">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Portella della Ginestra

Portella della Ginestra

(1 Maggio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Una strage, una finestra, nessun colpevole: iniziativa di informazione e dibattito sulla Strage di Piazza Fontana e l'assassinio di Giuseppe Pinelli

(6 Dicembre 2023)

loc 12 dicembre 2023, usi

12 DICEMBRE 1969, LA STRAGE DI PIAZZA FONTANA, LA PRIMA SANGUINOSA STRAGE DI STATO...RIMASTA ANCORA DOPO 54 ANNI, SENZA GIUSTIZIA E VERITA’.
15 DICEMBRE 1969 ...PER NON DIMENTICARE L’ASSASSINIO DI GIUSEPPE PINELLI, uno di noi, sempre vivo nelle nostre quotidiane LOTTE.

Iniziativa il 12 Dicembre 2023 a Piazza Gaetano Mosca 51 – Roma dalle 18 alle 22, presso Associazione Usicons aps e Camera del Lavoro autorganizzata Usi 1912, di informazione, dibattito e memoria, con presentazione di “UNA STRAGE, UNA FINESTRA, NESSUN COLPEVOLE”, con proiezione del documentario di Pier Paolo Pasolini (coordina CLAUDIA SANTI, segretaria generale nazionale Unione Sindacale Italiana Usi 1912)

Dopo 54 anni, ancora non si è strappata la pesante cappa, per la verità reale sulla strage di Piazza Fontana, la prima vera “strage di Stato”. Sconosciuti gli effettivi mandanti mentre non ci sono molti dubbi sui materiali esecutori, di matrice fascista. Una strage rimasta impunita e la giustizia incompiuta, di quella fase storica italiana che fu definita la STRATEGIA DELLA TENSIONE. Fu una risposta repressiva ai movimenti di lotta operai, studenteschi, per avere il riconoscimento di pieni diritti, sul lavoro, civili e sociali.
Dopo oltre mezzo secolo, ancora oggi i poteri forti e i vari governi che li rappresentano, cercano di ridurre o eliminare, con la scusa di riforme istituzionali e di una ristrutturazione dell’assetto dei rapporti sociali nel Paese, in nome di una presunta “modernità” e di una visione distorta, di natura identitaria, securitaria e nel solco di tradizioni, che le lotte e i movimenti sociali e civili fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, avevano messo in forte discussione e che oggi stentano a decollare.
Ancora OGGI, come IERI, il filo della nostra memoria storica e del ricordo, non si interrompe
ANCORA OGGI, COME ALLORA NEL 1969, CONTINUEREMO IL NOSTRO INTERVENTO TENACE E COMBATTIVO, L’INFORMAZIONE E LA PROSECUZIONE DELLA MEMORIA, anche SULLE STRAGI DI STATO per smascherare coloro che, magari con facce, volti e nomi diversi dal passato, prosegue con altri mezzi, depistando l’attenzione delle masse popolari, verso le reali cause del progressivo impoverimento economico e salariale, dello smantellamento definitivo di importanti e strategici servizi pubblici, dell’imbarbarimento dei rapporti sociali e culturali, del sapere critico e collettivo, come strumento di conoscenza e fulcro per la resistenza adesso, per la costruzione di rapporti di forza e verso UN ALTRO FUTURO, migliore per tutti e tutte, riconquistando diritti persi e ottenendone di nuovi.
NON SMETTEREMO MAI DI CERCARE LA VERITA’, PER LA GIUSTIZIA SOCIALE
Ricordiamo con l’occasione il nostro compagno GIUSEPPE “PINO” PINELLI, staffetta partigiana, anarchico, militante dell'USI, strappato prematuramente dallo Stato alla vita, agli affetti, alle lotte.
L’IDEA DI LIBERAZIONE E DI GIUSTIZIA SOCIALE CHE LO ANIMAVA, QUELLA CHE PER MOLTI–E DI NOI E’ DIVENTATA PRATICA DI LOTTA QUOTIDIANA, CONTRO LA BARBARIE E L’INGIUSTIZIA ECONOMICA E SOCIALE, E’ QUELLA CHE CI SPINGE A PROSEGUIRE IL PERCORSO E IL LUNGO CAMMINO, SOLIDALE E COLLETTIVO, VERSO LA TRASFORMAZIONE IN MEGLIO E PER TUTTI-E, DELLO STATO DI COSE PRESENTI E DELLE CONDIZIONI DI LAVORO E DI VITA.
La giustizia processuale, gli fece l’ultimo “scherzo”, parlando di un fantomatico MALORE ATTIVO, che lo fece precipitare dai locali della Questura di Milano, nella notte tra il 15 e il 16 dicembre 1969.
L’unica lotta che si perde, è sempre quella…che non si fa.

INVITIAMO TUTTI E TUTTE A PARTECIPARE ALL’INIZIATIVA PROMOSSA IL 12 DICEMBRE, DALLE 18 ALLE 22 PRESSO LO SPAZIO ASSOCIATIVO DI PIAZZA GAETANO MOSCA 51 (con letture, dibattito, proiezione di documentario di Pier Paolo Pasolini, personaggio scomodo eliminato dal “potere”)

Caserta/Cuneo/Rimini/Roma segreteria nazionale collegiale Confederazione Usi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lo stato delle stragi»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

2080