">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Whaam

Whaam

(5 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Wikileaks sotto attacco. Il sito oscurato per alcune ore

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

Gli USA affondano nel pantano mediorientale

(14 Novembre 2023)

usa affondano

Nel corso dell’ultimo mese l’imperialismo USA, sotto la guida di Biden e Blinken, sta tessendo la sua tela in Medio Oriente, che di diplomatico non ha nulla, per sostenere e armare Israele ed attaccare la resistenza palestinese, evitando che si deteriorino irrimediabilmente i suoi rapporti con gli stati arabi in cui le masse si sollevano in a fianco del popolo palestinese.

L’imperialismo USA vede la “pausa umanitaria” del massacro in corso a Gaza solo in funzione dei suoi interessi strategici e geopolitici, in sintonia con numerose cancellerie europee e con la stessa UE che incitano i sionisti alla vendetta e alla “soluzione finale” della questione palestinese.

Ciononostante, la resistenza palestinese, con il suo grande appoggio popolare e la crescente solidarietà internazionale che si sta esprimendo in numerosi paesi con manifestazioni e proteste di massa, sta facendo saltare i piani elaborati nella regione dai sionisti e dai briganti d’oltreoceano la cui politica basata sul “doppio standard” e sui pretesti è ormai smascherata e condannata apertamente dai lavoratori e dai popoli del mondo.

Mentre l‘aggressione israeliana prosegue e il conflitto armato tende a tracimare nei paesi circostanti, la politica dell’imperialismo USA diventa sempre più criticata e la sua influenza continua a indebolirsi, dal momento che Washington – sia pure con dei “distinguo” che fanno intravvedere divergenze di interessi – continua ad appoggiare il governo sionista-fascista di Netanyahu e a negare i diritti dei palestinesi.

In questo contesto, la politica USA per il Medio Oriente si va sgretolando e i fattori storici ed economici che cementavano i legami con i suoi maggiori alleati si vanno dissolvendo.

La rimozione della questione palestinese dall’agenda internazionale e la “normalizzazione” fra i paesi arabi e Israele attraverso gli “accordi di Abramo”, si sono squagliati come neve al sole. Le relazioni con l’Iran sono destinate a precipitare, mentre tende a saldarsi il c.d. “asse della resistenza”.

Gli USA fanno fatica a gestire i rapporti con l’Arabia Saudita e gli altri paesi arabi alleati, che hanno dovuto prendere le distanze da Israele a seguito dei numerosi crimini di guerra commessi dai sionisti. Anche il vertice con la Giordania, l’Egitto e l’ANP è saltato dopo l’attacco all’ospedale di Gaza.

Mentre per gli USA gli spazi di manovra si restringono, è entrata in crisi anche la creazione del corridoio che dall’India passa per le petromonarchie e Israele per arrivare in Europa, propagandato da Biden come alternativa alla BRI cinese.

Così come è evidente la difficoltà degli USA di trascinare dietro il loro carro di guerra altri paesi arabi che non possono sopportare di vedere calpestati i diritti del popolo palestinese.

Soprattutto sale la protesta e la collera dei lavoratori e dei popoli che rifiutano la politica criminale di Washington.

La crisi che si è aperta in Medio Oriente si inserisce nel quadro dell’inasprimento delle contraddizioni del sistema imperialista. Essa influenza l’intera politica mondiale e conferma la precarietà degli equilibri nello stadio supremo e ultimo del capitalismo.

Un altro vaso di Pandora è stato aperto e le conseguenze, se Israele proseguirà la sua offensiva genocida e rafforzerà il suo controllo militare sulla regione (ricca di petrolio e che include il canale di Suez), sono prevedibili: un nuovo fronte di guerra regionale prolungata in Medio Oriente che tenderà ad intensificarsi e collegarsi con gli altri fronti di conflitto interimperialista aperti in Europa, Africa e Asia.

In questa situazione la borghesia italiana cercherà di trascinare il nostro paese ancor più nella spirale della guerra imperialista al carro del blocco USA/Nato.

Compito dei comunisti è dare impulso a un vasto fronte antimperialista della classe operaia e dei popoli, che oggi può iniziare ad avere una sua fisionomia politica, prima ancora che organizzativa.

Un fronte che denunci e lotti contro tutta la politica imperialista che impedisce il diritto di autodeterminazione dei popoli, che promuove il militarismo e la guerra, che distrugge le libertà e la democrazia dei lavoratori, che promuove il razzismo e il sionismo, che distrugge l’ambiente.

Da Scintilla n. 139 – novembre 2023

1600