il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?

(700 notizie dal 23 Gennaio 2008 al 5 Ottobre 2022 - pagina 5 di 35)

Dopo il 4 marzo: in cammino verso l'ignoto.
Purché a destra.

"Noi non siamo anti-sistema. È il sistema che è venuto giù da solo. Noi gli abbiamo dato soltanto una piccola spinta." (Beppe Grillo) In molti hanno definito il 4 marzo un passaggio d'epoca. È un'esagerazione. Le epoche storiche non cominciano né finiscono a mezzo schede elettorali. Ma un fatto è certo: le recenti elezioni segnano la meritatissima fine della...

(4 Aprile 2018)

Il cuneo rosso

POTERE AL POPOLO: I NODI DA SCIOGLIERE

Nell’immediato futuro delle diverse componenti che hanno dato vita all’esperienza (per ora elettorale) di “Potere al Popolo” si presenta un fondamentale nodo da sciogliere: quello riguardante la forma della prosecuzione di questa iniziativa politica. Naturalmente dentro all’interrogativo prioritario, appunto quello inerente la “forma”, se ne celano molti altri...

(2 Aprile 2018)

Franco Astengo

Operai, intellettuali e socialismo

Liberarci dei lacci e lacciuoli che tengono imbrigliata la classe operaia e i proletari e li legano ai loro sfruttatori è oggi indispensabile Le ultime tornate elettorali hanno evidenziato il grande distacco esistente fra la classe operaia e i partiti che dicono di rappresentarla, a cominciare da chi si dichiara “comunista” nella forma, ma è riformista nella sostanza. Non...

(31 Marzo 2018)

Michele Michelino per la rivista comunista di politica e cultura “nuova unità”

Costruiamo insieme il partito
delle lotte e del socialismo!

campagna di tesseramento 2018 ad Alternativa Comunista

La barbarie quotidiana di questo sistema Il sistema sociale, economico e politico in cui viviamo (il capitalismo) non è più in grado di offrire nessun progresso alla società. Se c'è stato un tempo in cui ogni generazione poteva aspirare a qualche relativo miglioramento sociale in relazione con le generazioni precedenti, oggi non è più così. I salari...

(21 Marzo 2018)

Partito di Alternativa Comunista

DEMOCRAZIA CON IL “PILOTA AUTOMATICO”

Editoriale del n. 63 di "Alternativa di Classe" Gli esiti elettorali dell'ennesima consultazione, quella di Domenica 4, sono ormai un dato acquisito per l'opinione pubblica, creata dai media. E' stata sottolineata una “alta” affluenza alle urne con la sconfitta del P.D. ed il successo del Movimento 5 Stelle, che è divenuto il primo partito italiano, insieme, all'interno della coalizione...

(17 Marzo 2018)

Alternativa di Classe

POTERE AL POPOLO: ASSEMBLEA NAZIONALE DEL 18 MARZO 2018,
SPUNTI DI RIFLESSIONE E DI PROPOSTA

La proposta politica di Potere al Popolo può e deve proseguire. La condizione essenziale è quella di dimostrare la capacità di porsi come punto di riferimento essenziale per un processo di ricostruzione della soggettività politica comunista, d’opposizione e d’alternativa in Italia e in un quadro di rinnovato internazionalismo. E’ evidente come si tratti...

(15 Marzo 2018)

Franco Astengo

Editoriale del n. 87 di "Scintilla"

Le elezioni hanno visto l’ulteriore crescita del non voto e del voto di protesta, che hanno profondamente trasformato gli equilibri politici italiani. Questo fenomeno è stato alimentato da settori della classe operaia e da giovani disoccupati che hanno subìto un continuo peggioramento delle loro condizioni di vita e di lavoro a causa delle politiche di austerità volute dai...

(15 Marzo 2018)

Da Scintilla n. 87 – marzo 2018

Un terremoto politico di cui non si traggono le conseguenze

Intervento di Mario Iavazzi al direttivo nazionale Cgil

Parto da quella che, per me, è stata una delle pagine più negative della storia della Cgil. Nella relazione, la Camusso ha rilanciato la campagna di raccolta firme “Maipiùfascismi” glissando però, lei come tutto il dibattito in questo direttivo, che quando c’era da sostenere una mobilitazione antifascista ha guardato da un’altra parte. Creando non...

(13 Marzo 2018)

rivoluzione.red

ANALISI DEL VOTO A POTERE AL POPOLO

Alcune schematiche annotazioni attorno al voto ottenuto dalla Lista Potere al Popolo nelle elezioni legislative generali del 4 marzo 2018. VOTO COMPLESSIVO Per il voto alla Camera dei Deputati (Italia) risultavano iscritti 46.505.400 tra elettrici ed elettori che hanno espresso 32.825.399 voti validi Potere al Popolo (voti compresi quelli dei candidati nell’uninominale) ne ha ottenuto 372.022...

(7 Marzo 2018)

Franco Astengo

Potere al Popolo: un voto come alla nuova sinistra anni '70, che, non da sola, cambiò l'Italia

Intervistata da Radio Radicale, Viola Carofalo portavoce di Potere al Popolo ha commentato così il voto del 4 marzo : “ Un risultato non esaltante ma per noi è un punto di partenza”. Io mi aspettavo una percentuale attorno al 2% ma temevo, e temo, soprattutto il contraccolpo negativo del risultato sugli attivisti. Spero che molti proseguano nel loro impegno per il percorso...

(7 Marzo 2018)

Marco P.

SENZA UN FORTE MOVIMENTO NON C'E' RIVOLUZIONE E AVANZA LA CONTRORIVOLUZIONE

MA NON C'E' NEANCHE LA POSSIBILITA' DI METTERE IN PIEDI UNA DECENTE TATTICA ELETTORALE. A MAGGIO A SPOLETO CI SARANNO LE ELEZIONI. CHE FARE?

Si doveva tentare ed è stato necessario farlo. Un posizionamento migliore per riavviare un nuovo ciclo di lotte sarebbe stato importante. I limiti oggettivi e in parte soggettivi dell'esperienza di Potere al Popolo però sono stati fotografati dal risultato che gira intorno all'1% e che ci consente comunque di ridefinire le iniziative da mettere in piedi per la ripresa della lotta di...

(6 Marzo 2018)

Casa Rossa

Il rifiuto del voto e il voto di protesta approfondiscono la crisi politica della borghesia italiana

I risultati dei voti espressi e la crescente astensione (27,1% dell’elettorato, pari a circa 12,5 milioni di cittadini) registrata nelle elezioni politiche del 4 marzo manifestano un’ampia protesta popolare antisistema e anti-UE. Decine di milioni di operai, di lavoratori, di disoccupati, di donne del popolo, hanno negato il loro consenso ai tradizionali e corrotti partiti che hanno guidato...

(6 Marzo 2018)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Un pessimo risultato per i lavoratori

Il voto del 4 marzo ha espresso un risultato estremamente negativo per i lavoratori e il movimento operaio. La crisi del renzismo è precipitata, ma è stata capitalizzata da forme diverse di populismo reazionario: dal Movimento 5 Stelle, in particolare nel Sud e nelle Isole, dove realizza un autentico sfondamento; da un centrodestra a trazione Salvini, in particolare nel Nord. La sinistra,...

(6 Marzo 2018)

Partito Comunista dei Lavoratori

Acerbo (Prc): «Sconfitta di Pd e Berlusconi assai positiva. Potere al popolo scelta giusta che sapevamo difficilissima»

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, esponente di Potere al popolo, dichiara: «Oggi milioni di italiani sono felici per avere travolto una classe dirigente arrogante. La sconfitta del Partito Democratico di Renzi e più in generale della classe dirigente del centrosinistra e dello stesso Berlusconi è certamente un fatto positivo. Che i responsabili di...

(5 Marzo 2018)

rifondazione.it

ALLE COMPAGNE E AI COMPAGNI DI POTERE AL POPOLO

Care compagne e cari compagni, Scrivo mentre lo scrutinio elettorale è ancora in corso ma l’esito appare già definito. Mi riservo, quando le cifre assolute saranno determinate, l’elaborazione di un’analisi più accurata degli scostamenti e dei riallineamenti che i risultati di questa tornata elettorale avranno provocato sul piano complessivo delle dinamiche interne...

(5 Marzo 2018)

Franco Astengo

Ora continuiamo! Assemblea nazionale di Potere al Popolo!

Scriviamo senza sapere quale sarà il risultato delle urne. Ci auguriamo ovviamente che sia quello più alto possibile, perché siamo convinti che un nostro ingresso in Parlamento farebbe davvero la differenza, potrebbe cambiare le cose in questo paese. Per questo invitiamo tutte e tutti a mobilitarsi in queste ultime ore per far capire a tutti il senso storico di questa impresa,...

(3 Marzo 2018)

Potere al Popolo

Potere al Popolo: un voto per una sinistra senza se e senza ma

«Il voto a Potere al popolo è un voto contro una politica al servizio dei più ricchi e potenti. E’ un voto per una sinistra nuova e radicale che farà opposizione al governo di “larghe intese”. Una sinistra senza se e senza ma. Porteremo in parlamento attiviste e attivisti che hanno imparato nelle strade e nelle lotte sociali e ambientali come si fa opposizione. E’...

(2 Marzo 2018)

Maurizio Acerbo, segretario nazionale PRC, candidato di Potere al Popolo

Elezioni politiche italiane del 2018:
No alla rincorsa delle destre nazional-sovraniste

Respingiamo l’offensiva capitalistica
rilanciando il programma di classe

Sul quadro politico italiano all’approssimarsi del 4 marzo incidono, combinandosi, tendenze generali comuni all’intero Occidente capitalistico e magagne specifiche del “bel paese”. Uno sguardo ampio alle più recenti tornate elettorali ci restituisce ovunque il segno di un forte spostamento a destra dell’asse politico, con lo squagliamento dei partiti della sinistra...

(1 Marzo 2018)

Nucleo Comunista Internazionalista

L'interesse del proletariato

L'obiettivo della ricostituzione del partito comunista è all'ordine del giorno dei comunisti rivoluzionari

L'obiettivo deve essere la rivoluzione sociale attraverso la quale la classe lavoratrice diventi padrone della situazione, Siamo in campagna elettorale, che in effetti è partita da tempo, grazie anche alla piaggeria dei vari mezzi di informazione. Tutti, lacerati dalle scelte dei candidati, sono lanciati in una gara di promesse improbabili e tutti uniti per convincere gli elettori ad andare...

(27 Febbraio 2018)

nuova unità

Non c'è potere senza popolo

Uno dei sondaggi elettorali per il voto politico del 4 marzo in Italia mostra un dato interessante ed inquietante insieme. Vengono rilevate le propensioni al voto in base alle condizioni sociali e alla età. Ne viene fuori che tra le persone appartenenti alle classi sociali meno abbienti il voto alle destre e ai cinque stelle e' percentualmente assai più alto di quello medio. Al contrario...

(26 Febbraio 2018)

Roberto Musacchio - controlacrisi.org

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

834189