il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

  • Le mani sulla città - 3 date sulla gentrificazione
    (28 Febbraio 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Memoria e progetto)

    Dove va il governo Prodi

    (99 notizie dal 30 Aprile 2006 al 27 Gennaio 2008 - pagina 3 di 5)

    Crisi di Governo: dalla confusione dei Poteri l'inutilità del Corpo elettorale e del Parlamento

    Di fronte alle dimissioni di Prodi a seguito del voto negativo al Senato sulle linee di politica estera del Governo, da comune spettatore, per lo più ignaro delle questioni politiche che albergano nei corridoi dei Palazzi, il primo istinto è stato quello di rileggere la Costituzione. Ho chiaramente ri-scoperto quello che tutti sanno: vi è obbligo di dimissioni soltanto in occasione...

    (23 Febbraio 2007)

    Franco Ragusa (Editoriale di "Riforme Istituzionali")

    Il governo Prodi e l’Unione all’ultima fermata: Kabul

    Le contraddizioni che si annidavano nella maggioranza a sostegno del Governo Prodi sono emerse sulla questione determinante della guerra: solo due senatori hanno portato fino in fondo coerentemente le proprie posizioni contro la politica estera dell’Unione a sostegno delle guerre USA nel quadro di guerra multilaterale, ma tanto è bastato per far saltare la maggioranza. Nonostante le pressioni,...

    (23 Febbraio 2007)

    Associazione Comunista IL PIANETA FUTURO

    Solidarietà ai compagni Rossi e Turigliatto.

    Decidere di intervenire in Afganistan ed accettare che la missione di guerra comunque prosegua è la stessa cosa. Ma non è soltanto una questione militare o politica ma è anche etica. Sui problemi etici, da sempre, si riconosce la libertà di coscienza. Di recente tale libertà è stata rivendicata all’interno dell’Unione a proposito dei DICO e da...

    (22 Febbraio 2007)

    Lucio Costa - Cadoneghe (PD)

    Il governo è stato sfiduciato a Vicenza prima ancora che al Senato

    Dobbiamo dirlo con franchezza. Il primo voto di sfiducia sulle sue scelte di politica estera il governo Prodi lo ha ricevuto sabato 17 febbraio nelle strade di Vicenza, con una enorme manifestazione popolare e antimilitarista che aveva inviato un segnale forte rispetto al quale la relazione e la replica di D’Alema al Senato sono rimasti sordi. In nessun paese del mondo si può pretendere...

    (22 Febbraio 2007)

    La Rete dei Comunisti

    Prodi bis, ovvero “I programmi di guerra richiedono esecutivi più fedeli”

    La caduta del governo Prodi, probabilmente pilotata per rafforzare un esecutivo in procinto di affrontare scelte ancora più pesanti di quelle assunte sino ad oggi ( il rifinanziamento della missione in Afghanistan, l’inizio dei lavori per la base al Dal Molin, il rilancio della TAV, i futuri scenari di guerra in Afghanistan, Libano, Kosovo, Siria, Iran), è legata ad una gestione...

    (22 Febbraio 2007)

    Il Comitato promotore per la Rete nazionale Disarmiamoli

    La lezione di Vicenza

    Sono opportune, e necessarie, alcune riflessioni sullo straordinario evento della manifestazione di Vicenza, che ha mobilitato oltre 200 mila persone, anche alla luce di un altro avvenimento straordinario, ma non certo imprevedibile – o inevitabile -, vale a dire la rocambolesca e fantozziana caduta del governo sulla mozione dalemiana in materia di politica estera e le doverose dimissioni presentate...

    (22 Febbraio 2007)

    Lucio Garofalo

    Cade un governo... se ne fa' un altro... per i padroni

    Cade un governo... se ne fa' un altro... per i padroni Il governo e' andato sotto al senato per 2 voti (158 su 160 come quorum) opposizione 136, gli astenuti 24 di cui molti filibustieri attaccati a vita al parlamento, questa la cronaca. A ben vedere hanno avuto un ruolo importante 3 di questi senatori a vita e cioe' Andreotti, Pininfarina,Cossiga, piu' che i 2 turigliatto e rossi (non a vita infatti...

    (22 Febbraio 2007)

    http://falcee.blogs.it/

    Quel che è stato (e che forse ci ridaranno riscaldato...)

    Per fortuna, esiste la sinistra radicale, che riesce a strapparmi un sorriso anche nei momenti più tristi. Sono impagabili, questi che rifondano il comunismo, oppure sono comunisti e italiani, oppure ancora ambientalisti, ma sono tutti pacifisti e antimilitaristi. Per dimostrarlo, hanno cacciato dal governo i guerrafondai militaristi e, non appena al governo del Paese ci sono andati loro,...

    (22 Febbraio 2007)

    Arcipelago

    Il governo non c’e’ piu’

    Quando i TG della sera hanno annunciato con tono sommesso e preoccupato la rocambolesca caduta del governo, tanti italiani sono stati sorpresi ad esclamare “Finalmente non se ne poteva più di questo Berlusconi sempre missioni di guerra, TAV, basi americane, ticket, aumento del precariato, leggi ad personam, innalzamento dell’età pensionabile, scippo del TFR, privatizzazioni,...

    (22 Febbraio 2007)

    Marco Cedolin

    La nostra solidarietà a Franco Turigliatto

    Al Senato una manovra centrista. Per batterla, il governo cambi politica

    Esprimiamo la più totale solidarietà umana, morale e politica al senatore Franco Turigliatto che al Senato ha compiuto l'unica scelta possibile per una sinistra pacifista e alternativa. Turigliatto, ben al di là di operazioni politiche di piccolo cabotaggio ha voluto confermare il vincolo morale che lo lega al movimento pacifista e al programma storico di Rifondazione comunista....

    (22 Febbraio 2007)

    COORDINAMENTO NAZIONALE SINISTRA CRITICA

    Turigliatto (prc), non voto e mi dimetto dal senato

    (AGI) - Roma, 21 feb. - 'La replica di D'Alema non ha cambiato la sostanza della politica del governo indicata nella relazione e il mio voto a favore non ci sara'. Sono contrario alla guerra in Afghanistan e al raddoppio della base di Vicenza che il governo, la maggioranza del centrosinistra e tutto il centrodestra invece vogliono fortemente, contro l'opinione dell'elettorato italiano e contro la...

    (22 Febbraio 2007)

    (AGI)

    Il governo si schianta su Vicenza, le basi militari, la guerra

    Il governo Prodi si è schiantato contro quello che, da sempre, è lo scoglio più pericoloso per un governo: la GUERRA, l’ostacolo che storicamente ha provocato un’infinità di rotture e tracolli nelle Internazionali, nei partiti e nei sindacati legati al movimento operaio. Fin dall’inizio, e in spregio al movimento contro la guerra - che tanto aveva contribuito...

    (22 Febbraio 2007)

    Confederazione COBAS

    I ministri ormai parlano da soli

    Quello che è accaduto stamattina all’ Università Statale di Milano ha dell’incredibile ma è al contempo estremamente indicativo di come la classe politica italiana sia ormai irrimediabilmente rinchiusa dentro al suo bozzolo di autoreferenzialità, senza più avere nessuna velleità di comunicare con l’esterno. I Ministri Giuliano Amato e Tommaso...

    (20 Febbraio 2007)

    Marco Cedolin

    I precari della scuola contro i tagli del governo

    Sicuramente nessuno di noi ha dimenticato quanto il governo di centro-sinistra ha promesso in sede di campagna elettorale: un piano di immissioni in ruolo che avrebbe ben presto posto fine al problema del precariato scolastico. Tali promesse, però, si sarebbero ben presto scontrate con le dichiarazioni, provenienti dal Ministero della Pubblica Istruzione, le quali più che a risolvere...

    (19 Febbraio 2007)

    www.precariscuola.135.it

    Assemblea Nazionale Confederazione Cobas 3-4 febbraio 2007. La mozione finale

    L’Assemblea Nazionale della Confederazione Cobas, riunitasi a Roma il 3-4 febbraio 2007, esprime una valutazione pesantemente negativa sull’operato del governo Prodi, che, attraverso i suoi atti politici e provvedimenti legislativi, ha concretizzato e sviluppato una politica neoliberista che rafforza le posizioni del grande capitale finanziario ed industriale e conferma, sotto la foglia...

    (10 Febbraio 2007)

    Confederazione Cobas

    L'isola che non c'è

    Il Titanic dei buoni propositi dell'Unione sembrava dovesse, fino al giorno prima delle elezioni politiche del 2006, solcare un mare in tempesta - eredità della nomenklatura di destra -superare iceberg nelle nebbiosi notti, evitare gli scogli che affiorano dalla superficie del grande mare, per concludere la sua rotta sull'isola della felicità. Ma questa meta appare sempre più...

    (3 Febbraio 2007)

    Alessandro Ambrosin

    Un grido d’allarme per la sinistra politica e sociale

    La situazione è complicata o difficile; ma che vuol dire? Vuol dire che se si comincia a parlare di casa si pensa al governo che è debole e contrastato al suo interno; al Parlamento in precario assetto; ai grandi Comuni e alle Regioni a cui non dispiace la debolezza dello Stato; se si passa ai contenuti, gli investimenti sociali non sono prioritari, mentre crescono le spese militari....

    (2 Febbraio 2007)

    Vincenzo Simoni - Unione Inquilini

    Governo, Conclave di Caserta

    Conclave:La Cub, ritiene sbagliata e massacrante per i lavoratori,i pensionati ed il paese perseguire una scelta di politiche sociali liberiste in continuità con quelle del governo Berlusconi e rivendica una politica di ridistribuzione del reddito a favore dei ceti popolari. E’ stato nominato il conclave della distensione quello che si terra a da oggi a Caserta, un vertice per riappacificare...

    (12 Gennaio 2007)

    CUB CAMPANIA

    L'esercito delle dodici scimmie

    Il corpo elettorale non è fatto da cinquanta milioni di italiani. E’ formato da una dozzina di persone. I capi di partito. Un gruppetto di individui che senza una ragione apparente, ma grazie a una legge indecente, ha deciso chi deve rappresentare gli elettori. E chi deve fare il ministro. O il sottosegretario. Prodi, Rutelli, Casini, Berlusconi, Bertinotti, Pecoraro Scanio, Diliberto,...

    (10 Gennaio 2007)

    Beppe Grillo - 9 Gennaio 2007

    Per una campagna contro il governo Prodi

    Dopo aver insieme sostenuto una Finanziaria di spese militari e sacrifici sociali, fischiata dagli operai, Prc e Cgil cercano ora la reciproca copertura per negoziare sulle pensioni, passandosi l'un l'altro la patata bollente. La Cgil vorrebbe negoziare su una proposta di governo che vincolasse preventivamente il Prc. Il Prc vorrebbe negoziare con Padoa-Schioppa col mandato preventivo della Cgil....

    (20 Dicembre 2006)

    movimento per il Partito Comunista dei Lavoratori

    <<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |    >>

    78282