">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Moody's vivendi

Moody's vivendi

(18 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo la guerra finanziaria guidata dall'agenzia di rating Moody's, in Grecia ha inizio il massacro di salari e pensioni

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Sull'emergenza microclima nella sede di Risorse per Roma in Via degli Archivi
    Richiesta provvedimenti a tutela salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici
    (18 Luglio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Flessibili, precari, esternalizzati)

    SUL REFERENDUM FALSATO dal voto “online” A RISORSE per ROMA

    (2 Febbraio 2024)

    Il referendum aveva per oggetto il Contratto Integrativo Aziendale

    risorse per roma logo

    Come Unione Sindacale Italiana USI 1912 e come sindacato USI C. T. & S., con propria rappresentanza sindacale aziendale, ringraziamo tutte/i lavoratrici/tori che hanno resistito a repressioni e ricatti e non hanno votato o hanno votato NO al falso REFERENDUM per l’approvazione del C.I.A. di RISORSE PER ROMA, perchè riteniamo non abbia rispettato le norme di garanzia e di privacy necessarie (tra l’altro mancava una commissione di garanti e di controllo sulla procedura e sui voti, che doveva rappresentare tutte le RSA presenti in AZIENDA come prevede l’articolo 21 della Legge 300/1970, che sono 6 e non solo chi era favorevole alle proposte aziendali, infatti nella commissione andavano inseriti anche coloro che sostenevano le ragioni del No, come avviene nella democrazia seria, invece sono stati indicati a quanto pare, solo quelli per il SI all’approvazione del C.I.A), alcune delle proposte aziendali sono state pure contrastate da oltre un centinaio di firme raccolte tra i dipendenti. SENZA CONTARE CHE IN UN CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE, a CCNL scaduto dal 2019 e non ancora rinnovato, CI SI ASPETTEREBBERO MIGLIORIE ECONOMICHE CHE RIEQUILIBRINO IL SALARIO E LA RETRIBUZIONE, a fronte di UN AUMENTO REALE DEL COSTO DELLA VITA, NON SOLO qualche regalia e incentivi SOLO per pochi “eletti”, nei fatti escludendo la maggioranza della forza lavoro, specie i livelli più bassi, oltre a condizioni più favorevoli per chi ha la legge 104/92, malati oncologici e con patologie gravi e invalidanti, come per le PARI OPPORTUNITA’ e una gestione equilibrata tra tempi di vita, responsabilità di lavoro e quelle per esigenze familiari, per chi ha figli minori o persone anziane da assistere… Se questo CIA deve essere applicato, alcune disposizioni pattizie, non possono cozzare contro leggi e norme fondamentali, a partire dallo Statuto dei lavoratori (ndr e delle lavoratrici) e dall'iniquità di un sistema di relazioni sindacali falsato rispetto al dettato legislativo italiano e internazionale, così come per tutte le problematiche su salute e sicurezza da noi più volte segnalate.

    Ricordiamo che il voto online, che risulta troppo incidente rispetto ai dati scarsi del voto normale con la scheda e che quindi potrebbe essere una cosa poco legale...perchè non sono rispettate le norme previste dallo Statuto dei lavoratori (art, 21) e anche di riservatezza e privacy, per non parlare delle troppe pressioni fatte anche dalle RSA di sindacati collaborazionisti, rispetto al dato totale...

    Ci dispiace che per paura molti lavoratori come pecore hanno seguito il branco guidato non da cani pastori ma da lupi che vogliono togliere molte delle cose giuste che noi avevamo richiesto in trattativa e inoltrato successivamente..
    Ricordiamo che diritti e dignità non si possono svendere per paura di perdere lo smart working, che come più volte spiegato fino a marzo 2024 non poteva essere tolto per le norme esistenti e che difficilmente poteva essere eliminato proprio per le necessità aziendali.

    La nostra storia ha visto morire molti sindacalisti e lavoratori per opporsi al fascismo e per difendere le camere del lavoro (quelle di DI VITTORIO, MESCHI, BORGHI …)...che proprio per essere stati parte attiva nella resistenza l'Usi 1912, come il suo sindacato di riferimento Usi CT&S non si arrenderanno e continueranno la loro battaglia a partire dal rispetto delle condizioni di salute e lavoro.
    Vogliamo ricordare che spesso, negli ultimi anni, i sindacalisti collaborazionisti hanno svenduto i lavoratori e le lavoratrici, con le loro RSU, e noi ci opporremo come più volte hanno richiesto i lavoratori alla ricostituzione di questo tipo di Rsu filo aziendali che hanno sempre svenduto diritti e dignità. Per questo invitiamo tutte e tutti a riprendersi la loro dignità, ricordando che proprio per non essersi opposti con noi che ci battiamo da anni, hanno visto smantellare la sanità pubblica e fra poco con l'autonomia differenziata ed altre leggi la scuola pubblica, l'agricoltura nostrana e tanto altro come una fiscalizzazione non progressiva.. un attacco che sta avvenendo anche a Risorse per Roma contro lo Statuto dei lavoratori e la Costituzione che deve avere una dura risposta, perché l'emancipazione dei lavoratori e lavoratrici da sfruttamento e schiavitù può essere ottenuta solo dai lavoratori stessi che riprendono nelle loro mani il loro destino lavorativo e di vita.

    Per tutti questi motivi rilanciamo una campagna di tesseramento all'Usi 1912 per dare forza alle nostre mobilitazioni sempre in difesa dei lavoratori e delle lavoratrici. NON FINISCE QUI…


    USI Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912 e ricostituita
    Confederazione sindacale nazionale e federazioni territoriali intercategoriali
    Fedele ai principi dell’A.I.T. – USI 1912
    Segreteria nazionale del sindacato commercio turismo e servizi USI C.T.& S.

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

    Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

    2472