il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Ndrangheta

Ndrangheta

(15 Luglio 2010) Enzo Apicella
Operazione di polizia contro la ndrangheta. Tra i 300 arrestati molti lumbard, imprenditori e politici

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Elezioni in Nicaragua e Guatemala

(7 Novembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

Ieri due Paesi del Sud America si sono recati alle urne tra le polemiche. In Nicaragua sembra sia stato riconfermato alla presidenza il sandinista ed ex guerrigliero Daniel Ortega, che si è ripresentato alle elezioni appoggiandosi a una sentenza giudiziaria che ha invalidato l’articolo della Costituzione vietante l’immediata ricandidatura, una decisione che l’opposizione taccia di illegittimità.

Ortega negli ultimi anni è stato accusato di corruzione ed autoritarismo, anche dal suo stesso partito, ma dalla sua parte ha il risultato di una grossa riduzione della povertà nel Paese durante il suo mandato. "Questa è una nuova vittoria del popolo che rafforza la speranza della sovranità in America Latina", ha commentato il presidente venezuelano Hugo Chavez che appoggia la politica anti statunitense di Ortega.

Situazione opposta in Guatemala dove, come previsto, ha vinto la destra , con l'ex generale Otto Perez Molina del Partito Patriottico. Il programma elettorale di Molina prevede il pugno duro contro i narcos, che la fanno da padroni in un Paese in cui povertà, corruzione e violenza toccano indici altissimi. Il presidente uscente, Alvaro Colom (di sinistra), ha tempo fa sottolineato che ''i governi che mi hanno preceduto sono responsabili di aver pianificato la consegna dello Stato ai narcos''. Facile capire come in questo difficile clima la soluzione “dura” di Molina sembri una speranza per molti, ma bisogna sottolineare che la politica militarista dell’ex generale solleva da sempre le critiche degli avversari politici e degli organismi per i diritti umani. Così come il suo passato: gli organismi in difesa dei diritti umani accusano Molina di aver perpetrato massacri nella regione indigena di Nebaj e la Corte interamericana dei diritti umani lo indica quale il responsabile dell'omicidio di Efraín Bámaco, avvenuto nel 1992. Inoltre ci sono forti dubbi sulla provenienza dei soldi che hanno finanziato la costosissima campagna elettorale e che per alcuni verrebbero proprio dal narcotraffico che Molina promette di voler combattere….

07-11-2011

Valentina Valentini
DirittiDistorti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

8625