il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Independence Day

Independence Day

(5 Luglio 2010) Enzo Apicella
Gli USA festeggiano la «propria» indipendenza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Afghanistan occupato

(423 notizie dal 11 Giugno 2006 al 19 Settembre 2021 - pagina 1 di 22)

Kabul, tutte a casa

Tutte a casa, dice il sindaco, che poi è un incaricato pro tempore, un facente funzioni. Così oggi a Kabul circa mille dipendenti pubbliche non hanno potuto varcare l’ingresso dei posti occupati fino al giorno precedente. Era nell’aria, sebbene Hamdullah Nomany, il sindaco ad interim della capitale afghana, abbia dichiarato che si tratta d’una situazione transitoria...

(19 Settembre 2021)

Enrico Campofreda

Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate. Come non conquistare i cuori e le menti In questo filmato si vede un soldato...

(15 Settembre 2021)

Patrick Boylan - Peacelink

AFGHANISTAN, IL LUNGO ADDIO

A seguito dell’annuncio da parte dell’Amministrazione Biden della fine della missione militare in Afghanistan e nel procedere del ritiro delle truppe statunitensi e degli altri Paesi Nato, gli sviluppi sul campo hanno conosciuto una formidabile accelerazione. L’avanzata dei talebani si è intensificata e ad agosto, in dieci giorni, questi hanno occupato le principali città...

(27 Agosto 2021)

Prospettiva Marxista

Afghanistan: le lacrime di coccodrillo dell'imperialismo

La precipitosa “ritirata” dall'Afghanistan degli Stati Uniti che, dopo decenni di “esportazione della democrazia” (dubbie alleanze, finanziamenti e addestramenti di equivoci gruppi e fazioni: in una parola, le basi stesse del caos odierno), riscoprono la propria ricorrente quanto fantomatica “vocazione all'isolazionismo”. Il pietoso fuggi-fuggi delle potenze occidentali...

(26 Agosto 2021)

Partito comunista internazionale (il programma comunista – kommunistisches programm – the internationalist – cahiers internationalistes)

Biden finto tonto

Diverse cose non sono chiare nella vicenda della partenza delle forze di occupazione militare Usa in Afghanistan. Per prima cosa i soldati Usa non lasceranno l’ Afghanistan. Un primo lotto di 3000 militari era già stato stabilito al tempo di Trump. A questi si sono aggiunti altri 3000 decisi da Biden in occasione del trasloco. Intanto gli Usa hanno, nel frattempo, spostato in una loro...

(26 Agosto 2021)

Nicolai Caiazza

Afghanistan: una disfatta storica degli Stati Uniti e dell’Italia. E ora?

1. Sconfitta, disastro, debacle, agghiacciante fallimento, vergognosa ritirata, una catastrofe dei nostri eserciti e dei nostri valori, una disfatta peggiore di quella subita da parte dei vietcong mezzo secolo fa: una volta tanto, la stampa dei regimi occidentali, detti comunemente democrazie, non ha indorato l’amarissima pillola che i signori della guerra di Washington&Co. hanno dovuto...

(25 Agosto 2021)

Tendenza internazionalista rivoluzionaria

La débâcle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio. Cosa spiega la disfatta USA/NATO in Afghanistan? In gran parte è stata causata dall'odio...

(19 Agosto 2021)

Patrick Boylan - Peacelink

La tragedia afgana tra l’inumano nazionalismo talebano e la barbarie dell’imperialismo americano

La vulgata ricorrente sul ritiro Usa dall’Afghanistan recita che Washington si è stancata di fare il gendarme del mondo, di far morire i propri soldati ai quattro angoli del globo e di spendere migliaia di miliardi di dollari per finanziare le operazioni Nato. Niente di più falso. Gli Usa si ritirano non perché abbiano raggiunto i loro obiettivi, come recita Biden, ma perché...

(16 Agosto 2021)

Tendenza Comunista Internazionalista

L’orgoglio talebano fra rassegnazione e paura

Fra le immagini festanti dei barbuti con giberna pronti a sorridere a ragazzini ignari e incuriositi e le foto impostate, scattate dentro il Palazzo presidenziale per un’intervista concessa ad Al Jazeera, proprio lì dove fino a una manciata d’ore prima si pavoneggiava Ghani sperando in una clemenza mai arrivata, c’è il realismo della Storia. Che preannuncia gli eventi...

(15 Agosto 2021)

Enrico Campofreda

Kabul, sabato rosso sangue

Ancora donne e ragazze. Ancora Dasht-e Barchi, l’area sciita di Kabul. Ancora morte, ancora sangue. Sangue senza pietà che lascia a terra un centinaio di persone, quaranta vittime e circa sessanta di feriti. Tanti ne arrivano all’ospedale di Emergency, dove i letti quasi non bastano. L’ennesimo attentato - diviso su tre esplosioni: un’autobomba e due ordigni improvvisati...

(8 Maggio 2021)

Enrico Campofreda

Afghanistan, Blinken spiazzato e l’araba fenice del ritiro

Solo la Superlega del calcio Paperone, agognata da Perez e dalla quarta generazione Agnelli, ha ottenuto un flop più vistoso di quanto registra il piano preparato da oltre un mese dal Segretario di Stato americano Blinken. Domani a Istanbul non si sarà alcuna continuazione dell’interrotta trattativa di Doha. Il politico statunitense è stato snobbato dai talebani, che già...

(23 Aprile 2021)

Enrico Campofreda

Afghanistan, le bombe dalla culla alla bara

Non c’è tempo per vivere nell’Afghanistan devastato da kamikaze e autobomba. Non c’è futuro nella tua vita di poche ore o pochi giorni. Così muori in fasce fra le braccia di tua madre, oppure muori tu e lei si salva. Se accade il contrario è davvero cosa peggiore. Perché da maschio, pur sopravvivendo ad altri attentati, se ti va bene finirai in...

(13 Maggio 2020)

Enrico Campofreda

Kabul, soliti copioni

Se la pace non cammina, ritorna la guerra. Devono ammetterlo a Kabul: gli attentati riprendono il ritmo di due anni addietro. Non lo dice il apertamente il governo, ma gli uomini del Sigar, l’Ispettorato speciale per la ricostruzione. E sono attentati talebani, non dello Stato Islamico del Khorasan che dalle trattative di Doha era escluso e si escludeva da sé. Peraltro negli ultimi tre...

(2 Maggio 2020)

Enrico Campofreda

Afghanistan, l'epidemia entra a Palazzo

A fronte di irrisorie cifre sui contagi della pandemia Covid-19 - i positivi risultano poco più di mille, i decessi trentasei, ma i controlli rivolti alla popolazione sono pressoché assenti - l’infezione compare improvvisamente dentro i palazzi governativi. Lo annunciano le stesse autorità statali che hanno ottenuto test e tamponi per il personale amministrativo, registrando...

(22 Aprile 2020)

Enrico Campofreda

Taliban, iniziative anti Covid e anti Ghani

L’Ak-47 d’assalto e la mascherina di protezione primaria, i combattenti taliban si sono presentati così in alcuni villaggi delle province afghane. Divulgano l’abc per difendersi dal contagio della Sars-Cov2: usare una maschera o un succedaneo per la protezione di bocca e naso, se è possibile guanti, lavarsi spesso e bene le mani. Informano le persone a non raccogliersi...

(6 Aprile 2020)

Enrico Campofreda

Taliban, i più stabili nella politica afghana

Persino la rissosa galassia talebana risulta attualmente più stabile e seria dei rappresentanti ufficiali del regime afghano amato e sponsorizzato dall’Occidente. Lo si è visto palesemente stamane nel corso della cerimonia di giuramento che il candidato vincitore delle presidenziali dello scorso settembre, Ashraf Ghani, ha affrontato in solitudine. Unico conforto d’apparato...

(9 Marzo 2020)

Enrico Campofreda

Afghanistan, droni assassini e Resolute Support

Colpito, esploso, bruciato. Ieri un leader talebano è finito come il generale Soleimani, disintegrato da un drone statunitense nella provincia occidentale afghana di Herat. Si chiamava Nangyalay, era un mullah. Ma un deputato del Consiglio provinciale ha ricordato che nell’azione “mirata” sono rimasti uccisi anche sessanta civili. Si registra anche un numero imprecisato di...

(10 Gennaio 2020)

Enrico Campofreda

Banca Mondiale, l’Afghanistan che verrà

Cinica, ciclica e creativa la geopolitica che ispira l’economia imperialista dell’occupazione sta disegnando l’Afghanistan che verrà, con buona pace di tutte le favole raccontate per un ventennio dalle missioni di sostegno occidentali. Costose quest’ultime, costosissime, fino a duemila miliardi di dollari di spesa, e il calcolo va dal 2001 al “grande ritiro”...

(5 Dicembre 2019)

Enrico Campofreda

Elezioni afghane, mistero truffaldino

Che fine hanno fatto le presidenziali afghane? Si sono arenate nei conteggi. La Commissione Elettorale Indipendente ha diffuso i numeri dei voti validi che ammontano a 1.843.107 sull’iniziale quota di 1.929.333. La tendenza evidente già in prima battuta era il crollo della partecipazione scesa a poco più del 20%, visti i circa 10 milioni di potenziali elettori. Ora sono state cancellate...

(4 Novembre 2019)

Enrico Campofreda

Crisi colloqui afghani: così parlò il taliban

“Se gli americani non vogliono più attaccarci, se vogliono ritirarsi e firmare l’accordo, noi non li attaccheremo. Se invece ci attaccano, continuano i bombardamenti e i raid notturni allora continueremo a fare ciò che abbiamo fatto negli ultimi diciotto anni”. Questa è la risposta talebana al voltafaccia operato da Trump nei giorni scorsi. Giunge dalla capitale...

(13 Settembre 2019)

Enrico Campofreda

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

566728