il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Britannia

Britannia

(11 Agosto 2011) Enzo Apicella
La Gran Bretagna cambia le regole del gioco: l'esercito contro la rivolta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Solidarietà ai lavoratori in lotta a Brembio

lunedì 4 gennaio ore 5,45 tutti e tutte al picchetto!

(1 Gennaio 2010)

Nella serata di mercoledì 30 dicembre le forze dell’ordine caricavano un picchetto di lavoratori in difesa del posto di lavoro davanti ai cancelli della Fiege Burrosa (logistica) nella zona industriale di Brembio in provincia di Lodi.

Questo necessario momento di lotta era stato deciso dall’assemblea dei lavoratori, in grande maggioranza immigrati, per impedire alla cooperativa del consorzio Ucsa, che succede alla Rsz New Project, l’imposizione di un peggioramento delle condizioni di lavoro e salario e di un maggiore livello di precarietà per decine di lavoratori e lavoratrici.

Durante l’aggressione a freddo alcuni di loro rimanevano feriti e contusi e, per coprire la violenza utilizzata, venivano anche arrestati e tradotti al carcere di Lodi, Miri, un lavoratore della cooperativa e Fulvio un delegato sindacale dello Slai Cobas con l’imputazione di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni!!!!!!!!

I filmati girati dai lavoratori, che la stessa Rai ha fatto circolare dimostrano invece l’infondatezza di queste accuse, dando il senso del livello di provocazione raggiunto e del clima politico generale che deve spazzare ogni forma di resistenza dei lavoratori ai drammatici effetti della attuale crisi strutturale dell’organizzazione capitalistica del lavoro e alla volontà di farne pagare il peso ai lavoratori.

Stamattina si è celebrato il processo per direttissima a Fulvio e Miri, processo a porte chiuse “difeso” all’interno dello stesso tribunale di Lodi da poliziotti in assetto antisommossa, alla fine del quale il giudice, per non smentire l’operato polizia, ha convalidato gli arresti ma ne ha sentenziato l’immediata scarcerazione rinviando il processo al 23 febbraio.

Finito il processo, con un corteo alla cui testa c’erano i lavoratori in lotta, abbiamo attraversato le strade di Lodi per arrivare davanti alla prefettura, dove si è svolta una trattativa sul futuro dei lavoratori, nella quale la cooperativa Ucsa ha cercato concedere qualche contentino ma, nella sostanza, ha confermato l’intenzione di applicare un abbassamento delle ore lavorate, dei livelli salariali e un buon numero di licenziamenti camuffati da uno spostamento a 70 chilometri dalla sede.

Dopo questa presa di posizione e di fronte all’atteggiamento della prefettura di Lodi di spalleggiare le politiche schiavistiche della cooperativa i lavoratori e le lavoratrici hanno confermato la decisione di continuare la lotta indicendo un picchetto per lunedì 4 gennaio mattina alle ore 5,45 davanti ai cancelli della Fiege Burrosa.

Invitiamo tutti e tutte a praticare la solidarietà di classe partecipando a questo picchetto, sottolineando che solo i rapporti di forza possono portare a reali miglioramenti alle condizioni di vita e di lavoro di ogni lavoratore.

Con i lavoratori di Brembio in lotta ! La lotta paga !

La solidarietà e la lotta sono le uniche armi in mano ai lavoratori!

I compagni e le compagne del csa Vittoria.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Centro Sociale Autogestito Vittoria»

6606