il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Scemi

Scemi

(27 Marzo 2010) Enzo Apicella
Il Vaticano respinge le accuse sui preti pedofili

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Strada Lecce – San Cataldo (S.p. 364): ad alta densità di traffico e pericolosa per le carenze manutentive

Lo “Sportello dei Diritti” rilancia la segnalazioni di automobilisti e dell’associazione “Salute Salento”. Si faccia la manutenzione e si stabilisca un unico limite di velocità consono alla strada

(29 Agosto 2017)

lecce-san cataldo

Sono tanti gli automobilisti, che continuano a segnalare la pericolosità della strada provinciale Lecce - San Cataldo, s.p. 364, la principale arteria a quattro corsie che conduce alla marina leccese di San Cataldo, non solo per i lavori che permangono sulla semicarreggiata verso il mare, ma anche per la scarsissima visibilità delle lanterne semaforiche (soprattutto il rosso). In effetti, come segnalatoci anche attraverso le fotografie di Cesare Mazzotta in rappresentanza dell’associazione “Salute Salento”, la luce emessa dalle lanterne è scarsamente visibile a causa della polvere che si è depositata nel tempo. Evidentemente non vengono pulite e sottoposte a manutenzione come gran parte dei tratti di strada anche non oggetto degli arcinoti lavori di sistemazione dei collettori fognari. Da lontano non si riesce a capire il colore che emettono, soprattutto con la luce del giorno e nella direzione da San Cataldo verso Lecce. Inoltre, un altro problema che è nell’evidenza di tutti, sono i limiti di velocità che in alcuni tratti sono ridicoli per il tipo di strada e sorprendentemente altalenanti. Risulta, infatti, assurdo marciare con una macchina a 20 km/h o a 40 km/k su una strada a quattro corsie di marcia e che potrebbe avere uno scorrimento ben più veloce rispetto a quello cui la si vorrebbe relegare. E', peraltro, come detto, un guazzabuglio di valori alti e bassi che potrebbe costituire un pericolo per la circolazione perché ove correttamente rispettati porterebbero a continue accelerazioni e decelerazioni con i conseguenti rischi per chi vi transita. Insomma, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, occorre un tempestivo intervento del Presidente della Provincia, ma anche del Sindaco di Lecce in quanto la strada ricade interamente nel territorio del capoluogo, affinché si provveda solertemente con le richieste manutenzioni e con l’adeguamento del limite a quello consono.
Lecce, 29 agosto 2017

Giovanni D’AGATA

3077