il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Memoria e progetto:: Altre notizie

Appello a tutti i giovani del mondo per la partecipazione al 18° festival mondiale della gioventù e degli studenti

(11 Maggio 2013)

Comincia il cammino che ci porterà in Ecuador, al 18° festival mondiale della gioventù e degli studenti – 7-13 dicembre 2013

festivalgiov

10 Maggio 2013 18:04

Nel passato e nel presente i giovani hanno sempre avuto un ruolo centrale nella lotta di tutta la società per il progresso e la giustizia sociale. La gioventù ha sempre militato dentro la lotta dei popoli per la pace, la solidarietà e la trasformazione sociale. In un mondo in cui l‘imperialismo si presenta come inevitabile, la lotta antimperialista dimostra che i giovani vogliono scegliere il loro futuro. Il 18° festival mondiale della gioventù e degli studenti che avrà luogo in Ecuador è uno spazio aperto a tutte le giovani donne e uomini per unire la loro voce contro l’imperialismo.

Dall’ultimo festival, che si è svolto in Sudafrica nel 2010, le nostre analisi sull’imperialismo e la nostra esortazione alla lotta antimperialista si sono rivelate esatte. Negli ultimi anni, con il proseguimento della crisi del capitalismo, l’ordine imperialista, il sistema di governo dei monopoli, hanno rivelato chiaramente la loro faccia, la loro natura predatrice e brutale, creando guerre, sfruttamento, violando i diritti umani, ricattando e minacciando paesi e popoli sovrani.


Viviamo in un’epoca di grandi pericoli e di grandi potenzialità. La crisi del capitalismo conduce le potenze imperialiste a intensificare le loro rivalità per il controllo dei mercati, del commercio e delle risorse naturali. Questo ha condotto ad azioni militari della NATO e dell’UE come la guerra alla Libia, l’aggressione alla Siria e le minacce alla Corea del Nord. Gli antagonismi interimperialistici, sollecitati dalla crisi del sistema capitalista, aumentano le tensioni e i pericoli per grandi conflitti militari internazionali che avranno come vittime i popoli del mondo.

I giovani del mondo vedono un attacco contro i propri diritti come il lavoro, l’istruzione, l’accesso alla cultura e allo sport. I governi in giro per il mondo, assieme alle organizzazioni imperialiste internazionali fanno si che siano i lavoratori e gli strati popolari a dover pagare il prezzo della loro crisi. Il loro obiettivo è quello di salvaguardare gli interessi di un sistema capitalista in decomposizione, per salvaguardare il loro profitto e aumentare lo sfruttamento in favore degli interessi dei monopoli.

Allo stesso tempo abbiamo visto milioni di persone, specialmente di giovani e studenti, dar vita a grandi movimenti per resistere alle aggressioni imperialiste. Abbiamo assistito al crescere della lotta contro gli interessi dei monopoli e dei loro governi, contro l’applicazione di politiche che vogliono portare i giovani sul sentiero dello sfruttamento disumano. La lotta popolare degli ultimi anni ha dimostrato che le potenzialità per rovesciare l’imperialismo dipendono dalla determinazione della lotta e dalla sua direzione.

La resistenza e la lotta antimperialista internazionale dei giovani e degli studenti è la fiamma che guida il movimento del festival dal 1947. Per 65 anni e in 17 festival i giovani del mondo hanno unito le loro voci e le loro lotte contro il fascismo, la dittatura, i regimi antidemocratici, il colonialismo, le guerre, le occupazioni e le discriminazioni, per chiedere pace, libertà, solidarietà, equità e per sconfiggere l’imperialismo.

È per queste ragioni che chiediamo ad ogni donna e uomo di unirsi alla nostra lotta partecipando al 18° Festival Mondiale della Gioventù e degli Studenti.

Chiediamo ad ogni giovane e ad ogni studente di unirsi a noi per rovesciare l’imperialismo, perché il nostro futuro e la nostra gioia non possono realizzarsi dentro questo sistema, che solo genera povertà, sfruttamento e disoccupazione. Chiamiamo tutti alla lotta per i nostri diritti, per una educazione pubblica e gratuita, contro le privatizzazioni, le tasse scolastiche e le barriere di classe dentro il sistema educativo. Vi chiediamo di unirvi a noi per lottare contro l’imperialismo che distrugge l’ambiente e crea discriminazioni di classe, razziali e di genere. Vi chiediamo di unirvi a noi per lottare per la democrazia e contro la repressione delle forze reazionarie. Chiediamo a tutti i giovani del mondo di esprimere la propria solidarietà con i popoli che lottano per la propria libertà come in Palestina, in Sahara occidentale e in molti altri paesi nel mondo. Chiediamo a tutti i giovani di supportare i popoli che hanno scelto autonomamente la strada per il proprio sviluppo e per questo sono minacciati dalle forze imperialiste.

Oggi più che mai è necessario per i giovani unire la propria lotta a quella dei lavoratori e dei popoli; intensificare la lotta per sconfiggere il capitalismo nella sua fase suprema, l’imperialismo, e costruire un mondo nuovo, di pace, solidarietà, equità, amicizia e trasformazione sociale rivoluzionaria, dove il benessere creato dal lavoro dei popoli appartenga ai popoli.

Dopo il successo del 17° festival in Sudafrica, luogo di nascita del movimento contro l’apartheid, il festival fa ritorno per la quarta volta in America Latina. Dopo i festival che si sono svolti a Cuba nel 1978 e nel 1997 e quello svolto a Caracas, Venezuela, nel 2005, la 18a edizione si svolgerà a Quito, Ecuador, questo anno. Il festival avrà luogo nella regione latinoamericana e caraibica che sta assistendo a una continua crescita e rafforzamento del movimento antimperialista, consolidando una unità vera tra i popoli in direzione del progresso sociale, senza la presenza di interventi stranieri e infondendo speranza al movimento antimperialista mondiale.

Supportato dal grande movimento popolare dell’Ecuador, che in questo momento è rappresentato dalla “revolucion ciudadana”, guidata dal presidente Rafael Correa, salutata dall’orgoglio antimperialista dei giovani di tutta l’America Latina, celebreremo tutti gli eroi che hanno dato la vita per la liberazione del continente.

Giovani di tutto il mondo uniti per un mondo di pace, solidarietà e trasformazione sociale.

Traduzione a cura di Marx21

4237