il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ecce Italia

Ecce Italia

(15 Novembre 2010) Enzo Apicella
Continua la protesta degli immigrati bresciani sulla gru contro la sanatoria truffa

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Con Brunetta è l'ora di dire basta!

(23 Maggio 2009)

Il decreto legislativo del ministro Brunetta è un attacco senza precedenti ai servizi pubblici, al potere di acquisto e di contrattazione dei lavoratori, ai loro diritti, nel tentativo di trasformarci in sudditi di questa specie di "miracolato" ministeriale.

In quest'ultimo anno Cisl, Uil e Ugl hanno permesso al Governo di:

· triennalizzare i contratti (così, ci perdiamo ancora di più salario);

· umiliarci con 40 euro lordi di aumenti contrattuali mensili;

· riumiliarci con l'indennità di vacanza contrattuale (8 euro al mese) al posto degli arretrati.

Oggi, Bonanni (Cisl) e Angeletti (Uil) fanno finta di protestare col Governo per questo ultimo attacco al lavoro pubblico, limitandosi a obiettare a Brunetta di non avere concordato con loro i tagli al salario accessorio!!!

E la Cgil? Nella contrattazione decentrata si sta adeguando alla triennalizzazione e, invece di mobilitare i lavoratori, pensa a riallacciare l'alleanza (a perdere) con Cisl e Uil, che nel frattempo hanno concesso a Brunetta di tutto e di più.

È stata istituita anche la cosiddetta Autorità Indipendente per la Valutazione, allo scopo di ridurre il salario accessorio, nel senso che solo un quarto dei lavoratori (oggi sono il 90%) potrà prendere il massimo della produttività, metà del personale avrà solo il 50%, un quarto non avrà nulla, cioè non prenderà un euro di salario accessorio.

il Governo, con la scusa dell'efficienza e della meritocrazia, effettua a man bassa tagli al salario (non solo riferito alla produttività, ma anche alle progressioni economiche dosate col contagocce) e tagli di personale (tra pensionamenti senza il subentro di nuovi assunti e mancate stabilizzazioni dei precari, sono ormai decine di migliaia i posti di lavoro persi solo nell'ultimo anno).

Siamo di fronte a un progetto di pratica cancellazione della contrattazione sindacale e di sua sostituzione con provvedimenti legislativi, in un quadro in cui le risorse finanziarie da destinare al personale sono schiacciate tra vincoli sempre più asfissianti di bilancio e leggi finalizzate a ridurre drasticamente la spesa pubblica.

Il cerchio, insomma, sta per chiudersi, con la conseguenza che a rimetterci saranno i servizi pubblici (privatizzati e con costi sempre in aumento a carico dei cittadini) e saranno i lavoratori, che si vedranno tagliare i loro salari già bassi e saranno istigati a mettersi gli uni contro gli altri per i pochi aumenti previsti per una piccola minoranza del personale.

Così, i "fannulloni" sono serviti! Anzi, peggio ancora, si fanno loro saltare a data imprecisata le stesse elezioni di RSU. A far loro sapere quando si terranno, sarà il "miracolato".

Per noi, invece, sarà il caso di pensare a liberarcene, intanto mobilitandoci per un grande sciopero nazionale di tutto il pubblico impiego, da effettuare presto perché quel decreto entrerà in vigore in tempi brevi.

COBAS PUBBLICO IMPIEGO - Pisa

7445