il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Nel "giardino di casa" degli USA

Nel giardino di casa degli USA

(5 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Elezioni presidenziali 2010. Il Brasile si sposta a sinistra.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Americas Reaparecidas)

America latina: nasce oggi la 'Celac' (Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribenos).

Usa e Canada sono fuori. Chavez: “sarà un avvenimento storico”

(2 Dicembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.radiocittaperta.it

AMERICA LATINA: NASCE OGGI LA 'CELAC' (Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribenos). USA E CANADA SONO FUORI

foto: www.radiocittaperta.it

Mila Pernice 2/12/2011 - Ci saranno tutti i principali protagonisti della vita politica dell’America Latina oggi a Caracas per la fondazione della Celac (Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribenos), con l’obiettivo di dare vita a un organismo regionale, politico ed economico, indipendente dagli Usa e dal Canada. Il nuovo organismo comprende praticamente tutti i Paesi della regione, con una popolazione di oltre 550 milioni di persone e, di fatto, si propone come alternativa all’Osa, l’Organizzazione degli Stati americani, considerata da molti governi come troppo allineata alle politiche imposte da Washington. L’idea della Celac è stata formalmente proposta nel 2010 al Summit dell’America Latina e dei Caraibi (Calc) ospitato in Messico, due anni dopo uno storico vertice che aveva visto insieme i 33 leader della regione per la prima volta senza la presenza di rappresentanti statunitensi e canadesi ma con quella di Cuba, sospesa dall’Osa mezzo secolo fa. “Sarà un avvenimento storico”, ha affermato Chavez, uno dei maggiori promotori dell’iniziativa.

Tutto partì dall’isola di Contadora, nell’arcipelago delle Perle nel Golfo di Panamá, dove, all’inizio degli anni ‘80, in una fase di ripresa della Guerra fredda, con il Salvador in preda a un conflitto civile e il Nicaragua attaccato dai ‘contras’ armati da Washington, i ministri degli Esteri di Venezuela, Panamá, Messico e Colombia firmarono un accordo per trovare una soluzione negoziata ai conflitti in corso. Il Gruppo di Contadora si ampliò con la fine delle dittature militari in diversi paesi includendo in seguito Argentina, Brasile, Uruguay e Perù (il cosiddetto “Gruppo di appoggio a Contadora”) e nel 1986 si trasformò in un meccanismo più ampio di concertazione politica permanente, il Gruppo di Rio, che ha infine registrato l’adesione di 24 paesi. “La creazione della Celac – aveva detto a ottobre il presidente del Guatemala, Alvaro Colom - rappresenta una sfida dell'America latina, poiché il Gruppo di Rio è stato il meccanismo più importante per il dialogo politico nella regione, ma ora, con l'integrazione dei paesi anglo-caraibici si creerà uno spazio di dialogo politico più ampio”.

Per oggi sono già in programma diversi incontri tra i partecipanti, come quello tra Chavez, la brasiliana Dilma Rousseff e l'argentina Cristina Fernandez de Kirchner. Vi sarà anche una riunione dei presidenti dell'Unasur (Union de Naciones Suramericanas), il blocco di 11 Paesi latinoamericani (che punteranno ad approfondire l'integrazione regionale) nel corso della quale si getteranno anche le basi per progetti comuni di infrastrutture per 100 miliardi di dollari, e si approfondirà la messa a punto del Banco del Sur (già approvato da quattro governi: ne manca solo uno per il via ufficiale), che sarà uno dei pilastri della cosiddetta Nuova Struttura Finanziaria Regionale. Si andrebbe dunque verso una moneta comune latinoamericana che, però, come avverte uno dei suoi principali artefici, l'economista peruviano Pedro Paez, “a differenza dell'euro, sarà sì condivisa ma non escludente, per non incidere sulla rispettiva sovranità”. [RCA News

Radio Città Aperta - Roma

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Americas Reaparecidas»

Ultime notizie dell'autore «Radio Città Aperta - Roma»

4533