il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Imperialismo e guerra (da Medio oriente e Asia)

Via dal Libano, subito!

(23 notizie dal 13 Luglio 2006 al 1 Luglio 2010 - pagina 1 di 2)

Unifil ferma manovre contestate da popolazione, "e' stato un equivoco"

Unifil ferma manovre contestate da popolazione, "e' stato un equivoco" Libano Mentre in Libano si fanno insistenti le voci di un possibile ritiro israeliano dal villaggio di confine occupato di Ghajar - non ancora confermate dallo Stato ebraico - l'Unifil è stata costretta a fermare (o avrebbe concluso secondo altre fonti) le ampie manovre militari svolte nei giorni scorsi nel Libano del...

(1 Luglio 2010)

www.forumpalestina.org

Incidenti nel sud per manovre Unifil

Libano Decine di giovani in diverse zone del Libano del sud protestano da ieri, con lanci di sassi e bottiglie, contro le ampie manovre militari che sta svolgendo nella regione l'Unifil (12 mila uomini, tra i quali oltre 2mila soldati italiani). La stampa libanese riferisce di tre veicoli del contingente francese danneggiati e di un militare ferito dalle pietre lanciate dai dimostranti. Gli incidenti,...

(30 Giugno 2010)

www.forumpalestina.org

Unifil e Forze Armate, l’interesse dietro la patria

Il Capo dello Stato italiano Giorgio Napolitano è volato in Libano, nazione tuttora posta sotto tutela dalla politica statunitense in Medio Oriente, per parlare di militari, missioni come quella Unifil e commemorare la giornata delle nostre Forze Armate. Una visita dai molteplici risvolti che, pur nell’ufficialità dell’accoglienza da parte del Presidente Suleiman, poco ha...

(7 Novembre 2009)

Enrico Campofreda

Libano: il giorno dell'assassinio di Pierre Gemayel un aereo militare portoghese in arrivo da Israele è giunto inaspettatamente a Beirut

Beirut, 21 dicembre - Stando ad al Manar, l'emittente tv di Hezbollah, un misterioso aereo militare portoghese è atterrato all'aeroporto di Beirut il giorno dell'assassinio di Pierre Gemayel. Il velivolo proveniva direttamente da Tel Aviv in violazione delle leggi libanesi che vietano che un aereo in arrivo dallo Stato ebraico possa atterrare sul suolo libanese. L'aereo non è stato...

(23 Dicembre 2006)

Arabmonitor

Libano: disinformazione Ansa

E' bene ricordare che dopo le dimissioni della componente sciita, il governo di Siniora è illegale e anticostituzionale. E ed comunque riconosciuto dalle "democrazie occidentali", prime fra tutte Usa, Francia e Italia.... E allora l'Ansa, come tutti i media occidentali, fa articoli del genere; "scordando" fra l'altro che non c'è solo Hezbollah in piazza, ma anche i cristiani di Aoun,...

(4 Dicembre 2006)

L

Libano: il ricatto

Beirut, 2 dicembre - Il sottosegretario di Stato Usa Nicholas Burns ha dichiarato alla tv libanese Lbc che la caduta del governo di Fouad Siniora comporterebbe automaticamente la cancellazione della Conferenza internazionale, convocata per gennaio a Parigi, per i Paesi donatori interessati a ricostruire il Libano, dopo l'aggressione israeliana dell'estate scorsa. Dal messaggio di Burns emerge chiaramente...

(4 Dicembre 2006)

Arabmonitor

Sull'incontro internazionale di Beirut in solidarietà con la resistenza (16 - 19 novembre 2006)

1 L'incontro è stato organizzato dal Partito comunista Libanese, da Hezbollah, dalla Tribuna dell'Unità Nazionale, dal Movimento del Popolo e dalla rete d'associazioni della società civile "Samidoun" con l'obiettivo di organizzare una rete internazionale di solidarietà con la resistenza libanese. Obiettivi strategici dell'incontro: 1) contrastare la campagna di denigrazione...

(26 Novembre 2006)

Valter Lorenzi Delegato del Comitato nazionale per il ritiro delle truppe italiane all'incontro di Beirut

Omicidio Gemayel: a chi giova il caos in Libano?

Via subito le truppe italiane!

Dopo la sconfitta militare di agosto il fronte israelo/statunitense è stato costretto ad accettare un ripiegamento tattico e la risoluzione 1701 dell’ONU, sicuramente spostata in favore degli aggressori, ma incapace nell’immediato ed in prospettiva di risolvere il problema di fondo per il quale l’esercito di Tsahal è stato mandato allo sbaraglio: il disarmo e la disarticolazione...

(23 Novembre 2006)

Comitato nazionale per il ritiro delle truppe italiane

Un altro punto di vista rispetto alla Missione UNIFIL in Libano

Intervista con Marie Nassif-Debs, membro dell’ufficio politico del Partito Comunista Libanese (LCP).

1. Qual’è la vostra opinione sulla presenza dell’UNIFIL 2, il nuovo contingente ONU in Libano? L’UNIFIL 2, costituita attualmente, si differenzia di molto da quella già presente in Libano da più di trent’anni, in seguito alla Risoluzione 425 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Le differenze tra le due UNIFIL sono manifeste : - Prima di tutto, la...

(14 Ottobre 2006)

Solidaire, settimanale del Partito dei Lavoratori del Belgio. http://www.solidaire.org

Intervista ad Alì Fayyad

direttore del Centro consultivo per gli studi strategici e la documentazione di Hizbullah

Intervista apparsa sui Quaderni speciali di Limes n°4/2006 L: Qual è il rapporto tra il vostro centro ed Hizbullah? Fayyad: Il centro che dirigo è un istituto creato dal partito per approfondire la ricerca e gli studi in ambito strategico, politico, sociale e culturale. Siamo dotati di una ricca banca dati di un archivio mediatico aggiornato e ci avvaliamo dell’esperienza di...

(7 Ottobre 2006)

Quaderni speciali di Limes n°4/2006

“Nonostante Israele abbia messo sul campo tutte le sue forze militari non è riuscito nel suo obiettivo”

Intervista a Saadallah Mazraani (Vice segretario generale del Partito Comunista Libanese)

Saadallah Mazraani partiamo da alcune considerazioni sui motivi di questa che possiamo definire una vera e propria aggressione da parte israeliana al Libano… S. Si, noi siamo vittime di una vera e propria aggressione. Un’aggressione che ha colpito principalmente i civili. Ufficialmente, come saprete, da parte israeliana è stata motivata come risposta alla cattura di due soldati...

(4 Ottobre 2006)

intervista rilasciata a Gianfranco Bongiovanni di Radio Città Aperta

Diario da Beirut n22

Un passo dopo l'altro scavalco detriti e macerie a non finire. La polvere si attacca sui vestiti, sulla pelle, sulle labbra e penetra nei polmoni. L'aria e' torbida e l'odore pungente, la temperatura alta, un sapore cattivo si insinua in bocca e non la abbandona. Edifici divisi in due, soggiorni e camere da letto di fronte agli occhi di tutti, mura assenti svelano gli interni degli appartamenti. Io...

(24 Agosto 2006)

da Beirut, Marco Pasquini Kinoki mrc

Un solo fronte contro l’imperialismo!

Intervista esclusiva al leader di Hezbollah Hassan Nasrallah

Oggi, mentre l’umanità guarda con sorpresa e ammirazione alla clamorosa vittoria della resistenza libanese di fronte alla quarta potenza militare mondiale, questa intervista esclusiva del segretario generale di Hezbollah, realizzata il 12 agosto scorso, ha il vantaggio e il merito di passare al vaglio i tratti sorprendenti di colui che i media arabi progressisti salutano oggi come il “nuovo...

(22 Agosto 2006)

Roza Cigdem Erdogan e Mutlu Sahin del quotidiano turco "Evrensel"

Michel Aoun: Hezbollah è il popolo che ha scelto di resistere

Beirut, 20 agosto - Visitando i sobborghi meridionali di Beirut devastati dalle bombe israeliane, il premier libanese Fouad Siniora, accompagnato dal presidente del Parlamento Nabih Berri e dal parlamentare di Hezbollah Ali Ammar, ha definito "crimine contro l'umanità" quanto compiuto da Israele in Libano. Nel frattempo, l'inviato dell'Onu Terje Roed Larsen è tornato a suonare il campanello...

(21 Agosto 2006)

Arabmonitor

Hanno fatto un deserto e l'hanno chiamato pace

Un deserto di cadaveri intrappolati dimostra il fallimento di Israele

Srifa, 15 agosto 2006. Hanno fatto un deserto e l'hanno chiamato pace. Srifa, o quello che era una volta il villaggio di Srifa, è una distesa di case spianate, muri esplosi, macerie, gatti affamati e cadaveri intrappolati. Ma è anche il luogo della vittoria per gli Hezbollah, i cui miliziani camminavano ieri, in mezzo alla distruzione, con l'aria degli eroi conquistatori. A chi bisogna...

(18 Agosto 2006)

Robert Fisk

Libano: aereo israeliano bombarda villaggio che celebra dei funerali, 14 i morti

Beirut, 8 agosto - Nel villaggio di Ghaziye, a sud di Sidone, 14 persone sono rimaste uccise in un attacco aereo israeliano, 23 sono i feriti. Il bombardamento è avvenuto, mentre la folla si è raccolta per celebrare i funerali di 15 persone morte ieri in un episodio analogo. Stando ai calcoli della Reuters, le vittime del conflitto sono 979 in Libano e 100 in Israele. Nel bombardamento...

(8 Agosto 2006)

Non è più tempo di Guerra dei sei giorni

Milano, 6 agosto - Se l'attuale conflitto in Libano dovesse concludersi in questo momento, registrerebbe il più grande smacco militare della storia dello Stato ebraico. In oltre tre settimane di guerra, la potente macchina militare israeliana, considerata in grado di tener testa da sola a tutti gli eserciti arabi della regione messi assieme, ha raso al suolo le infrastrutture del Libano, ha...

(7 Agosto 2006)

La redazione di Arabmonitor

Per far fronte all’occupante sionista. Per difendere la nostra terra ed il nostro popolo

Appello del Partito Comunista del Libano

Donne e Uomini Libanesi, L’esercito israeliano prosegue, dopo già tre settimane, la sua aggressione contro il nostro popolo. Questa aggressione aveva, nei primi tempi, preso la forma di una guerra ad oltranza che non ha risparmiato niente e nessuno, né la popolazione civile, né le case, né le stesse associazioni umanitarie, i media o le infrastruttute. La macchina...

(4 Agosto 2006)

PARTITO COMUNISTA DEL LIBANO

Libano: un appello a tutte le forze della sinistra e progressiste del mondo

Le forze israeliane stanno conducendo una aggressione in grande stile contro il Libano. Questa operazione fa seguito all’operazione della “Resistenza Islamica” che ha catturato due militari israeliani e che è una operazione legale nel contesto della resistenza contro Israele che continua a occupare una parte del territorio libanese e a detenere ancora prigionieri libanesi...

(24 Luglio 2006)

L’Ufficio Politico del Partito Comunista Libanese www.lcparty.org

I due soldati sionisti "rapiti" da Hizbollah sono stati catturati mentre operavano nel Libano

La loro cattura è avvenuta a Aita al Chaab, nel Libano del sud. Tutto quello che avete sentito da giornali e TV è deliberatamente falso

A RICHIESTA DEL CAPO DELLA CENSURA MILITARE DI ISRAELE, IL COLONNELLO SIMA VAKNIN-GIL, LA STAMPA OCCIDENTALE HA ACCETTATO DI FAR CIRCOLARE UNA VERSIONE MONCA DEGLI AVVENIMENTI VERIFICATISI NEGLI ULTIMI GIORNI NEL MEDIO ORIENTE Ecco i fatti: Hizbollah esige da lunghi anni la liberazione dei prigionieri detenuti in Israele, come p.e. Samir el Kantar, detenuto sin dal 1978, Nassim Nisr e Yahia Skaff,...

(18 Luglio 2006)

Agenzia di stampa «Reseau Voltaire»

<<   | 1 | 2 |    >>

60331