il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Esopo ad Assisi

Esopo ad Assisi

(26 Settembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Imperialismo e guerra (cronaca nordest)

Dove va il movimento per la pace?

Smarrimenti e angoscie che attraversano il "movimento per la pace"

(7 notizie dal 29 Settembre 2004 al 5 Gennaio 2008 - pagina 1 di 1)

A proposito della mobilitazione contro la base di Vicenza…

Per un nuovo anno di lotta ai progetti di morte e alle illusioni pacifinte.

La mobilitazione contro il Dal Molin a Vicenza continua a rappresentare uno dei terreni di lotta popolare attualmente più importanti in Italia, perché, oggettivamente, rappresenta una spina nel fianco ai piani dell’imperialismo, in particolare quello statunitense. Ma ciò che manca è una direzione che voglia vincere realmente, convogliando le grandi energie sprigionate...

(5 Gennaio 2008)

Compagni e compagne del Centro Popolare Occupato Gramigna e del C. Doc. Comandante Giacca http://www.cpogramigna.org

Contro la guerra il desiderio di pace non basta

Con il rifinanziamento della missione in Afghanistan (e di tutte le numerose missioni di guerra italiane all’estero), nonché con l’approvazione della missione “di pace” in Libano, il nuovo governo si è collocato oggettivamente in continuità con quello precedente. Del resto, dichiarazioni in tal senso sono state fatte esplicitamente dal Ministro della Difesa,...

(16 Novembre 2006)

Gruppo promotore per un Coordinamento antimperialista antifascista dell’Alto Vicentino

Trasformare la tregua in Libano in pace per il medio oriente

La pace e' lontana. Lontana dagli uomini e dalle donne che continuano a morire in Iraq a decine senza che nemmeno piu' ce ne accorgiamo. Lontana dagli uomini e dalle donne segregati a Gaza e in Cisgiordania. Lontana dagli uomini e dalle donne che vivono in Israele, in Libano, in Iran, in Europa, in Italia. Lontana dalle navi della disperazione che ogni giorno approdano sulle nostre coste. In Libano,...

(2 Ottobre 2006)

Donne in Nero di Padova

Contro il finto pacifismo di Prodi e Bertinotti

In questi giorni, alla camera dei deputati ed al senato, si è concluso l'iter della procedura di approvazione delle missioni italiane all'estero ed in particolare della missione in Afghanistan. Si tratta di un passaggio molto atteso da tutti quei giovani, donne, intellettuali, lavoratori e reali democratici che in Italia, ma non solo, hanno guardato con fiducia e hanno sostenuto una prospettiva...

(1 Agosto 2006)

Collettivo Comunista Antonio Gramsci

Il nonviolento abile e arruolato

Speriamo che finisca questa moda delle forze politiche di dirsi nonviolente. Comincio' il Partito radicale e i suoi leader finirono in divisa dell'esercito croato. Continuarono i Verdi e finirono nel governo che bombardava la Jugoslavia. Poi si aggiunse anche il Prc che fini' a votare per la guerra afgana. Speriamo che finisca questa moda delle forze politiche di dirsi nonviolente.

(31 Luglio 2006)

Claudia Cernigoi - Trieste

Giri di parole

in risposta all'appello 'Ripartire da Genova...'

Ho letto con attenzione il documento 'Ripartire da Genova...' sottoscritto da Agnoletto, Molinari, Pizzo, Sullo e diversi altri. Trovo strabiliante il trasformismo contingente di tutti costoro che non vogliono prendere atto che questo governo ha la stessa natura di tutti i governi borghesi che si sono susseguiti in questi decenni e che non cambiano le scelte di fondo (e spesso anche quelle di superficie)...

(8 Luglio 2006)

Brunello Fogagnoli del Collettivo Comunista 'B. Brecht' del Veneto Orientale

Viva l'unita nazionale?

Il movimento per la pace dopo la liberazione delle due Simone

Aspettiamoci di tutto d'ora in poi. Il movimento per la pace rimasto isolato e ricacciato nell'angolo dell'autoreferenzialità dall'unità nazionale rischia di diventare il problema della pacificazione in Iraq. Del resto le reazioni da parte di quasi tutte le forze istituzionali da destra a sinistra dopo il rapimento di Pari e Torretta indicano che la parola ora passa e resta al governo. Parola...

(29 Settembre 2004)

Roberto Aere (verona)

66721