">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mani bianche

Mani bianche

(23 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni in tutte le città contro il decreto Gelmini

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

IL 1° MAGGIO NON E’ UNA FESTA!

(27 Aprile 2023)

nuovo si cobas

Lavoratrici e lavoratori della Scuola, si avvicinano le celebrazioni del 1° Maggio. 1° Maggio di lotta internazionale. 1° Maggio rosso e proletario. A partire dalle lotte degli operai americani, della seconda metà dell’800, si sviluppò una lotta per affrancarsi dai nazionalismi e dal giogo delle classi che ci opprimono e rendono precaria la nostra esistenza. Con il 1° Maggio le rivendicazioni operaie fecero il giro del mondo e si arrivò alla sospensione della concorrenza tra sfruttati.
La nostra classe attuò l’idea forza che i lavoratori non hanno confini. Fu la dimostrazione che i proletari vivono se si affermano come classe internazionale e soccombono se avvelenati dall’idea di patria e nazione.
Contro questo spirito di lotta, che è dichiarazione di indipendenza, la borghesia vuole invece arruolare sotto la bandiera della collaborazione sfruttati e sfruttatori. Per esorcizzare la ripresa di una coscienza internazionalista che mina alle basi il potere del capitale, foriero di conflitti per il dominio dei mercati e di guerre, la borghesia è impegnata in un’opera di mistificazione per svilire il significato storico del 1° Maggio.
Gli epigoni attuali,siano essi fascisti, democratici o riformisti, di tutte le sfumature, vogliono trasformare in una festa questa giornata che chiama alla lotta.
Così, anche i sindacati confederali, nei loro documenti, la chiamano “festa del lavoro”. A questo ci si è ridotti se si nega il contenuto di classe di questa giornata, per privilegiare un cerimoniale di finta concordia nazionale tra i datori di lavoro (i “padroni!”, se li chiamiamo con il loro nome) e tutte le lavoratrici e i lavoratori.
Il ministro dell'Istruzione Valditara (Ministro dell’Istruzione e del Merito) a questo proposito si permette di dire, riferendosi al rinnovo contrattuale: “Questo risultato è il frutto di un rapporto sano fra il Governo e le Organizzazioni Sindacali, fondato su un confronto costruttivo e pragmatico: è questo che intendo come Grande Alleanza, la collaborazione fra istituzioni, parti sociali, lavoratori della scuola, studenti e famiglie” .
Sembra proprio di sentire il dialogo tra Fantozzi e il Megadirettore Galattico, rispetto ai risultati delle rivendicazioni aziendali: “..ma di questo passo ci vorranno mille anni...” “...posso aspettare, io”.
Le lavoratrici e i lavoratori della scuola non possono più aspettare: non possono aspettare gli adeguamenti dei loro salari all'inflazione che galoppa, soprattutto per i beni di consumo utilizzati dalle classi popolari, non possono aspettare che si riduca il numero degli alunni per classe e si eliminino le “classi pollaio”, non possono
aspettare che si stabilizzino decine di migliaia di precari che contribuiscono all'attività scolastica a pieno titolo.
Soprattutto non possono tollerare che i fondi necessari al miglioramento dell'istruzione, della sanità, dell'assistenza sociale, vengano sperperati per prolungare un'inutile guerra, che vede come vittime solo i lavoratori, da una parte e dall'altra della barricata.
Per un primo Maggio di lotta contro le guerre del capitale e in difesa della vita di lavoratrici, lavoratori, disoccupati, invitiamo alla partecipazione al corteo nazionale di Milano!

si cobas

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

1806