il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

F 35

F 35

(28 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

41 miliardi di profitti in Borsa. Prodotti dagli operai, intascati dai padroni

(17 Dicembre 2018)

chi mangia e chi affoga

Mentre i salari perdono potere d'acquisto salgono i profitti di Borsa, anche quando scende il valore delle azioni. Nell'anno in cui la Borsa di Milano perde il 13,5% le aziende quotate si avviano a realizzare 41 miliardi di profitti. Tra il 2017 e il 2018, al netto del settore finanziario (banche), il monte utile sale da 19,6 a 24,3 miliardi di utile, nonostante i cali della Borsa. La STMicroelettronics ha perso da inizio anno il 34% in termini di valore dei titoli, ma ha quintuplicato i propri profitti. La CNH Industrial ha perso in valore il 28,9% ma ha triplicato i profitti. La Pirelli ha perso il 18% ma ha triplicato i profitti. Sono i dati forniti dal quotidiano di Confindustria del 16 dicembre.

Come si spiega questo divario? Se le aziende perdono valore patrimoniale i profitti non dovrebbero calare? Invece no, e la spiegazione è semplice: aumenta lo sfruttamento del lavoro.

Da un lato le incertezze della situazione politica, il rischio guerre commerciali, il brusco calo del settore tecnologico a Wall Street hanno disincentivato gli investimenti azionari sul mercato finanziario, provocando le perdite dei titoli. Ma dall'altro lato, le stesse aziende compensano le perdite con l'incremento della pressione sul lavoro: ritmi infernali nelle fabbriche, cancellazione di diritti, precariato dilagante. In una parola: umiliazione del lavoro a vantaggio dei dividendi degli azionisti. È la realtà del capitalismo, tanto più in una stagione di crisi.

Il punto allora non è l'ingiusta ripartizione della ricchezza, come dicono i sociologi liberalprogressisti. Il punto è che la ricchezza degli uni (i capitalisti) è finanziata dalla miseria degli altri (i lavoratori e le lavoratrici). 41 miliardi prodotti dai salariati ma intascati dai loro padroni. 41 miliardi di profitti che il governo SalviMaio vuole ulteriormente detassare, nel mentre svuota le elemosine su reddito e pensioni per rassicurare il capitale finanziario, lo stesso che investe nei titoli di Stato per ingrassare con gli interessi - in crescita - pagati ancora una volta... dai lavoratori.

La verità è che il "governo del cambiamento" è solo un governo del cambianiente.
Soltanto la ribellione di 17 milioni di salariati può cambiare le carte in tavola.

Partito Comunista dei Lavoratori

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista dei Lavoratori»

1409