">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Alta tecnologia italiana

Alta tecnologia italiana

(15 Marzo 2011) Enzo Apicella
Dopo Fukushima. Il ministro dell'ambiente Stefania Prestigiacomo dichiara che il programma nucleare italiano non cambia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Capitale, ambiente e salute:: Altre notizie

M90, l'orso condannato a morte e abbattuto

(10 Febbraio 2024)

M90

In questo mondo alla deriva, il sistema capitalistico globalizzato, selvaggio e criminale sta subendo l’ennesima crisi e ha sguinzagliato ancora una volta i signori della guerra per nuove distruzioni, morte, genocidi, povertà e abbrutimento sociale, per poi, come da prassi, ricostruire le città, curare i feriti, riempire nuovamente gli arsenali e sostenere i superstiti, elargendo fondi alle multinazionali del cemento, delle armi, dell’alimentazione e della farmaceutica, pompando così, nuovo ossigeno nei polmoni del capitale. E la storia continua… In questa macelleria umana e ambientale, dove solo gli indifesi ne pagano le conseguenze, una parola è giusto spenderla anche per gli animali, anch’essi esseri viventi. In Trentino, per esempio, nel ‘feudo’ della provincia autonoma di Trento, nel silenzio rimbombante dei media, è stata istituita la pena di morte per gli orsi. Nei giorni scorsi, l’orso M90 è stato giustiziato perché ritenuto pericoloso. M90, non più Maya, Joze, Daniza, ma solo un codice, si aggiunge al lungo e ignobile elenco di quelli uccisi o spariti in Trentino, sporcando di sangue un valido progetto del 1996 finanziato dall’Unione europea che vedeva la reintroduzione dell’orso bruno in montagna. Adesso i soldi sono finiti, proteggerli costa e allora si passa allo sterminio perché la legge lo consente. L’intelligenza umana, però, imporrebbe che così come si censura e si disapprova, senza se e senza ma come è giusto, la pena di morte per gli esseri umani i quali hanno contezza di ciò che fanno, altrettanto bisognerebbe farlo nel caso degli amici animali. M90 era candidamente un orso e faceva l’orso. L’uomo non gli ha lasciato scampo. Nessuna soluzione alternativa. Non è stato catturato, ma spietatamente abbattuto. Le leggi per il controllo degli orsi “monelli” prevedono anche l’abbattimento dell’animale, uno strumento inventato dall’uomo che nel mondo animale non esiste, semplicemente perché è disciplinato dalla natura con le proprie regole che gli esseri umani, sempre più lontani da essa, non comprendono. L’ambiente montano non è solo foto di paesaggi in cartolina, ma anche e soprattutto habitat naturale, che spesso ci si dimentica di dover rispettare, cercando sempre di sfruttarlo per i propri loschi interessi, per cui spesso si provocano disastri e disgrazie. La pena di morte è l’espressione di una cultura di violenza, pertanto uno stato, eseguendola, commette un assassinio e manifesta lo stesso diniego di riabilitazione del criminale stesso. L’orso non è un animale aggressivo, lo può diventare, nel momento in cui si sente insidiato, solo per difendersi, e vista la sua mole fisica e le armi naturali di cui dispone, è pericoloso. Non è cattivo, la ferocia è una caratteristica propriamente umana, esso segue l’istinto, obbedisce alla sua indole difensiva. E’ un predatore che aderisce alle leggi della natura. Non ha intenzionalità e premeditazione, ma sviluppa uno spiccato senso dell’autoconservazione e se avverte una minaccia attacca per difendersi. Tuttavia anche ammazzare un animale deliberatamente con il proposito di uccidere è un delitto, e l’auspicio è che qualcuno risolva definitivamente questa problematica, perché gli orsi, nella fattispecie quelli del trentino non hanno colpe. Bisogna fermare questo massacro e cercare, perché esistono, altre soluzioni come le informazioni agli umani, l’educazione alla convivenza e il rispetto nei loro confronti e, se necessario, il trasferimento. Anche l’orso ha una anima e, in quanto essere vivente, anche una dignità. Ma l’uomo molto spesso non lo capisce, lo ignora, però sul divano di casa coccola e accarezza il ‘gattino’, poi, tuta e scarpe da ginnastica, esce e porta a spasso il ‘cagnolino’. Ma questi, con tutto il rispetto e l’amore pure per essi, sono animali considerati di compagnia se non di ‘lusso’... Uomo razzista.

Pasquale Aiello

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

4091