il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Praga. Il convitato di pietra

Praga. Il convitato di pietra

(8 Aprile 2010) Enzo Apicella
Usa e Russia discutono il nuovo Trattato Start. Delle armi nucleari di Israele, denunciate da Mordecai Vanunu, non si parla.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Russia-Ucraina
Al capitalismo è neccessaria la guerra

Eserciti degli Stati e “Resistenza popolare” contro la classe operaia

(7 Marzo 2022)

international communist party

- La guerra è una inevitabile necessità economica del capitalismo. Forze incontenibili costringono tutti gli Stati a una politica di aggressione per poter sopravvivere alla loro crisi generale, causata dalla smisurata sovrapproduzione di merci, che nessuno vuole e di cui nessuno ha bisogno.

- La guerra non è quindi il prodotto della malvagità o follia di alcuni capi. Nemmeno quella in Ucraina è uno scontro tra sistemi democratici-liberali e totalitarismi, ma tra potenze imperialiste.

- La guerra è fra fronti imperiali, fra alleanze di Stati, non fra nazioni. Non è per garantire libertà ai popoli, ma per maggiore tirannia e sopraffazione. La Libertà è solo un pretesto per gettare la classe operaia nella fornace della guerra

- Il nazionalismo ucraino è la maschera dell’imperialismo occidentale, così come la difesa delle minoranze russe di Ucraina serve a giustificare quello russo.

- È una guerra per procura: i capitalisti di Russia intendono recuperare spazio per i loro affari e in vista del conflitto generale che si prepara, i capitalisti di occidente armano l’esercito ucraino e la “resistenza” perché combattano al fine della loro espansione a oriente.

- Esercito russo, esercito ucraino e “partigiani” stringono d’assedio i lavoratori di Ucraina, tenuti in ostaggio dalle due borghesie rivali ma in questo alleate. Il “partigianesimo” è il contrario, la negazione della lotta di classe.

- Intanto la polizia borghese in Russia arresta e reprime chi si oppone alla guerra.

- È una guerra reazionaria, contro la classe operaia, oggi di Ucraina e di Russia, sempre del mondo intero. Tanto all’immediato quanto in senso storico generale.

- La guerra è per la conservazione globale del capitalismo. È contro il comunismo che, spettro invisibile ma sempre presente, matura e preme dall’interno del capitalismo nella sua mostruosa fase agonica. Perché il comunismo, da tutti negato, è già pronto a nascere, una volta abbattuta la dittatura del capitale.

- La classe operaia non ha una patria da difendere. Ha da difendere e affermare solo se stessa, contro tutti gli Stati dei loro padroni, la cui prima funzione e mantenerla sottomessa.

- Per i lavoratori di Ucraina, come per quelli di Russia, nulla cambierà nell’essere sfruttati da capitalisti ucraini o russi o taglieggiati da governanti ucraini o russi.

- Ugualmente per i proletari russi, americani, europei nulla cambierebbe nella loro condizione di miseria che i loro padroni prevalgano o siano sopraffatti dal blocco imperialista rivale.

- Il pacifismo borghese, di fronte alla realtà della guerra, ubbidiente nasconde la bandiera arcobaleno per alzare quella del borghese Stato ucraino, e la parola Pace per inneggiare alla Guerra “per la Libertà”.

I comunisti oppongono alla guerra dei borghesi la fraternizzazione tra i soldati, giovani proletari, con la quale, e con la loro rivolta, metter fine alla guerra dal suo interno. E vi oppongono la sociale lotta generale di classe, in una rinata solidarietà internazionale operaia sul piano dei sindacati, degli scioperi, del suo partito comunista, il quale solo conosce e può indicare la via della definitiva liberazione dal capitalismo.

- L’antimilitarismo proletario può avere una sola parola d’ordine:

GUERRA ALLA GUERRA
LOTTA DI CLASSE
CONTRO PADRONI E STATI
IN PACE E IN GUERRA
FINO AL COMUNISMO

Partito Comunista Internazionale

3229