il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Ti vogliono privatizzare

Ti vogliono privatizzare

(11 Giugno 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Frosinone/Rieti. Aree di crisi complessa. PCI: subito un intervento per i lavoratori senza soldi dal 2 gennaio 2020
    Già da prima del coronavirus questi lavoratori attendevano un sostegno, ora è dramma sociale
    (29 Marzo 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale, ambiente e salute)

    Capitale, ambiente e salute:: Altre notizie

    Un’altra strage prevedibile: Gli incidenti di caccia

    (27 Ottobre 2014)

    Nel 2013 da settembre a Natale, in 46 giorni effettivi di stagione venatoria, le vittime in Italia sono già state 113 (25 i morti e 88 i feriti). Se un serial killer in 46 giorni avesse ucciso 25 persone e ferito 88, migliaia di agenti sarebbero alla sua ricerca. Non è un’assurdità, allora, lasciare un fucile in mano a gente inesperta, o peggio, arrogante, che viola qualsiasi norma, spara nelle immediate vicinanze di case, cascine, fa fuoco su ogni cosa che si muove? Cosa si aspetta per intervenire, che le stragi si ripetano e si completino? Senza controlli adeguati, la licenza di caccia diventa licenza di uccidere.
    Eppure, a leggere l’art.27 L.157/92, la vigilanza è affidata a “Guardie Venatorie della Provincia, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Municipale, Guardie volontarie venatorie delle associazioni ambientaliste e di quelle venatorie”. L'art. 361 del codice penale, "Omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale" commina gravi punizioni per chi non denuncia i reati, compresi quelli sulla caccia, denunciati a loro volta dai cittadini.
    In Italia si verificava (secondo uno studio del 2003 condotto da Filippo Schillaci di Promiseland Italia) in media un incidente mortale ogni 550 mila giornate di caccia.
    A tutt’oggi 25 ottobre 2014, i morti sono 12.
    Grande la responsabilità di chi, per motivi elettorali, chiude un occhio, se non entrambi, sulle continue violazioni; sia detto per coloro che s’illudono di trovare nello stato borghese protezione e giustizia.
    Per concludere, una lista, purtroppo provvisoria, degli incidenti più gravi di questa stagione (Dal sito Di caccia si muore):
    Friuli Venezia Giulia: 1
    Liguria: 1
    Lombardia: 2
    Piemonte: 2
    Toscana: 5
    Veneto: 1


    sab 25 ott 2014
    Riparbella (Pi) - Colpito alla testa da un compagno di caccia

    sab 25 ott 2014
    Malori / Infarti
    Vittorio Veneto (Tv) - Cacciatore ritrovato morto nel bosco

    mar 21 ott 2014
    Feletto (To) - Muore di infarto durante caccia al cinghiale

    dom 19 ott 2014
    Pigna (Im) - Cacciatore cade in un dirupo e muore

    dom 19 ott 2014
    Cortona (Ar) - Spara a due metri contro un colombaccio ma uccide l'amico

    mer 15 ott 2014
    Crespina (Pi) - Cacciatore muore nel bosco dopo un malore

    dom 12 ott 2014
    Canneto Pavese (Pv) - Ucciso con un colpo alla testa

    mer 08 ott 2014
    Val Borbera (Al) - Spara e uccide il compagno di caccia

    dom 05 ott 2014
    Camaiore (Lu) - Cacciatore cade in dirupo e muore

    gio 02 ott 2014
    Piombino (Li) - Spara nel cespuglio e uccide un cacciatore

    dom 28 set 2014
    Almenno San Bartolomeo (Bg) - Cacciatore annega per salvare suo cane che poi è riuscito a uscire dall'acqua.

    gio 25 set 2014
    Torviscosa (Ud) - Cade e viene ucciso da colpo accidentale del suo fucile

    Gente Comune - Morti: 0 (per ora)

    Michele Basso

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie dell'autore «Michele Basso (Savona)»

    7257