il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fincantieri

Fincantieri

(28 Maggio 2011) Enzo Apicella
Fincantieri chiude gli stabilimenti di Sestri Ponente e di Castellammare di Stabbia e annuncia 2.500 licenziamenti.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • DALLA TORNATA ELETTORALE DEL 20/21 SETTEMBRE UTILI INDICAZIONI PER LA BORGHESIA
    Corsa contro il tempo per l'instaurazione di un "governo forte"
    (23 Settembre 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Lotte operaie nella crisi)

    19 DICEMBRE 2014: PRESENTAZIONE DELLA CAMERA DEL LAVORO AUTORGANIZZATA ROMA SUD EST

    (14 Dicembre 2014)

    cameralavoro

    ORE 19.30 PRESENTAZIONE PROGETTO DELLA CAMERA DEL LAVORO
    AUTORGANIZZATA ROMA SUD EST
    PIAZZA DEL QUARTICCIOLO (INGRESSO DA VIA OSTUNI 9)

    ORE 20.30 (circa) CENA SOCIALE POPOLARE (sottoscrizione libera)

    TUTTI I MERCOLEDI’ (dal 2003…) DALLE 18 ALLE 20 PUNTO INFO/LAVORO


    L’Unione Sindacale Italiana assieme al collettivo del Laboratorio sociale Quarticciolo (già La Talpa) prosegue il lavoro iniziato nel 2003, quando fu aperto in quel territorio, lo “sportello lavoro” e la ricostruzione del percorso che, iniziato ai primi del ‘900, individuò nelle “camere del lavoro sindacaliste rivoluzionarie” che portarono nel 1912 alla costituzione dell’Usi, uno degli strumenti di intervento nei quartieri per il collegamento, l’informazione, lo sviluppo delle lotte, della solidarietà, per diverse aggregazioni di lavoratori e lavoratrici senza diritti, quello che oggi è chiamato “il popolo dei senza voce”, allo stesso modo di chi i diritti sul-del lavoro li aveva già, ma che non trovava la forza di poterli far valere nella sua pienezza sul posto di lavoro.

    Attualmente, questo percorso che ha visto le sue fasi di sperimentazione anche in una città come Roma nel corso degli ultimi 20 anni da parte dell’Unione Sindacale Italiana, vede il suo ulteriore sviluppo, sulla spinta della conclusione di un processo di riattivazione dell’antica Unione Sindacale Italiana iniziato tanti anni fa, che già nel documento fondativo nel 1912 “i due sindacalismi” introduceva le modalità di intervento “orizzontale”, della Camera del Lavoro.

    Uno strumento che ha origini e radici lontane e che sulla spinta della disgregazione e scomposizione delle classi lavoratrici, delle profonde trasformazioni nel mondo del lavoro, torna di attualità e consistenza, anche con tentativi di “imitazione”.

    Non siamo abituati a delegare ad altri le nostre lotte e le nostre scelte, non lo facciamo nemmeno adesso, nei quartieri popolari della Capitale d’Italia, per le attività delle strutture territoriali che proiettano il duro e lungo lavoro di “resistenza”, ancora in corso, che si fa quotidianamente dai posti di lavoro e ora anche nei quartieri. E’ un’eredità antica e una funzione che, per coloro che si riconoscono nella riattivazione dell’Unione Sindacale Italiana, è l’ennesima scommessa, una responsabilità alla quale non possiamo e non vogliamo sottrarci o delegarla agli “esperti”. Una battaglia anche culturale, quanto mai necessaria, per contrastare efficacemente l’ignoranza, la frammentazione sociale, l’isolamento, la barbarie…

    Per L’AUTORGANIZZAZIONE SINDACALE E SOCIALE, per L’AUTOGESTIONE,

    L’INDIPENDENZA da partiti e gruppi di potere, PER LO SVILUPPO DEL CONFLITTO SOCIALE E DI CLASSE.

    USI Unione Sindacale Italiana
    Camera del Lavoro Autorganizzata Roma Sud Est

    5582