il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Indignados

Indignados

(16 Ottobre 2011) Enzo Apicella
15 ottobre 2011. 900 manifestazioni in 80 paesi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Primo congresso regionale del PRC Veneto

Un resoconto di minoranza

(6 Dicembre 2002)

Domenica 1 dicembre si è tenuto il primo congresso regionale del Prc, la maggioranza ha presentato il documento "un altro Veneto è possibile" illustrato dal segretario regionale uscente Sperandio, la sinistra del partito ha presentato il documento " per un progetto comunista, per un polo di classe", sono stati presentati anche alcuni emendamenti, di cui due della maggioranza e due della minoranza.

I due documenti presentati dalla maggioranza riguardavano rispettivamente uno contro la realizzazione del "Mose" contro l'acqua alta a Venezia, un'opera faraonica e speculativa, approvato all'unanimità, un altro riguardava l'incidente verificatosi alcuni giorni addietro al Petrolchimico di Marghera, in commissione politica la minoranza ha chiesto l'inserimento, ad integrazione dell'ordine del giorno, della necessità della nazionalizzazione sotto controllo operaio della chimica in Italia e quindi anche del polo chimico di Marghera per superare in avanti la contraddizione tra le esigenze alla salute e alla sicurezza della popolazione e la certezza di un lavoro sicuro e privo di rischi per i lavoratori, realizzando quindi impianti sicuri per i lavoratori in siti idonei dal punto di vista dell'impatto ambientale.
Tale richiesta è stata respinta, conseguentemente la minoranza si è astenuta sulla mozione.

Le due mozioni di minoranza riguardavano rispettivamente:

- una le privatizzazione nel comune di Venezia, che è stata respinta con l'astensione dei delegati della maggioranza di Padova e dei delegati dei giovani comunisti di Venezia. La maggioranza ha sostenuto in commissione politica la necessità di obbedire alle leggi dello Stato e la necessità di sostenere le giunte per finanziare il partito

- l'altra mozione riguardava la situazione ambientale del Basso Polesine, anche questa è stata respinta per il riferimento al controllo operaio e popolare presente nella mozione, hanno votato a favore oltre alla minoranza congressuale, due delegati della provincia di Rovigo.

L'intervento di Grassi si è caratterizzato da un lato per la valorizzazione del documento di Patta, Rinaldini e altri sul nuovo soggetto politico (partito del lavoro) e dall'altra per il richiamo all'unità della maggioranza del partito sulla base delle alleanze con il centro sinistra, come dire si lascia aperte tutte le porte.

La sinistra del partito ha proposto come candidato a segretario regionale Maurizio Freschi, che ha preso 5 voti, il candidato della maggioranza Sperandio 34 voti, inoltre ci sono stati 4 astenuti.

La segreteria proposta è una segreteria politica frutto della ritrovata unità tra compagni bertinottiani e componenti dell'area di Grassi. La minoranza ha votato contro, anche i giovani comunisti di Venezia contrari al blocco con i grassiani hanno votato contro.

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «I° congresso PRC Veneto»

Ultime notizie dell'autore «Associazione marxista rivoluzionaria PROGETTO COMUNISTA - sinistra del PRC»

9022