il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Violenza sulle donne

Violenza sulle donne

(30 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • La fascistizzazione è sempre più evidente
    editoriale di "nuova unità", n. 5/2018
    (18 Settembre 2018)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Stato e istituzioni)

    DIRITTI DEI LAVORATORI

    Il burkini e il corpo delle donne

    (22 Agosto 2016)

    Comunque vada il corpo delle donne e il valore della propria libertà di scegliere diventa sempre un pezzo importante delle guerre,
    siano esse quelle fatte con le armi, con gli stupri scelti come arma di persecuzione e annientamento di una popolazione (gli esempi e precedenti, tragici e aberranti, non fanno distinzione di religione o luogo geografico) o le guerre ideologiche.
    L'ultima è la vicenda del burkini, che tra le notizie di bombe, esplosioni, attentanti ha riempito le pagine dei media e i dibattiti di capi di governo, ministri e vacanzieri.
    Ora con qualche elemento di logica ci si dovrebbe spiegare il nesso tra la sicurezza, l'antiterrorismo e l'andare in una spiaggia libera con il burkini. La donna, sempre la donna, chiamata in causa per le sue scelte anche quando non confliggono con altre libertà o diritti.
    Perché una donna dovrebbe rinunciare al mare e alla spiaggia per il divieto del burkini? Certo cosa diversa è andare in una piscina con il burka, il problema non è religioso ma di regole igieniche. Ma perché se una donna non si sente a suo agio, per una sua scelta ovviamente maturata nel contesto culturale e sociale da cui proviene, dovrebbe esporre il proprio corpo in un modo che non ritiene opportuno? Perché come ogni altra donna di ogni parte del mondo, di ogni religione e cultura non potrebbe andare al mare come crede? Vittima due volte.
    Giusta e corretta la foto postata da un Imam con delle suore al mare, nulla di irrispettoso o volgare.
    Il discrimine è sempre tra la scelta e l'impostura, per un burkini o per un topless.
    Pensare che impedire il burkini ci renda più sicuri significa guardare a falsi problemi e non praticare quella integrazione che almeno in casa nostra - come amano ripetere alcuni - nella bella e moderna Europa passa sempre per la libertà.
    Dispiace che tra tante libertà negate per le donne ne vengano aggiunte altre in nome della laicità.

    22-8-16

    A. V. - DirittiDistorti

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Questioni di genere»

    Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

    3605