FAVORE DEL “DOPPIO CANALE DI RECLUTAMENTO”? (procedura e meccanismo strutturato, già usato con successo nella scuola statale fin dal 1982, per l’assorbimento graduale delle fasce di precariato, anche di quelle ora in formazione). E’ LA PROPOSTA CHE SOSTENIAMO e che si valuta come quella più includente e forte dal punto di vista della compattezza del fronte da costruire e sviluppare, senza divisioni e spezzettamenti. Certo ci rendiamo ben conto che SAREBBE PIU’ FACILE, MA CON MINORE FORZA E UNITA’ DI INTENTI, accontentarsi della semplice proroga dell’articolo 59, che garantirebbe una opportunità per chi sta nell’8° ciclo, una “porticina per il futuro”, che dividerebbe la platea della forza disponibile a mobilitarsi e non darebbe prospettive certe e durature, come meccanismo di graduale assorbimento della forza lavoro che esce dal TFA per le future assunzioni sul sostegno. DOCENTI CORSISTI, NON VI FATE DIVIDERE E SPEZZETTARE FIN DALL’INIZIO, MANTENETE L’UNITA’ DI INTERVENTO E LA GESTIONE SOLIDALE, L’ISTRUZIONE E LA SCUOLA HANNO BISOGNO DI FORZE FRESCHE CHE CAPISCANO FIN DALL’INIZIO CHE L’UNITA’ TRA LE PERSONE, E’ UNA FORZA DIROMPENTE, UTILE ESPERIENZA OGGI, PER LE FUTURE LOTTE DA COMPONENTI ATTIVE NELLA SCUOLA, PUBBLICA, GRATUITA, INDIPENDENTE E COSTITUZIONALMENTE COERENTE CON GLI ARTICOLI 1, 2, 3, 33 E 34 DEL TESTO ATTUALE.
UNA FORMAZIONE, SUL CAMPO E IN TRINCEA, COME FU PER COLORO CHE HANNO FATTO I DOCENTI DAGLI ANNI ’70 DEL…MILLENNIO PRECEDENTE DEL SECOLO SCORSO e tenuto botta ai vari progetti di ristrutturazione e smantellamento della SCUOLA E ISTRUZIONE costituzionalmente rilevante. Il nostro aiuto e disponibilità, alla mobilitazione e a non cedere alle tentazioni corporative o di corto respiro, ci sta senza alcun tornaconto se non proseguire nelle esperienze e lotte vincenti DALLA PARTE GIUSTA, quella di chi lavora, si forma, si specializza per il benessere proprio, delle conoscenze utili all’utenza dei servizi strategici e pubblici come LA SCUOLA, per conquistare condizioni salariali e normative migliori del precariato esistenziale, per mantenere la libertà di insegnamento e l’autonomia di pensiero da chi ci vorrebbe omologati e obbedienti, succubi delle miserie del lavoro salariato in una scuola lontana dai bisogni della cittadinanza e di studenti e studentesse, che funzioni a colpi di “circolari “ “decreti” e …”de-cretini” dimenticando la funzione originaria e strategica dell’ISTRUZIONE.

USI SCUOLA, UNIVERSITA’, RICERCA, FORMAZIONE USI SURF aderente a Confederazione sindacale Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912 e ricostituita

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

1672