il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Italia, Italia

Italia, Italia

(28 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Un intollerabile attacco allo sciopero generale del 18 ottobre

Comunicato stampa dei Cobas scuola

(3 Ottobre 2002)

Il pronunciamento della Commissione di garanzia, che vorrebbe impedire alla scuola di essere parte rilevante dello sciopero generale del 18 ottobre, è un intollerabile e inaccettabile tentativo di frantumare, o comunque indebolire, lo sciopero generale stesso, impedendo ad un comparto così importante di parteciparvi.

Il pretesto utilizzato è assolutamente risibile: l'intervallo di tempo di 10 giorni, richiesto dalla normativa anti-sciopero e invocato in questo caso in relazione allo sciopero indetto nella scuola dalla Gilda per il 14 ottobre, riguarda gli scioperi di categoria e così è stato finora sempre considerato dalla stessa Commissione. Esso non può in alcun modo interferire con gli scioperi generali che, altrimenti, non potrebbero mai essere tali, visto che, nel corso dell'anno, è impossibile trovare venti giorni consecutivi (dieci prima e dieci dopo un previsto sciopero generale) durante i quali non vi siano scioperi categoriali.

In realtà, il governo Berlusconi teme moltissimo la riuscita dello sciopero del 18 e sta facendo di tutto per ridurne la portata. Ma anche altri hanno paura dello sciopero, ivi compreso i sindacati firmatari del berlusconiano Patto per l'Italia: è stupefacente la "comunità di intenti" tra la Commissione di garanzia e Cisl e Uil che, dopo un lungo letargo categoriale, indicano prima, e assai singolarmente (essendo a conoscenza della convocazione del 14 da parte della Gilda, sul cui ruolo in tutta la vicenda ci piacerebbe saperne di più), la data del 12 ottobre per un loro sciopero, quasi invitando la Commissione ad intervenire; e poi, pochi minuti dopo l'intervento che vieta sia gli scioperi del 12 sia quelli del 18, convergono ben contenti sulla data del 14 ottobre.

Abbiamo ovviamente fatto ricorso contro la decisione della Commissione. Ma, nello stesso tempo, riconfermiamo lo sciopero del 18 ottobre nel comparto scuola, per essere insieme a tutta la Confederazione Cobas, al sindacalismo di base e ai milioni di lavoratori/trici che in quella giornata non andranno al lavoro. Salutiamo con soddisfazione l'analoga presa di posizione da parte della Cgil, alla quale proponiamo un incontro urgente per programmare in comune i passi politici e tecnici necessari per smontare la smaccata provocazione anti-sciopero.

comunicato del 27/09

PIERO BERNOCCHI
portavoce nazionale Cobas scuola

6242