">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Aaaahhh!!!

Aaaahhh!!!

(10 Gennaio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

DOCUMENTO CON OSSERVAZIONI E RILIEVI IN BASE AGLI ARTICOLI 5,7,9 LEGGE 241/90

LA BATTAGLIA DEGLI OEPAC e sul servizio di ASSISTENZA SPECIALISTICA AD ALUNNI-E CON DISABILITA', A ROMA CAPITALE, PROSEGUE

(19 Novembre 2023)

comunicatousi

Usi Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912 federazione intercategoriale locale,
USI ENTI LOCALI e coordinamento lav coop. sociali, terzo settore e Oepac
Largo G. Veratti 25 00146 Roma fax 06 77201444 e mail usiait1@virgilio.it
segreteria.usi@gmail.com PEC usiroma@pec.it cell. Responsabile Organizzativo 327 7385959
ASSOCIAZIONE UTENTI/CONSUMATORI USICONS aps (accreditata al R.U.N.T.S.) usicons.roma@gmail.com

Roma, 16 Novembre 2023

Al Gabinetto del Sindaco Gualtieri segreteria_cg@comune.roma.it e anche via Pec
All’Assessora con delega Pol. Scolastiche Educative ROMA CAPITALE Dott.ssa Claudia Pratelli claudia.pratelli@comune.roma.it assessoratoallascuola@comune.roma.it e via Pec c/o Dipartimento Scuola, Lavoro e Formazione di Roma Capitale
Alla Presidente della CCP Scuola Dott.ssa Carla Consuelo Fermariello carlaconsuelo.fermariello@comune.roma.it ccp.scuola@comune.roma.it
Alla Presidente della CCP Pol. Sociali e della Salute On. Nella Converti nella.converti@comune.roma.it
Alla Presidente dell’Assemblea Capitolina On. Svetlana Celli, ai Capogruppo consiliari di Roma Capitale e ai gruppi consiliari loro sedi, a consiglieri-e capitolini – via e mail
Alla DIREZIONE DEL DIPARTIMENTO SCUOLA-EDUCAZIONE-LAVORO-FORMAZIONE DI ROMA CAPITALE Dott.ssa Antonella Caprioli antonella.caprioli@comune.roma.it dipartimentoscuola@comune.roma.it e via Pec
p.c. Centrali Cooperative loro sedi via e mail e cooperative in affidamento servizio accreditate

OGGETTO: INTERVENTO con osservazioni e rilievi per tutela interessi collettivi diffusi ai sensi artt. 5,7,9 Legge 241/90 e segnalazione, da soggetti portatori di tutela interessi pubblici collettivi del personale OEPAC di Roma Capitale in servizio presso O.E.A. accreditati in affidamento servizio assistenza specialistica alunni-e con disabilità e per tutela legittime aspettative e interessi collettivi diffusi utenti e famiglie cittadinanza di Roma Capitale da USICONS a.p.s., in relazione a D.G.C. 360/2023 e schema di Convenzione tipo unificata per 15 Municipi di Roma Capitale per A.S. 2023/2024.
APPLICAZIONE CRITERI DI CUI ALL’ART. 13 L. 104/92,(tra cui comma 3), art. 14 L. 328/2000, rispetto criteri e indicazioni sui costi complessivi dei servizi di assistenza ad alunni-e disabili come da Sentenza 275/2016 Corte Costituzionale, per coerenza con principi e criteri di cui alla D.C.C. 135/2000 art. 1 lettera c) su criteri economici e corrispettivi tariffe orarie adeguate costo complessivo lordo forza lavoro e oneri per gestione servizi in regime di accreditamento e spese generali di O.E.A., per effetto imminente RINNOVO E NUOVI ADEGUAMENTI SALARIALI e COSTI COMPLESSIVI LORDI del CCNL di settore (Cooperative Sociali), per rispetto nei modelli PEI di quanto indicato come criteri indicativi ai sensi D.Min. 153/2023 sulle “risorse professionali” da utilizzare. INTERVENTO per futura e piena tutela occupazionale, salvaguardia livelli salariali e di continuità lavorativa-educativa, posti da Art. 50 D. lgs. 50/2016 e ss.mm.ii., art. 37 CCNL Cooperative Sociali e Legge Reg. Lazio numero 9/2022 (cfr art 6 clausola sociale), Legge 300/1970 artt.9,14,15, 40, D.C.C. 259/2005 Regolamento attuativo D.C.C. 135/2000, con FATTORI DI RISCHIO a seguito schema convenzione tipo parte inserita nella D.G.C. 360/2023 approvata il 19 ottobre 2023, in assenza adeguamento TARIFFE ORARIE LORDE E ADEGUAMENTI CORRISPETTIVI COMPLESSIVI LORDI mantenendo equilibrio percentuali costi complessivi lordi costo del lavoro (85% in media totale) e costi complessivi per spese generali e oneri di gestione servizio di O.E.A. (in media 15% totale), in sede di INTEGRAZIONE ECONOMICA PER GESTIONE OTTIMALE E FUNZIONALE SERVIZIO in ossequio sentenza Corte Cost. 27572016.Osservazioni e rilievi per INTEGRAZIONE articolato Schema Convenzione tipo tra Municipi e O.E.A. RICHIESTA DI INCONTRO CON ASSESSORATI SCUOLA, LAVORO E FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI E DELLA SALUTE e rispettivi Dipartimenti con ns. qualificata delegazione di Usi 1912, coordinamento lav. OEPAC e USICONS a.p.s.

La scrivente Usi 1912 ricostituita e l’Associazione utenti e Consumatori USICONS aps, per quanto indicato nell’oggetto del presente atto, intervengono ai sensi degli artt. 5, 7, 9 L. 241/90, a tutela interessi collettivi pubblici diffusi relativi sia alle condizioni lavorative, salariali, occupazionali e di prestazione lavorativa e professionale sul servizio di assistenza specialistica ad alunni-e con disabilità, che per tutela interessi collettivi, legittime aspettative e affidamento utenti e famiglie, cittadinanza interessata al buon andamento del servizio pubblico in regime di ACCREDITAMENTO per A.S. 2023/2024, efficacia, efficienza e ottimale rispetto di criteri, principi e disposizioni normative e di legge citate, con proprie osservazioni, rilievi e proposte che si invita a prendere in considerazione e valutare ai fini dell’operatività e della corretta e congrua applicazione della D.G.C. 360/2023, dello SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO UNIFICATA DA FAR SOTTOSCRIVERE AI 15 MUNICIPI DI ROMA CAPITALE CON ENTI E O.E.A. del servizio in questione, verificando la coerenza con le disposizioni di Roma Capitale in vigore nel settore (D.G.C. 162/2022, tra cui articoli 8 e 9, D.A.C. 20/2022 e modificazione D.A.C. 19/2023) e le disposizioni imperative di legge, relative al congruo e corretto utilizzo del personale OEPAC.
Fermo restando quanto indicato come quadro normativo e regolamentare citato nell’oggetto del presente atto e documento, SI EFFETTUANO IN BASE ALLE TUTELE DEI COMPLESSI E COLLEGATI INTERESSI COLLETTIVI PUBBLICI DIFFUSI, le seguenti OSSERVAZIONI E RILIEVI:
Tutela piena ed efficace, per i servizi in questione in regime di accreditamento e in previsione del consolidamento delle attività a titolo “sperimentale” anche per il corrente A.S. 2023/2024 e per i successivi AA.SS. 2024-2026, dei coerenti e adeguati livelli salariali, lavorativi e di tenuta occupazionale, del personale OEPAC utilizzato, alla luce dei dati risultanti da verifiche e monitoraggi delle “stazioni appaltanti” Municipali e Dipartimentali. Dati dai quali già negli anni precedenti, si rilevava una tendenza all’aumento di casistiche e di alunni-e richiedenti e bisognose di assistenza specialistica nel percorso scolastico e formativo con necessità di OEPAC per i compiti loro propri, in generale nei processi di inclusione sociale di alunni-e. Processi formativi, in base all’utilizzo del personale OEPAC per le c.d. attività aggiuntive, gite, campi scuola, visite guidate, altro, anche collegate alla maggiore apertura di scuole di pertinenza di Roma Capitale non solo durante l’A.S. in corso, ma anche con ulteriori attività extrascolastiche, di natura educativa come previsione nel mese di luglio a lezioni terminate, dove la CONTINUITA’ EDUCATIVA e i percorsi di autonomia utenti di inclusione sociale dell’utenza in carico, codificati nei rispettivi PEI e nei PTOF, prefigurano un utilizzo che dovrebbe modificare l’assetto contrattuale come durata temporale delle prestazioni richieste (con regime di part time misto ex ciclico multiperiodale da settembre a giugno) con possibile estensione per CONTINUITA’ EDUCATIVA, DIDATTICA E FIGURE DI RIFERIMENTO, anche per il mese di luglio (considerando il mese di agosto come periodo prevalentemente dedicato al godimento di ferie retribuite ex art 36 Cost. D. Lgs. 66 2003 e art. 60 CCNL Cooperative Sociali). SITUAZIONE CHE DOVREBBE PREVEDERE, un adeguamento complessivo e una revisione dopo valutazione impatto richieste famiglie di utenti già in carico a OEPAC durante l’A.S., dei relativi costi complessivi a copertura percentuale costo complessivo della forza lavoro secondo le tabelle del CCNL (incidenza media sul totale dell’85%) e dei relativi costi di gestione del servizio (incidenza media lorda del 15% sul totale).
INOLTRE, E’ IN DIRITTURA D’ARRIVO IL RINNOVO DEL CCNL DI SETTORE, con un aumento medio complessivo lordo almeno del 12% in più rispetto alle tabelle attuali ministeriali del costo del lavoro e alla determinazione dei rispettivi costi e corrispettivi in termini di tariffe orarie (attualmente quantificate per OEPAC in euro 22,23=), CHE ANDREBBERO IN VIGENZA DELLO SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE INSERITO NELLA D.G.C. 360/2023, A INCIDERE FORTEMENTE CON FATTORE DI RISCHIO E DIPENALIZZAZIONE DELLA FORZA LAVORO UTILIZZATA e indirettamente delle stesse cooperative ed enti come O.E.A. in regime di accreditamento, se non si mettono in preventivo le adeguate e sufficienti coperture economiche e finanziare a partire da GENNAIO 2024. A tal proposito, si OSSERVA CHE VA DATO OSSEQUIO ALLA D.C.C. 135 2000, sia per l’articolo 1 lettera c), che per quanto riguarda l’articolo 3 e in generale le questioni già disciplinate nel Regolamento attuativo, D.C. 259/2005, su tale aspetto di adeguamento dei corrispettivi economici e delle tabelle da prendere a riferimento così come l’adeguamento delle tariffe orarie medie lorde per tale servizio. SI APPREZZA LA SCELTA POLITICO AMMINISTRATIVA DI GIUNTA E ASSEMBLEA CAPITOLINA, con le originarie Deliberazioni G.C. 162/2022 e D.A.C. 2072022 e 1972023, pur con le criticità più volete segnalate in ordine alla migliore gestione, su fruizione dei pasti in occasione del processo di autonomia degli utenti in carico a mensa e con articolazione codificata negli appalti della RISTORAZIONE COLLETTIVA affidati come si sa a 15 soggetti gestori nei 15 Municipi di Roma Capitale, in sofferenza per problematiche specifiche, così come per la corretta retribuzione de l personale OEPAC in servizio e assegnato non solo a utenti iscritti nei plessi scolastici e istituti comprensivi, nei casi di assenza degli utenti, in virtù di quanto è disciplinato dal nostro codice civile nei rapporti di lavoro subordinato ex art 1256 c.c. in combinato disposto con l’art. 1372 c.c. Situazioni che avranno impatto negativo e penalizzante, in alcuni articoli dello schema di Convenzione tipo inserita e con vigenza in questo A.S. 2023/2024, se non saranno sviluppati gli opportuni approfondimenti e le necessarie INTEGRAZIONI E CORREZIONI al testo della D.G.C. 360/2023. Così come si apprezza l’accoglimenti del rilievo più volte segnalato anche da questa O.S., da Usicons aps e da altri attori sociali interessati, per L’OMOGENEITA’ E APPLICAZIONE UNIFORME E UNIFICATA DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE IN TUTIT E 15 I MUNICIPI DI ROMA CAPITALE EVITNDO L’INSORGERE DI DISSPARITA’ DI TRATTAMENTO, SCELTE DISCREZIONALI DELLE DIREZIONI APICALI MUNICIPALI E DI DIR. SOCIO EDUCATIVE, DI DIRIGENTI SCOLASTICI, senza il dovuto controllo e vigilanza di RUP E DEC.
In particolare SI RILEVA E SI OSSERVA NELLO SPECIFICO CON RICHIESTA DI VALUTAZIONE, APPROFONDIMENTO E DI INTEGRAZIONE MODIFICA PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE MATERIALE TRA MUNICIPI DI ROMA CAPITALE ED ENTI ACCREDITATI A TITOLO DI O.E.A., sullo SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO per i seguenti articoli:
ART 3 – DURATA CONVENZIONE, per A.S. 202372024, come sopra esplicitato, si osserva che nell’ambito di applicazione del PEI come da D.Min. 153/2023 e per gli specifici bisogni e necessità di alunni-e, in ossequio a quanto disciplinato già all’art. 9 comma 1 del REGOLAMENTO OEPAC in vigore, va indicato che se nell’applicazione del PEI e dell’offerta formativa, in caso di utilizzo di OEPAC per attività aggiuntive, extrascolastiche e di impiego per attività collaterali nella fase di apertura delle scuole, anche nel mese di luglio, va garantita la CONTINUITA’ EDUCATIVA E DI PROGETTO DELL’OEPAC CHE HA AVUTO IN CARICO L’UTENTE, come figura di riferimento anche in questi contesti (con attività ovviamente retribuita e adeguata copertura economica relativa).
Parimenti all’art. 4 – dello schema di Convenzione tipo, per il numero di ore adeguate dopo verifica con situazioni competenti indicate nel Regolamento OEPAC, per le attività “aggiuntive” e collaterali sempre in esecuzione del PEI e del PTOF, nei processi di inclusione e autonomia dell’utente, così come per coerenza con integrazione per quanto indicato all’ART. 5 SCHEMA CONVENZIONE e per lo stesso ART. 6, in relazione all’efficace organizzazione del servizio, con il funzionale utilizzo di personale OEPAC, per compiti, funzioni, attività e mansioni codificate del profilo professionale.
Si osserva per l’art. 8 dello SCHEMA DI CONVENZIONE, che andrebbe integrata, una responsabilità rispetto alla previsione di esonero totale dell’A.C., come responsabilità diretta e indiretta (per omessa o negligente vigilanza di RUP E DEC come indicati e previsti al successivo art. 13 SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO), NELL’IPOTESI IN CUI EVENTUALI DANNI A TERZI, A PAERSONE, COSE, SIANO RICONDUCIBILI A CHI RAPPRESENTA L’Amministrazione Capitolina, anche in concorso per fattispecie di c.d. “culpa in vigilando” nei casi da accertarsi di omissione di vigilanza e controllo o di negligenza nei compiti specifici di RUP EDEC designati in rappresentanza della “stazione appaltante” e affidataria del servizio in regime di accreditamento, con responsabilità di O.E.A. o di personale OEPAC, per fatti e atti accertati e definiti in termini di responsabilità. SI OSSERVA E RILEVA che tale mancata previsione, getta alea di incertezza per eventuali e da accertarsi, responsabilità nel buon andamento del servizio e nell’efficiente, TRASPARENTE, corretta e ottimale gestione delle attività a favore di utenti, familiari, cittadinanza interessata e anche a tutela di OEPAC e datori di lavoro in qualità di Operatori Economici Aggiudicatari/affidatari O.E.A.
ART 9 SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO SI OSSERVA E RILEVA, nelle ipotesi di assenza di utente e alunno-a già in carico a OEPAC, il regime civilistico in vigore a livello negoziale e contrattuale, di cui all’art. 1256 codice civile in combinato disposto dell’art. 1372 c.c., per la retribuzione spettante al personale OEPAC in servizio e con contratto di lavoro subordinato, anche se socio dipendente, in corso di svolgimento ed efficacia., previsione che non è specificata nemmeno nel Regolamento OEPAC.
ART 11 SCHEMA CONVENZIONE. SI RILEVA come per figura di OEPAC, che a seguito dei previsti e preventivabili adeguamenti salariali in occasione del RINNOVO DEL CCNL di settore e dei relativi costi complessivi lordi della forza lavoro e di gestione, che va inserita l’ipotesi di futuro adeguamento con copertura economico finanziaria da gennaio 2024, del “…costo amministrativo e di organizzazione del servizio…”, a favore di O.E.A., nella percentuale di distribuzione (in media pari al 15%) del totale del corrispettivo.
ART 13 SCHEMA CONVENZIONE: si vedano le osservazioni e rilievi fatti all’articolo 8.
ART 15 SCHEMA CONVENZIONE, va inserita ed è carente, per rispetto principi costituzionali di difesa nei casi di scelte NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATE O NON MOTIVATE, O NON EQUILIBRATE, da parte di Direzioni dei Municipi, nei casi di revoca convenzione e conseguente cancellazione dal RUAS, la possibilità di adire al giudice (TAR) per l’annullamento dei provvedimenti e atti adottati dai Municipi.
ART. 18 SCHEMA CONVENZIONE: come già esplicitato in altri punti del presente documento e atto, SI OSSERVA E RILEVA che la tariffa lorda complessiva di Euro 22,230 al netto di IVA, andrà integrata e adeguata per ossequio a criteri di correttezza e buona fede e dei principi di cui alle DD.CC.CC. 135 2000 art. 1 lettera c) e 259 2005, in vista dell’imminente procedura di RINNOVO DEL CCNL DI SETTORE CON AUMENTO MEDIO PREVENTIVATO DEI COSTI COMPLESSIVI DELLA FORZA LAVORO E DEL COSTO COMPLESSIVO DI GESTIONE DEL SERVIZIO, che secondo fonti delle Centrali Cooperative dovrebbe aggirarsi intorno al 12% in più rispetto all’attuale impatto economico, in misura tale da evitare un tracollo nella gestione del servizio in regime di accreditamento, da parte di molte cooperative ed enti di media grandezza e fatturato e un impatto negativo sulle buone prassi e sulle scelte adottate dall’A.C. sia in termini di Deliberazioni della G.C. che della stessa A.C.
SI OSSERVA E RILEVA, infatti che rimane sempre il FATTORE DI RISCHIO E PERICOLO, in assenza di una determinazione come posta dai sostenitori della RI-PUBBLICIZZAZIONE DI QUESTO SERVIZIO E DELL’ASSORBIMENTO DEL PERSONALE OEPAC, VERSO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE O AZIENDA PUBBLICA O NELLA FORMA DI ISTITUZIONE, COLLEGATA A ROMA CAPITALE, tra i quali la scrivente O.S., CHE IN ASSENZA DI ADEGUATE COPERTURE ECONOMICO-FINANZIARIE E A TUTELA DEI LIVELLI SALARIALI, OCCUPAZIONALI, DI CONTINUITA’ EDUCATIVA con il regime disciplinato di ACCREDITAMENTO ATTUALE, SI RITORNI AL MECCANISMO DEGLI APPALTI, CON TUTTI I RISCHI E I PERICOLI GIA’ VISSUTI DEL “SISTEMA DI MAFIA CAPITALE”, DI PROCEDURE NON TRASPARENTI E ADEGUATAMENTE CONTROLLATE con forme di “appalto al massimo ribasso camuffato” nella predisposizione di bandi di gara, municipali o centralizzati, pur in presenza formale del meccanismo in uso di “offerta economicamente vantaggiosa” tipica di servizi scolastici, educativi, socio assistenziali e socio sanitari, con ulteriore corollario come avvenuto in altri Enti Locali o P. Amministrazioni, di fenomeni esecrabili di corruzione, concussione, malversazione, singola o in forma associata, a favore di enti non virtuosi e con effetti criminogeni, con grave danno alle risorse finanziarie disponibili di Roma Capitale e danni altrettanto gravi a utenti, famiglie cittadinanza, lavoratori e lavoratrici e persino delle cooperative o Enti rispettosi delle regole e danneggiati da “concorrenza sleale e orientata” da situazioni illegali, illecite e criminose. Situazioni che per esperienza consolidata, non si è interessati a ripercorrere nel futuro.
In conclusione, si resta in attesa della valutazione e presa in considerazione, delle osservazioni e dei rilievi effettuati ai sensi della L. 241 90 artt. 5, 7, 9 e si RICHIEDE LA PREDISPOSIZIONE DI INCONTRO CON ASSESSORATI A VARIO TITOLO COMPETENTI e dei Dipartimenti interessati, in presenza, con nostra qualificata delegazione, con invio data e orario di incontro a mezzo e mail usiait1@virgilio.it e usicons.roma@gmail.com
Tanto era dovuto, si ringrazia per l’attenzione e si inviano i ns. distinti saluti. .

Trasmette per Usi 1912 ricostituita, coord. Lav. OEPAC il segr. intercategoriale in carica Dr. Roberto Martelli

Per Associazione USICONS aps Prof. Giuseppe Martelli (cell. 327 7385959)

1771