il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

1914-1918: il grande crimine della borghesia

(23 notizie dal 23 Giugno 2014 al 4 Novembre 2018 - pagina 1 di 2)

CENTO ANNI FA IL 4 NOVEMBRE 1918

Questa nota è stata ispirata da un’intervista rilasciata ieri dal capo di Stato Maggiore, Generale Farina sulla ricorrenza del 4 novembre. Si sono lette parole così dense di retorica bellicista e nazionaliste da non poter essere lasciate senza replica. Ricorrono i 100 anni dalla conclusione della prima guerra mondiale e naturalmente sono previste al riguardo cerimonie e manifestazioni...

(4 Novembre 2018)

Franco Astengo

PRIMA GUERRA MONDIALE

Stanno per compiersi i 100 anni della “Vittoria Mutilata” e sicuramente ci si appresta a ricordare, con grande sfoggio di retorica, “L’Italia di Vittorio Veneto”. In questi giorni, invece,ricorrono i 103 anni dalle “radiose giornate di maggio” e dell’ingresso dell’Italia nella “inutile strage” come la definì Benedetto XV. In...

(21 Maggio 2018)

Franco Astengo

Caporetto

Alla disfatta del proprio paese non poté rispondere il proletario disfattismo rivoluzionario

Il giorno 24 ottobre del 1917, sul fronte dell’Isonzo che separava l’esercito austro-ungarico da quello italiano, un attacco portato con criteri strategici del tutto nuovi per le concezioni militari dello stato maggiore cadorniano provocò un rovescio militare di amplissima portata, che arretrò il fronte bellico di quasi 150 chilometri, quando i guadagni territoriali di tre...

(14 Gennaio 2018)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

24 MAGGIO 1915: L'ITALIA ENTRA IN GUERRA

COME OGNI ANNO DEVE ESSERE RICORDATA SEMPRE LA SCELLERATEZZA DELLA MONARCHIA ,DEI GOVERNANTI, DELLA BORGHESIA, CAPACI DI GETTARE MILIONI DI VITE UMANE DENTRO AD UNA TRAGEDIA DI INCALCOLABILE PORTATA PER LA LORO INSENSATA VOLONTA’ DI POTENZA, DOMINIO, SFRUTTAMENTO. NON DIMENTICARE MAI E RICORDARE SEMPRE DA CHE PARTE SI COLLOCANO GRAVISSIME RESPONSABILITA’ STORICHE. RICORDARE SEMPRE ANCHE...

(23 Maggio 2017)

Franco Astengo

Centenario ingresso Italia in Prima Guerra Mondiale, non c’era nulla da festeggiare

Il 24 maggio 1915 iniziò la partecipazione all’inutile strage, non c’è nulla di patriottico di cui essere orgogliosi cento anni dopo

650.000 soldati morti, 600.000 vittime civili, oltre un milione di mutilati e feriti (altro che le poche migliaia che abbiamo letto e ascoltato in alcune celebrazioni in terra d’Abruzzo!) in nome di ciò che secondo Giovanni Giolitti poteva essere ottenuto con “una neutralità concordata”. Questo è il bilancio davanti alla Storia della partecipazione italiana alla...

(27 Maggio 2015)

Alessio Di Florio

24 MAGGIO 1915: viva i sovversivi, i disfattisti, i disertori!

Cento anni fa l’imperialismo italiano entrava in guerra. Il 24 maggio del 1915 l’Italia dichiarava guerra all’Austria-Ungheria, entrando così, dopo nove mesi dal suo inizio, nella Prima Guerra Mondiale. Questo conflitto, sorto per la spartizione dei mercati e delle zone d’influenza tra imperialismi vecchi e nuovi (Gran Bretagna e Germania in testa, poi nel marzo del...

(24 Maggio 2015)

combat-coc.org

100 anni dopo: il nemico principale è sempre nel nostro paese!

A cento anni dall’entrata nella I guerra mondiale imperialista Il nemico principale è sempre nel nostro paese! Un secolo fa lo straccione imperialismo italiano entrava nella I guerra mondiale - generata dagli antagonismi del regime capitalistico - spinto dalla volontà di una minoranza di elementi reazionari, avventurieri, sciovinisti e interventisti asserviti agli interessi delle...

(24 Maggio 2015)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

24 maggio, inizia il grande massacro

Il 24 maggio dovrebbe essere decretato giorno di lutto nazionale per rispetto di un’ intera generazione di giovani che sono stati stati trucidati senza sapere bene il perché nelle nevi delle Alpi, nelle pietre del Carso e nella pianura del Piave. I popoli che uscirono da anni di Grande Massacro furono i veri sconfitti, tutti. Per quello italiano la disfatta fu feroce per i morti in battaglia,...

(24 Maggio 2015)

Francesco Cecchini - pressenza.com

A CENT’ANNI DALL’INGRESSO DELL’ITALIA NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE: L’OPPOSIZIONE DEI SOCIALISTI

24 Maggio 1915, l’Italia entra nella prima guerra mondiale. Una giornata tragica nella nostra storia: il “via” ad un immane massacro. Contrariamente a quanto fatto, nell’Agosto del 1914, dagli altri partiti socialisti occidentali il Partito Socialista Italiano aveva votato contro, alla Camera dei Deputati, i pieni poteri e i crediti di guerra concessi al governo Salandra –...

(24 Maggio 2015)

Franco Astengo

CENT'ANNI FA LE RADIOSE "GIORNATE DI MAGGIO"

24 Maggio 1915: “mormorò il Piave” e gli italiani furono gettati, grazie ad un vero colpo di stato militar-monarchico, nella fornace divoratrice della prima guerra mondiale. L’Italia non era obbligata a entrare in guerra. Sebbene la Triplice Alleanza (sottoscritta per la prima volta nel 1882) la legasse formalmente all’Austria e alla Germania, il fatto che l’Austria...

(14 Maggio 2015)

Franco Astengo

NEL CENTENARIO DELLA MORTE DI CLARA IMMERWAHR

Cento anni fa, il 2 maggio 1915, Clara Immerwahr, scienziata e pacifista, si toglieva la vita come estremo gesto di opposizione alla guerra e agli orrori e ai massacri di cui la guerra consiste. La vita e la morte di Clara Immerwahr ci convoca a un severo, ineludibile esame di coscienza; ci convoca a un più adeguato, concreto, efficace impegno contro la guerra e la violenza, per salvare le...

(2 Maggio 2015)

Peppe Sini

Il primo conflitto mondiale. Riflessioni sulla guerra

A Frosinone, un ciclo di iniziative per approfondire, muovendo da prospettive inedite, i diversi aspetti della Grande Guerra A 100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale (28 luglio 1914) e in prossimità del centenario dell’entrata dell’Italia nel conflitto (24 maggio 1915), molti sono ancora i motivi per conoscere e riflettere su un evento che ha condizionato in maniera decisiva...

(20 Aprile 2015)

Storie globali del Novecento italiano

La grande guerra. I limiti del «nazionalismo metodologico» nella ricerca storiografica. Due volumi sul primo conflitto mondiale evidenziano le sue conseguenze nella elaborazione di una «identità europea» C'è un aspetto che emerge, tra i molti, nella grande costel­la­zioni di ele­menti che con­no­tano la prima guerra mon­diale ed è...

(27 Febbraio 2015)

Claudio Vercelli - il manifesto

Natale 1914 sul Fronte occidentale

(tratto da COMUNISMO N.ro 61)

Durante la settimana velica di Kiel, del giugno 1914, l’Imperatore tedesco Guglielmo II si era fatto fotografare nella divisa da ammiraglio britannico, orgoglioso di “indossare l’uniforme portata da Nelson”. L’Imperatore, infatti, non soltanto era Colonnello onorario dei Dragoni britannici, ma era anche Ammiraglio della Royal Navy. Per contro, il cugino, Giorgio di Inghilterra...

(24 Dicembre 2014)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

La Guerra, il coraggio, i prati

E’ stata Guerra ed è stata Grande, così l’hanno definita per i numeri: fra i sedici e i venti milioni di morti. Ammazzati e crepati. Nove di qua, sette di là e tre milioni che non si sa di chi fossero. Alla fine della conta non importava più, tanto di nomi con cui infarcire lapidi ce n’era un’infinità. E degli sconosciuti uno valeva per tutti,...

(8 Novembre 2014)

Enrico Campofreda

Gli orizzonti di gloria borghesi
e la mattanza di proletari

A cento anni dalla Prima guerra mondiale

"L'imperialismo è il capitalismo giunto a quella fase di sviluppo in cui si è formato il dominio dei monopoli e del capitale finanziario, l'esportazione di capitali ha acquistato grande importanza, è cominciata la spartizione del mondo tra i trust internazionali, ed è già compiuta la ripartizione dell'intera superficie terrestre tra i grandi Paesi capitalistici". (Lenin,...

(6 Novembre 2014)

Ruggero Mantovani - PdAC

4 novembre. Una guerra e una "festa" da riscrivere completamente

La retorica nazionalista e militarista, ha già trasformato il 2 giugno – festa della Repubblica – in una ostentazione di soldati e apparati bellici. Ma da decenni in Italia si celebra il 4 novembre, data della fine della Prima Guerra Mondiale nel 1918, la festa delle Forze Armate. Quest’anno e il prossimo, questa retorica cresce e crescerà di tono perché ricorre...

(4 Novembre 2014)

Sergio Cararo - Contropiano

A CENT’ANNI DALLA PRIMA GUERRA MONDIALE: IL CROLLO DELLA SECONDA INTERNAZIONALE

Lo scoppio della prima guerra mondiale e il crollo della seconda Internazionale verificatosi nello stesso momento rappresentano due fatti decisivi nella storia del movimento operaio internazionale: anzi c’è chi sostiene che la “nostra” sconfitta storica si sia verificata proprio in quel frangente. Questa ricostruzione intende semplicemente ripristinare una memoria degli avvenimenti...

(31 Luglio 2014)

Franco Astengo

La loro commemorazione della Prima Guerra Mondiale e la nostra

Ancora sulla Prima Guerra Mondiale. Pubblichiamo la traduzione di un articolo dei compagni della CWO sulle celebrazioni della borghesia relative a uno dei più grandi macelli della storia dell'umanità, innescato e prodotto dalla maturazione dei contrasti imperialistici tra i segmenti della borghesia europea e mondiale La Prima Guerra Mondiale scoppiò 100 anni fa, in questo mese....

(29 Luglio 2014)

leftcom.org

A 100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale

Buongiorno compagne e compagni, presentiamo un nostro contributo per la formazione militante e la discussione politica: “A 100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale imperialista: lezioni storiche e considerazioni per l’oggi” Per scaricarlo in PDF https://lists.riseup.net/www/d_read/piattaforma_comunista/Documenti/100_1_GUERRA_MONDIALE.pdf Il documento è anche presente...

(28 Luglio 2014)

Piattaforma Comunista

<<   | 1 | 2 |    >>

41647