il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e ambiente    (Visualizza la Mappa del sito )

BP Louisiane blues

BP Louisiane blues

(2 Giugno 2010) Enzo Apicella
A 40 giorni dall'esplosione della piattaforma della British Petroleum fallisce l'ennesimo tentativo di bloccare la fuoriuscita di petrolio

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Nessuna catastrofe è "naturale"

(20 notizie dal 26 Gennaio 2005 al 10 Novembre 2018 - pagina 1 di 1)

USB VIGILI DEL FUOCO SICILIA: E' NECESSARIO POTENZIARE ORGANICO, MEZZI E SEDI

Al Ministro degli Interni On. Matteo SALVINI Al Sottosegretario di Stato all’Interno Sen. Stefano CANDIANI Al presidente della Regione Siciliana On. Nello MUSUMECI Al Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Prefetto Bruno FRATTASI Al Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Vice Capo Dipartimento Vicario Ing. Gioacchino GIOMI Alla Direzione Centrale...

(10 Novembre 2018)

USB Vigili del Fuoco Regionale

ASIA USB: RISCHIO IDROGEOLOGICO A NAPOLI, CHIEDIAMO INVESTIMENTI IMMEDIATI

INCONTRO AL COMUNE DI NAPOLI SULLA MESSA IN SICUREZZA DELLA COLLINA DEI CAMALDOLI E SULL'EMERGENZA DILAVAMENTO FANGHI A VIA MONTI, PIANURA

Dopo le azioni di denuncia e l'incontro in Municipalità 9 delle scorse settimane, si è svolto ieri, presso la sede del Comune di Napoli, un tavolo tecnico sullo stato dell'arte dei lavori sul versante della collina dei Camaldoli e sul pericolo discesa di vasti flussi di fanghi che si concentrano in gran parte a via Monti a Pianura. Sono intervenuti l'assessore all'ambiente e vice sindaco...

(12 Luglio 2018)

AS.I.A. USB Associazione Inquilini Assegnatari

Ischia: il profitto uccide come nel 1883

L'ideologia borghese del progresso conosce una nuova smentita. A Ischia si muore di terremoto come nel 1883. È passato quasi un secolo e mezzo, la scienza e la tecnica delle costruzioni edilizie ha fatto passi da gigante, ma a Ischia è sufficiente una scossa modesta di 4 gradi richter per produrre crolli, morti, feriti. In una organizzazione capitalistica della società, dove...

(22 Agosto 2017)

Partito Comunista dei Lavoratori

SULL'EMERGENZA INCENDI

La Campania durante questa rovente estate è duramente colpita dagli incendi, le perdite inerenti al patrimonio ambientale e faunistico sono enormi, le conseguenze future legate a probabili fenomeni di dissesto idrogeologico molto pericolose. Insieme al Parco del Vesuvio, al sito archeologico di Velia e interi chilometri quadrati di boschi distrutti in ogni angolo della regione da diverse settimane...

(19 Agosto 2017)

Partito della Rifondazione Comunista – S.E. Federazione Irpina Il segretario provinciale Tony Della Pia

Sul Vesuvio devastato dagli incendi non sono rimasti neanche i licheni

«Ad occhio possiamo dire che circa il 90% del patrimonio ambientale è andato perso. Il fuoco è entrato in ogni angolo di bosco» Il lichene che caratterizzava le colate laviche storiche del Vesuvio è andato quasi tutto bruciato. Le colate laviche che si trovano nell’Atrio del Cavallo sono nere. Ad occhio possiamo dire che circa il 90 per cento del patrimonio ambientale...

(19 Luglio 2017)

greenreport

Ennesimo crollo di una casa abbandonata: Ora basta! Riprendiamoci i centri storici!

L’ultimo crollo che ha riguardato una vecchia abitazione nel centro storico di Sambiase, l’ennesima casa pericolante e disabitata da anni venuta giù dopo pochi giorni di pioggia, porta nuovamente l’attenzione sul problema dell’abbandono in cui versano alcuni quartieri storici della città. Diversi infatti sono stati i crolli che hanno interessato in questi ultimi...

(10 Gennaio 2016)

Quartieri in Movimento – Campagna per la riappropriazione degli Spazi, dei Beni Comuni e dei Diritti

In Campania tutti i comuni sono a rischio sismico, ma manca il documento per i controlli

I geologi: «Il Fascicolo del Fabbricato sarebbe l’unico strumento per conoscere il reale stato degli edifici»

Da greenreport.it In Campania oggi tutti i comuni, con l’aggiornamento della Classificazione Sismica, sono stati classificati, a diverso grado, a rischio sismico, e circa il 50% ha subito quantomeno un incremento di classe sismica , oppure è stato classificato sismico mentre prima non lo era. Ricordiamo che 1.907.800 famiglie, vivono in aree a rischio, mentre in aree a elevato rischio...

(19 Febbraio 2014)

Francesco Peduto, presidente dell’Ordine dei geologi della Campania

Terremoto in Campania, i geologi lanciano un allarme

Il presidente: «Migliaia di edifici a rischio sismico, ma non lo possiamo sapere, ecco perché»

[30 dicembre 2013] Sono anni che i geologi cercano di sensibilizzare le istituzioni ai diversi livelli in riferimento al rischio sismico ed il terremoto che ieri ha interessato la fascia di territorio a cavallo delle province di Caserta e Benevento ha evidenziato ancora una volta la necessità di sviluppare una seria e sistematica politica pluriennale di previsione e prevenzione del rischio...

(30 Dicembre 2013)

greenreport

Giudizio e castigo per i responsabili dello scempio e dei morti di Olbia e di Torpè

Le inchieste giudiziarie aperte dalle procure di Tempio e Nuoro devono essere seguite da protagoniste dalla classe operaia e dalle masse popolari. I responsabili delle catastrofi ambientali su questo pianeta sono tutti a piede libero perché sono esponenti della classe dominante. Lo stesso vale per i crimini economici. Nell’ordinamento giuridico borghese ci sono mille vie di fuga per...

(26 Novembre 2013)

Sezioni provinciali di Sassari e Olbia del Partito Comunista dei lavoratori

Sardegna: altra catastrofe climatica, ma la Regione vuole cementificare e il governo prevede spiccioli per il dissesto

di Umberto Mazzantini I morti in Sardegna sono almeno 17, non si sa ancora quanti siano i dispersi, fiumi e torrenti esondati che hanno allagato case e interrotto strade e ferrovie, un ponte crollato, sfollati, blackout… E’ il triste elenco dei danni e dei lutti in Sardegna, lo stesso che ad ogni autunno l’Italia del dissesto idrogeologico e dei politici che invocano nuovi condoni...

(19 Novembre 2013)

greenreport.it

Praia, la rabbia delle comunità contro le «stragi bianche»

CALABRIA IN PIAZZA PER LE BONIFICHE DEI TANTI SITI TOSSICI PRAIA (COSENZA). Uno striscione nero, retto da due bambini, ha aperto il corteo calabrese per le bonifiche dei terreni contaminati dai veleni del malgoverno e delle multinazionali. Lutto, indignazione, voglia di verità negli occhi delle centinaia di persone che sotto una pioggia battente sono scese in piazza a Praia, in provincia di...

(2 Dicembre 2012)

CLAUDIO DIONESALVI, IL MANIFESTO

Commento su un blog locale

Alcune esperienze di lotta e di partecipazione nel dopo-terremoto in Irpinia

Un commento pubblicato sul blog Tele Lioni ha sollevato una obiezione sacrosanta rispetto al mio articolo, indicando la necessità di una narrazione più integrale delle vicende storiche post-sismiche, per segnalare e rivalutare (giustamente) ”l'opera, la tenacia e l'impegno senza interessi personali di chi stava al di là delle barricate e combatteva con la visione di un futuro...

(28 Novembre 2010)

Lucio Garofalo

A 30 anni dal sisma del 1980

Analisi e provocazioni corsare

Nei giorni scorsi non sono mancate le manifestazioni ufficiali per celebrare solennemente, alla presenza delle autorità istituzionali, il trentennale del terremoto che il 23 novembre 1980 sconquassò il Sud Italia con un’intensità superiore al 10° grado della scala Mercalli e una magnitudo pari a 6,9 della scala Richter. Una scossa interminabile, durata 100 secondi, fece...

(27 Novembre 2010)

Lucio Garofalo

20 novembre manifestazione di protesta a L'Aquila

13/11/2010 20:29 Dopo lo sciopero e la manifestazione del 15 ottobre in difesa della qualità della scuola pubblica, del lavoro, degli organici, del personale precario che rischia l’espulsione, del diritto allo studio, l’organizzazione Cobas-Scuola L’Aquila e la Confederazione dei Comitati di Base L’Aquila aderiscono alla manifestazione di protesta indetta a L’Aquila...

(14 Novembre 2010)

Confederazione Cobas

Terremoto 1980

Le occasioni sprecate

Il 23 novembre di quest’anno ricorre il 29esimo anniversario del terremoto che scosse con violenza un vasto territorio del Sud Italia, il cui epicentro fu individuato in un’area compresa tra l’Irpinia e la Lucania, precisamente a Conza della Campania. Il sisma, caratterizzato da una fortissima intensità che superò il 10° grado della scala Mercalli e da una magnitudo...

(20 Novembre 2009)

Lucio Garofalo

Nubifragio, danni e lassismo politico

La tragedia che ha colpito Vibo Valentia e la sua provincia può dirsi improvvisa e non annunciata? La Procura della Repubblica, come atto dovuto, ha aperto un' inchiesta contro ignoti per disastro e omicidio colposo. L'augurio è che non sia solo un lavoro di facciata ma che vada in profondità sollevando, ad esempio, il velo sull'abusivismo. Un fenomeno, questo, evidente nel nostro...

(30 Luglio 2006)

Movimento Costitutivo per il Partito comunista dei lavoratori di Vibo

Al fianco delle popolazioni della provincia di Vibo Valentia

L’esecutivo nazionale dello Slai Cobas è al fianco delle popolazioni della provincia di Vibo Valentia, pesantemente colpite da inondazioni e frane. Qui di seguito riportiamo un appello del comitato Popolare “Pro Bivona” ai presidenti di Camera e Senato con, alla fine, anche una richiesta di aiuto al nostro sindacato. Lo Slai Cobas raccoglie questo appello e chiede allo stesso...

(19 Luglio 2006)

La tragedia di Vibo

Calabria: abbandonata ancora una volta a se stessa

Giorno 3 luglio 2006, sulla città di Vibo Valentia e sulla sua provincia, si è abbattuta la forza della natura che ha devastato un territorio debole, povero, ma dalle tante potenzialità mai sfruttate se non in campagna elettorale. Una tragedia annunciata? La Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha aperto una inchiesta per disastro colposo contro ignoti. È ignoto chi...

(7 Luglio 2006)

Movimento per il Partito Comunista dei Lavoratori - Vibo Valentia

New Orleans: lo tsunami americano!

L'immane tragedia che ha colpito New Orleans ed intere regioni degli USA, riporta in occidente le immagini apocalittiche dei paesi asiatici devastati dalloTsunami. Allora ricordammo che nessuna catastrofe naturale è "solo" una catastrofe naturale ed oggi purtroppo dobbiamo ricordarlo ancora. Le politiche del profitto più avido, dello sfruttamento fanatico sull'uomo e sulla natura, del...

(8 Settembre 2005)

Una catastrofe poco “naturale” che annuncia una “ricostruzione” ancora più antisociale!!

Circa 200.000 morti, centinaia di migliaia di feriti, milioni di “senza niente” sono le conseguenze di una tragedia immane definita senza precedenti ma che precedenti ne ha eccome. Proprio lì, in quell’area, nel Bangladesh appena 34 anni fa un tifone durato 15 ore e uno tsunami avevano spazzato via circa 500.000 persone. La stessa devastazione che oggi, a distanza di giorni,...

(26 Gennaio 2005)

RED LINK

336835