il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

LE NOSTRE VITE VALGONO PIÙ DEI LORO PROFITTI

(14 Settembre 2020)

ricordare chi è morto di profitto

Ogni giorno dei lavoratori perdono la vita sul lavoro fra l’indifferenza dell’opinione pubblica e la colpevole inefficienza dello stato e delle Istituzioni.

Gli “incidenti”, sul lavoro, i morti e gli invalidi continuano come se fossimo ancora nell’800, è questa la “modernità” del capitalismo.

La Confindustria, l’associazione dei padroni, definisce queste stragi solo dei “fatali incidenti”, “disattenzione degli operai” “tragiche fatalità”; i politici borghesi parlando di “piaga inaccettabile” ma non fanno nulla per impedirle, per perseguire l’omicidio colposo e doloso per cause di lavoro. Invece fanno molto per garantire l’impunità ai padroni e ai loro dirigenti assassini.

Anche i sindacati confederali, che ritengono, legittimo il profitto, e a questo subordinano ogni piattaforma sindacale e ogni legge sul lavoro, continuano a firmare accordi che peggiorano le condizioni di lavoro, dimostrandosi complici di questa mattanza operaia.

Per massimizzare i profitti, il capitale risparmia anche i pochi euro necessari in prevenzione e sicurezza condannando a morte migliaia di lavoratori ogni anno. Protetto da un sistema economico – politico – sociale - legislativo, i padroni sanno che anche in casi d’infortuni gravi in cui perdono la vita più operai, finito il clamore e la protesta operaia, al peggio se la caveranno con un risarcimento pagato dalle assicurazioni.

Da sempre negli innumerevoli processi per i morti sul lavoro e del profitto, i padroni e manager imputati, salvo casi particolari, ottengono l’impunità garantita dalle leggi dallo stato dei padroni.

Ecco cosa contiamo noi proletari nella democrazia borghese.

I morti sul lavoro e del profitto, i feriti, gli invalidi, sono morti nostri, di tutti noi lavoratori e pensionati proletari.

Lottare per i nostri interessi contro l’intensificazione dello sfruttamento significa difendere la nostra vita.

Portare in piazza la rabbia operaia, dei lavoratori, dei famigliari delle vittime, mettendo al primo punto delle rivendicazioni operaie nei contratti e negli scioperi la sicurezza sul lavoro e nei luoghi di vita, significa difendere i lavoratori, e salvare molte vite umane.

Le nostre vite valgono più dei loro profitti.

Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio - Sesto San Giovanni

1052