">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Stampa comunista: inutili i personalismi, serve un gioco di squadra
    Oggi, benché il Partito Comunista Italiano si sia sciolto nel 1991, lasciando il posto a un mosaico di piccoli partiti che si ispirano all’ideologia comunista, il bisogno di un’informazione critica e impegnata permane.
    (28 Febbraio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Legge di Bilancio 2024. Di male in peggio!

    (7 Novembre 2023)

    si cobas pugno

    La Legge di Bilancio è l’atto di governo che definisce le linee economiche generali e le politiche sanitarie e sociali per il prossimo anno. Precisi e vincolanti gli impegni di spesa per il SSN. Ne risulta che il perimetro di tutela della sanità pubblica si restringe e così le misure di protezione sociali verranno ulteriormente tagliate.

    Si certifica il fallimento di tutte le cosiddette politiche di riforma sociale. Questo governo e tutti quelli che lo hanno preceduto dimostrano di essere al servizio degli interessi del padronato e quindi le risorse da destinare alla tutela della salute, dei disoccupati, dei pensionati e al contrasto della povertà si assottigliano. Lo stato sociale, l’universalità dei diritti sono temi propagandistici buoni da agitare quando si è all’opposizione ma disattesi una volta al governo.

    I vincoli di bilancio impongono linee politiche che i governi di destra di centro o sinistra sono costretti ad assecondare.
    Ed è così che politiche di tutela sociale possono trovare applicazione solo quando le casse lo permettono e solo se prima gli appetiti padronali siano stati soddisfatti.
    Gli interventi di politiche sociali e assistenziali sono funzionali a tenere alti i consumi. Il profitto si realizza con l’acquisto di beni e servizi sul mercato. I bilanci statali seguono questa logica stringente e sacrificano ogni scrupolo umano.

    Entro questa cornice di subalternità alle alterne vicende economiche, i partiti e i sindacati confederali, da tempo, non avanzano rivendicazioni salariali e hanno smesso di chiedere ai lavoratori quali sono i loro bisogni.
    Le linee di politica sociale diventano in tal modo una prerogativa dei governi impermeabili alle forze sociali.

    Così il governo Meloni, dopo aver fatto i conti, decide quante risorse si rendono disponibili per rinnovare i contratti e finanziare i servizi! Che queste siano poche o addirittura nulle, i sindacatoni di fatto non si oppongono, in realtà contrattano solo la loro rappresentatività ed acquisito il riconoscimento firmano contratti a perdere.

    Non siamo lontano dal “tutto nello stato niente al di fuori dello stato nulla contro lo stato” di memoria fascista.
    C’è quasi un ritorno a pratiche corporative, con mezzi “pacifici”. I livelli salariali più bassi del mondo occidentale valgono meglio di mille denunce per descrivere che questi sindacati di regime non sono per la difesa degli interessi dei lavoratori ma rotelline della macchina statale.

    Se non ci si affranca dalla illusione che riformisti illuminati possano dispensare bene e giustizia sociale mai potrà affermarsi la nostra indipendenza e la nostra lotta tarderà a riprendere slancio. Con le lotte degli anni ’60 si conquistarono aumenti salariali tra i più alti in Europa. Questa è la strada da riprendere.
    La mobilitazione contro le guerre e i risorgenti nazionalismi è parte integrante della lotta dei proletari che non può non avere un carattere internazionale perché il sistema di oppressione è il sistema capitalistico mondiale.

    La Legge di Bilancio che il governo sta varando continua a stornare risorse a favore delle politiche di guerra e gettare nella disperazione un numero crescente di soggetti deboli. Sarà solo un lapsus freudiano, ma per la prima volta il finanziamento della Sanità Pubblica viene definita (art.41) “concorrente”, badate bene, non centrale rispetto al privato.

    Da tempo è in atto il progetto di creare una busta paga costruita sulle prestazioni individuali e abbattere ogni residuo automatismo egualitario. Infatti al posto della scala mobile, strumento imposto con le lotte per contrastare l’inflazione, vengono potenziate le prestazioni aggiuntive che si conseguono aumentando le ore di fatica: un tentativo individuale che sostituisce la vera lotta che per essere vincente deve essere collettiva.

    Il tutto viene presentato come un tentativo di arginare la fuga verso il privato. Si potenziano i gettoni di presenza ma il privato batte la concorrenza con prezzi che arrivano a 150 € all’ora per i medici. L’emorragia dei dipendenti pubblici verso il privato viene coperta da un pianto ipocrita e tardivo. La sanità pubblica depotenziata è come un piano inclinato che favorisce la concorrenza dei soggetti privati. Sull’altare delle politiche di bilancio di lor signori si continua a sacrificare la sanità pubblica. Al de-finanziamento del SSN hanno concorso tutti i governi. Proprio tutti!
    Nel far finta di correre ai ripari in realtà si continuano a favorire i privati chiamati “in soccorso” della sanità pubblica non più in grado di garantire livelli decenti di assistenza (LEA) e di abbattere le liste d’attesa. Un soccorso pagato profumatamente: l’articolo 46 incrementata l’acquisto di servizi dai privati ed il limite di spesa è elevato di un 1 punto percentuale per l’anno 2024, di 3 punti percentuali per l’anno 2025.
    Questa Legge di Bilancio è chiaramente costruita a favore delle classi abbienti. Solo la lotta è il correttivo!

    si cobas

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Sanità pubblica: rottamare per privatizzare»

    Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

    1673