">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Tea Party

Tea Party

(3 Agosto 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

LABORATORIO ROMA: Cgil Cisl e Uil GETTANO LA MASCHERA, ALTRO CHE DIRITTI DI CHI LAVORA… SOLO PRIVILEGI PER LA LORO CASTA

Un “favore” ai poteri forti e ai padroni pubblici e privati

(18 Febbraio 2024)

Solidarietà a Delio (Flmu Cub) e Francesca (Slai Cobas), ultimi due licenziati da Stellantis, per il loro reintegro al lavoro, proseguiamo il contrasto alla strage infinita dei morti sul lavoro, ai femminicidi e discriminazioni alle donne, sul lavoro, nella società

8 MARZO 2024, SCIOPERO GENERALE intera giornata

Stellantis Atessa

Atessa: lo stabilimento Stellantis

Ormai Cgil Cisl Uil hanno gettato la maschera, nelle varie aziende pubbliche partecipate romane, dove si sta consolidando il “laboratorio Roma”, del sistema di relazioni sindacali industriali che stanno provando a imporre, prendendo in alcuni casi addirittura posizioni di fatto filo padronali...oltre al loro essere sempre stati concèrtativi...in una fase in cui le controparti richiedono invece omologazione e collaborazionismo (anche di classe e con discriminazioni di censo), di fatto oggi chiaramente una “concertazione” di casta per difendere i loro privilegi anche contro le richieste della base delle lavoratrici e dei lavoratori (una pratica che poco o nulla a a che vedere con la negoziazione, che è pratica seria)... si tenta a Roma, con una giunta capitolina di coalizione con il PD, un modello di relazioni sindacali di stampo feudale addirittura in alcuni casi pre-rivoluzione francese del 1789; figuriamoci se si ricordano della nostra Costituzione repubblicana e antifascista. Infatti si trovano d’accordo con i tavoli convocati dai governatori e quelli nazionali con il governo della Meloni.. chissà se qualcuno di loro pensa al sindacato unico di Mussoliniana Memoria e alle “camere dei fasci e delle corporazioni” che la resistenza antifascista sconfisse.

L'Usi 1912 ricostituita, prosegue la pratica statutaria della lotta di classe e rimane coerente con i principi di autogestione, di autorganizzazione, di solidarietà e di giustizia sociale, principi che stanno applicando anche gli altri sindacati di base e i movimenti di opposizione... Chi pensa di voler mettere la museruola e il guinzaglio ai gatti e gatte neri-e, ha fatto male i suoi conti.

Il resto alle prossime puntate..Risponderemo colpo su colpo…è solo una questione di tempo e di energie da mettere in movimento dalla parte giusta, quella delle classi lavoratrici e dei settori popolari sfruttati e oppressi.
La nostra vicinanza alle famiglie e a coloro che sui posti di lavoro e sui territori, ultimo caso la strage con altri 5 operai morti nel cantiere Esselunga a Firenze del 16 febbraio, subiscono gli effetti della strage infinita di morti sul lavoro e da lavoro salariato, ai continui femminicidi (con sciopero generale nazionale proclamato anche quest’anno pure da Usi 1912 per l’intera giornata dell’8 MARZO 2024, con prosecuzione delle iniziative di mobilitazione e contrasto alle violenze e discriminazioni sul lavoro e nella società, da farsi durante tutto l’anno…) e alla repressione padronale nel silenzio complice dei sindacati collaborazionisti, come sta avvenendo a Delio (delegato e dirigente sindacale di Flmu Cub allo stabilimento di Cassino, in provincia di Frosinone) e a Francesca (attivista di Slai Cobas coord. Prov. di Chieti e operaia combattiva ad Atessa), da parte di STELLANTIS (ex Fiat…), ai quali va la nostra solidarietà e di cui chiediamo la reintegrazione al lavoro, gli ultimi a pagare la "guerra" dichiarataci dalle controparti. A proposito di guerre, contrastiamo coloro che nei fatti, sostengono i conflitti che favoriscono profitti per il commercio delle armi oggi e creano le condizioni per futuri profitti con le opere di "ricostruzione" post bellica (e la sottomissione delle classi lavoratrici e dei settori sfruttati), rilanciamo la solidarietà internazionalista, fermiamo il genocidio del popolo palestinese.

17 febbraio 2024

Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912 e ricostituita

2027