il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

The tea party

The tea party

(3 Novembre 2010) Enzo Apicella
Alle elezioni di mid-term americane vincono i repubblicani trascinati dal movimento ultraconservatore Tea-Party

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

L'Unione vince nel paese, ma nel Veneto dilaga la vandea

Buono il risultato di Rifondazione. Al voto tutto il populismo violento, retrivo ed egoistico

(13 Aprile 2006)

Sul piano nazionale è stata una tirata da spavento, fino alle ultime 60 sezioni elettorali, la vicenda era in bilico alla Camera, mentre al Senato Berlusconi e soci sembravano proprio avercela fatta, superando di un senatore le forze dell’Unione.

Ed invece alla fine il risultato è andato bene: vittoria alla Camera – che con il premio di maggioranza significa una settantina di deputati in più della casa delle libertà - vittoria al Senato, dove grazie ai voti degli italiani all’estero, il risultato si rovescia e l’Unione passa avanti di due senatori.

Per ora sorvoliamo le valutazioni sulla complessità del voto, ci torneremo con maggiori elementi.

Rifondazione conquista oltre 2,5 milioni di voti pari al 7,4%, ottenendo 41 deputati e 27 senatori, ben oltre ogni aspettativa.
Si è trattato comunque di una chiamata alla mobilitazione generale, con il voto massiccio di settori di popolazione tradizionalmente astensionisti.

Nel Veneto il dato è ancor più evidente, qui le spinte egoistiche, le paure solleticate da Berlusconi, la vulgata populista, violenta e radicalmente antipolitica, ha fatto il pieno.

La vandea ha consegnato un Veneto oltre il 57 % dei votanti alle destre; la sinistra non raggiunge il 40%, con un arretramento preoccupante anche rispetto alle elezioni regionali.
In questa situazione di scontro “di civiltà”, il voto a Rifondazione Comunista nel Veneto, segna un incremento significativo; al senato conquistiamo 144.502 pari al 4,93%, con un +1,5 rispetto alle regionali dello scorso (Verona 4,21%, Vicenza 3,88%, Padova 4,45%, Rovigo 7,6%, Venezia 7,2%, Treviso 3,95%, Belluno 5,6%).

Alla camera invece constatiamo un altro dato assai significativo che deve farci riflettere, ovvero il massiccio afflusso del voto giovanile alla lista Ulivo e al candidato Prodi.
Il voto PRC ne viene penalizzato.

Nella Circoscrizione Veneto 1 (Verona, Vicenza, Padova e Rovigo) Rifondazione raggiunge 3,42% con 65.630 (Verona 18.981 3,27% Vicenza 16.449 2,97 Padova 20.835 3,39% Rovigo 9.365 5,42%); nella Circoscrizione Veneto 2 (Venezia, Treviso, Belluno), le cose vanno meglio e Rifondazione raggiunge 58.451 4,63% (Venezia 33.613 5,9%, Treviso 18.099 3,26%, Belluno 6.739 4,86%)., Nessun trionfalismo, il paese non ha reagito con forza a cinque anni di Berlusconi, ancora troppi settori di popolazione che materialmente vivono con gravi disagi, hanno dato ascolto alle voci più retrive, ancestrali, bigotte invece che schierarsi “naturalmente” a sinistra.

Nel Veneto per Rifondazione il quesito rimane sempre lo stesso: una parte significativa del territorio si conferma impermeabile alle nostre proposte, ai nostri valori e questo diventa drammatico a fronte di una scarsissima presenza organizzata del partito.
Che fare? Possiamo tirar solo un sospiro, prima di immergerci nuovamente nel “gorgo”.

PRC del Veneto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Elezioni aprile 2006»

Ultime notizie dell'autore «Partito della Rifondazione Comunista»

6318