il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

99%

99%

(20 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Contro le privatizzazioni nel comune di Venezia

O.D.G. 1° Congresso Regionale P.R.C. Veneto (respinto)

(6 Dicembre 2002)

1 dicembre 2002

Il 1° Congresso del P.R.C. conferma la propria generale opposizione alle politiche di privatizzazione dei servizi pubblici portati avanti dalle amministrazioni, sia di centrosinistra che di centrodestra, e coerentemente con tale impostazione respinge qualsiasi ipotesi di gestione diretta da parte di esponenti del partito delle S.p.A. medesime.

Per quanto riguarda i processi di privatizzazione dei servizi pubblici rileviamo che tale processo è particolarmente avanzato nella amministrazione comunale di Venezia, dove tra l'altro il nostro partito è coinvolto da anni in responsabilità di giunta con propri assessori.
Nel Comune le S.p.A. ormai abbondano: Casinò, Insula, Edilvenezia, Arti, Venis, Venezia spiagge, La immobiliare veneziana, Venice cards, Actv, Vesta, Arsenale S.p.A., l'elenco è necessariamente frammentario ed incompleto per la velocità del processo di smantellamento del patrimonio pubblico, è infatti di questi giorni la privatizzazione delle farmacie comunali, mentre sembra difficile il parto di Abitare Venezia S.p.A. (prevede la privatizzazione del patrimonio abitativo comunale) che dovrebbe essere diretta da un esponente del nostro partito, ma l'incompletezza e la frammentarietà è data anche dal fatto che veniamo a conoscenza dei fatti dalla stampa borghese mancando una puntuale comunicazione dell'attività del partito nelle istituzioni borghesi agli organi dirigenti del partito stesso.

Mentre la partecipazione di esponenti del partito nella gestione delle Aziende spesso pone il partito in diretta contrapposizione sia agli interessi dei lavoratori, per le politiche di precarizzazione e flessibilizzazione decisi dalle direzioni aziendali, che agli interessi delle masse popolari per gli aumenti dei prezzi dei servizi, come nel caso dell'Actv (azienda dei trasporti).

In considerazione di quanto espresso il congresso chiede al partito ed ai suoi rappresentanti presenti nei consigli comunali e provinciali di aprire una campagna contro i processi di privatizzazione dei servizi, ritirando i propri assessori dalle giunte che portano avanti tale politiche, a partire dal comune di Venezia;

Il Congresso chiede le immediate dimissioni di tutti gli esponenti del partito che hanno incarichi politici in tutte quelle direzioni aziendali che per le politiche perseguite si contrappongono agli interessi dei lavoratori e delle masse popolari, a partire dalla Actv;

Il Congresso sostiene la lotta del comitato dei lavoratori-studenti pendolari di Chioggia contro gli aumenti decisi dal Actv, lo porta ad esempio ai lavoratori e alle masse popolari del Veneto, sostenendone la generalizzazione.

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «I° congresso PRC Veneto»

Ultime notizie dell'autore «Associazione marxista rivoluzionaria PROGETTO COMUNISTA - sinistra del PRC»

8670