il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La fatalità dominante

La fatalità dominante

(26 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Presidio Thyssen il 17 novembre a Torino

Appello al movimento studentesco e alla Torino democratica

(10 Novembre 2008)

A partecipare numerosi al presidio davanti al Palagiustizia che si terrà a partire dalle ore 9 il 17 novembre prossimo in occasione dell´ottava udienza preliminare del processo contro i sei dirigenti della THYSSENKRUPP rinviati a giudizio per omicidio volontario con dolo eventuale (per l´amministratore delegato) e omicidio colposo con omissione delle norme di sicurezza per gli altri cinque dirigenti che dovrebbe concludere la fase preliminare con la requisitoria dei Pubblici Ministeri.

Dall´inizio del processo (il 1° luglio scorso) siamo giunti ad un grande risultato senza precedenti nella storia della giurisprudenza italiana: i lavoratori vengono ammessi dal Gup parte lesa e quindi riconosciuti come parte civile in un processo contro i sei dirigenti della multinazionale tedesca per il rischio che hanno occorso a lavorare in un´azienda (peraltro già chiusa), così come purtroppo ha colpito i nostri cari sette compagni in quella tragica notte.

I lavoratori della Thyssen hanno costituito insieme ad alcune delle famiglie colpite dalla tragedia una Associazione Onlus - "Legami d´ Acciaio" - che sta sostenendo sia in tribunale sia nell´opinione pubblica la causa della nostra tragica vicenda.

Ci teniamo a precisare che il nostro punto di vista è chiaramente, senza se e senza ma, quello di salvaguardare la salute , la sicurezza nei luoghi di lavoro e di fare sempre e comunque gli interessi delle lavoratrici/ori scegliendo fino in fondo e senza ambiguità da che parte stare ossia dalla nostra parte, con orgoglio e dignità, quella Operaia Nel "nostro processo" cercheremo fino in fondo di contribuire a far pagare attraverso le leggi vigenti nel nostro "Bel Paese" le massime pene, che si accertino le verità e si affermi per la prima volta che un imprenditore (per noi padrone) venga chiaramente, senza raggiri burocratico-giuridici, chiamato a rispondere delle sue responsabilità davanti alla giustizia, moralmente e socialmente alla collettività sul cui territorio opera e fa impresa.

Siamo attenti e interessati a quello che sta succedendo da circa due mesi nel mondo della Scuola e della Università con la nascita (finalmente dopo molti anni) di un Movimento così di massa trasversale e democratico che forse senza fare impropri esempi storici o sociologici non ha precedenti per le componenti che lo animano dagli studenti universitari ai medi ,dai genitori delle scuole primarie al personale a.t.a. e amministrativo, agli insegnanti e professori di ogni ordine e grado così unico ed eterogeneo.

Solidarizziamo e come già abbiamo fatto manifesteremo insieme all´Onda Anomala e a tutto il Movimento affinché venga cancellata la vergognosa Legge 133, che vuole istituire nel nostro Paese in estrema sintesi un´istruzione e una cultura differenziate per censo ed "appartenenza di classe", con una scuola per i figli dei ricchi e dei padroni (magari privata e sostenuta dai soldi di tutti ,in particolare dei lavoratori) e una scuola pubblica per i figli dei lavoratori , povera senza risorse, strutture e strumenti.

Saremo al fianco degli studenti universitari torinesi per impedire l´ attuazione della controriforma dell´Università contro il disegno politico di questo Governo che con un progetto anti-costituzionale vuole abbattere la scuola e l´Università Pubbliche per tutti senza distinzioni di ceto sociale.

NO ALLA SCUOLA E L´UNIVERSITA´ DEI PADRONI
SI ALLA SCUOLA E L´UNIVERSITA PUBBLICHE
NO GELMINI -NO TREMONTI
BASTA MORTI SUL LAVORO PIU´ SICUREZZA E MENO PROFITTI


Torino nov.2008

Ass. LEGAMI D´ACCIAIO
RETE NAZIONALE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «Associazione Legami d’Acciaio»

8128