il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro (cronaca nordest)

Sanità pubblica: rottamare per privatizzare

(131 notizie dal 8 Gennaio 2002 al 19 Luglio 2017 - pagina 1 di 7)

Una multinazionale della sanità mette radici nel Veneto

È di questi giorni la notizia, passata quasi in sordina, della vendita dell’”ospedale vecchio” di Portogruaro e la prossima costruzione di una Rsa. L’operazione tra Comune di Portogruaro e Regione Veneto se l’è aggiudicata il gruppo francese Korian. L’unico aspetto “positivo” sono i 2 milioni di euro che andranno a rimpinguare le casse...

(19 Luglio 2017)

Alberto D’Andrea PCI, Partito Comunista Italiano federazione di Venezia

Veneto, ancora tagli alla sanità: un passo avanti verso la privatizzazione del servizio

Sono esorbitanti i tagli dei trasferimenti alle Ulss approvati dalla Lega Nord in Regione Veneto. La diminuzione dei finanziamenti regionali ammonta a 132 milioni di euro. Tutte le nuovissime Ulss nascono azzoppate e penalizzate; il taglio orizzontale è pari all’1,7% rispetto al 2016; si va dai 5,5 milioni in meno per il Veneto Orientale fino agli oltre 25 della Scaligera, i 24 in meno...

(16 Gennaio 2017)

Partito Comunista Italiano – Venezia Gruppo sanità

Trento: verso la privatizzazione della sanità

Quindi come USB non possiamo condividere questa filosofia insita nelle politiche dei fondi in quanto la società che questo prefigura è una società fortemente diseguale dove accanto alle cliniche di lusso sorgeranno i nuovi lazzaretti riservati alla maggioranza del popolo. E’ di qualche giorno fa la notizia pubblicata sulla stampa locale che sindacati complici e Provincia...

(15 Gennaio 2016)

Usb Trentino

APERTA LA STAGIONE DEI SALDI PER L'OSPEDALE DI JESOLO...

La propaganda leghista afferma che l'ulss10 non è stata coinvolta da accorpamenti e nuove gestioni perchè è stata riconosciuta l' “identità peculiare” del Veneto orientale, anche e soprattutto in ottica turistica. Noi crediamo invece che tutto sia funzionale a portare a termine investimenti economici sul litorale e che la tutela del “bene comune”...

(3 Gennaio 2016)

Marina Alfier Partito Comunista d'Italia del Veneto Orientale

SANITA' PUBBLICA IN VENETO ORIENTALE: PASSI AVANTI VERSO LA SUA FINE!

Un altro tassello si aggiunge al nefasto progetto di destrutturazione della sanità pubblica del Veneto orientale:LA CHIUSURA DI CARDIOLOGIA A PORTOGRUARO E L'ACCORPAMENTO DI CHIRURGIA-ORTOPEDIA A SAN DONA' DI PIAVE. “Carta canta e villan dorme”, è questa la vera lettura della mancata approvazione in Regione, delle schede ospedaliere. La direzione generale prosegue imperterrita...

(14 Dicembre 2015)

Marina Alfier Partito Comunista d'Italia Veneto Orientale

Mirandola: il 13 dicembre referendum sulla sanità

A Mirandola ( Modena) il 13 dicembre 2015 si vota per il primo referendum in Italia in tema di sanità. Con più di 1500 firme i Cittadini di Mirandola sono riusciti a promuovere un referendum per opporsi alle decisioni della Regione Emilia Romagna che prevedono la progressiva chiusura dell'Ospedale di Mirandola. I continui tagli alla sanità, previsti anche in questa legge di...

(6 Dicembre 2015)

pclavoratori.it

IL BALLETTO DELLE SCHEDE OSPEDALIERE NEL VENETO ORIENTALE

La DGR 70/CR del 18 agosto 2015 mette nero su bianco le intenzioni della nuova giunta regionale sulla sanità dell’Ulss10. Si tratta del definitivo svilimento della sanità pubblica per come l’abbiamo conosciuta finora. La volonta della giunta è impoverire l’ospedale di San Donà, diminuendo di 12 posti letto di area medica, la perdita della rianimazione...

(23 Settembre 2015)

Marina Alfier Partito Comunista d'Italia Venezia

OSPEDALE UNICO......ADDIO!

L'inutile tormentone dell'"ospedale unico" del veneto orientale si esaurisce come la bolla di sapone che è stata fin dall'inizio; lo avevamo detto subito che l'argomento sarebbe servito come specchietto per le allodole per far digerire la destrutturazione della sanità pubblica, eppure in molti hanno inseguito l'idea tanto vaga quanto fumosa, perfino tra quei pubblici amministratori che...

(21 Agosto 2015)

Partito comunista d’Italia Veneto orientale

Lo smantellamento del servizio sanitario nazionale

Privatizzazione, chiusura di ospedali e professione intramuraria: una sanità sempre più ad uso e consumo dei pazienti danarosi. Il caso della provincia di Ravenna: smantellamento della sanità pubblica sul territorio. Lo smantellamento del servizio sanitario nazionale è iniziato molti anni fa, agli inizi degli anni 90 con la sottomissione ai parametri di Maastricht, vigenti...

(2 Agosto 2015)

Marla Taz - sezione PCL Romagna "Domenico Maltoni"

Veneto, la scure leghista sui distretti socio-sanitari in ulss10

Un altro tassello si aggiunge al nefasto progetto di destrutturazione della sanità pubblica del Veneto orientale. La delibera 646 del 3 luglio2015, avvia il dimezzamento degli orari di apertura e delle attività presso gli sportelli periferici del distretto ulss10 (eraclea, san stino, san michele). Come si può ben capire, chi abita in periferia rispetto ai tre maggiori comuni...

(17 Luglio 2015)

Marina Alfier Partito Comunista d'Italia del Veneto Orientale

Fermiamo gli interessi privati nella sanità!

Socializzare i debiti, privatizzare i profitti! Questo è il verbo della destra liberista che governa l’Italia e il Veneto. Qui nel Veneto Orientale, la Lega e le politiche di Zaia, stanno sconvolgendo la sanità pubblica e ce la stanno presentando in una forma che nulla ha a che vedere con il servizio che abbiamo conosciuto fino a pochi anni fa. Il disegno reazionario della politica...

(11 Marzo 2015)

Partito Comunista d’Italia Veneto Orientale

NO AD UNA SOLA PSICHIATRIA IN ULSS10

Uno degli aspetti problematici dell’operazione di impoverimento della sanità pubblica nel Veneto orientale, riguarda la salute mentale. Le schede ospedaliere, che la Leganord si ostina a non bloccare, prevedono in Ulss 10 la chiusura di “psichiatria” a Portogruaro, trasferendo tutta l’attività a San Donà, con un reparto da 24 posti letto, ben oltre il...

(12 Febbraio 2015)

Marina Alfier PCd'I- Comunisti Italiani Veneto Orientale

...e vualà il SUEM se ne va!?

Ovvero come risolvere alla radice i problemi di sicurezza del
Servizio Urgenza ed Emergenza Medica - 118 dell’Ospedale più bello d’Europa.

Sin dall’attivazione del nuovo Ospedale di Mestre, questo Sindacato di base ha denunciato le gravi carenze di sicurezza e l’inadeguatezza degli spazi dei locali del SUEM e della ‘Camera Calda’, il locale in cui arrivano i pazienti in urgenza, per poi essere presi in carico dagli operatori del Pronto Soccorso. Sembra addirittura che nel progetto iniziale i tecnici avessero contemplato...

(23 Giugno 2014)

COBAS Sanità Venezia

mazzette o ….collaudi???

Apprendiamo con sconcerto, dalla stampa di questi giorni, che la remunerazione per il collaudo dell’Ospedale di Mestre pare sia stata proprio considerata - al pari di una mazzetta - “un beneficio” da assicurare al controllore (il Magistrato alle Acque, l’Ente pubblico cui spetterebbe il compito di vigilare sulla regolarità degli appalti) del Consorzio Venezia Nuova,...

(7 Giugno 2014)

COBAS Sanità Venezia

Turni di lavoro massacranti? Pazienti considerati come bulloni?
Qual è la posizione della RSU?

Martedì 18 febbraio 2014 si è svolta una riunione della RSU dell’Asl 12 Veneziana, con all’Ordine del Giorno: Orario di Lavoro e Regolamento per la Mobilità interna. COBAS Sanità ha partecipato alla discussione, adeguandosi pertanto alla sentenza esecutiva di primo grado del 24 luglio 2013 emessa dal Tribunale di Venezia, sentenza non definitiva che potrebbe...

(11 Marzo 2014)

COBAS Sanità Venezia

Venezia, l’Asl 12 “sta valutando un’azione legale nei confronti dei COBAS…. per tutelare l’immagine dell’azienda”??

La CROCIATA è proprio attuata, in perfetta continuità con la dirigenza precedente, nei confronti della nostra Organizzazione Sindacale, caro Dott. Perina! A proposito di buona immagine della azienda … La costruzione del nuovo Ospedale dell’Angelo di Mestre rappresenta un esempio emblematico dell’attuale gestione della sanità pubblica, ove gli interessi e la...

(2 Febbraio 2014)

COBAS Sanità Venezia

USB SANITA' VENETO IN AUDIZIONE IN 5° COMMISSIONE REGIONALE

CONTRO IL PERCORSO DELLA DELIBERA SUI TEMPI STANDARD DI ASSISTENZA

Venezia –venerdì, 24 gennaio 2014 USB IN AUDIZIONE ALLA 5° COMMISSIONE REGIONALE PER CONTRASTARE LA DELIBERA REGIONALE CHE RIDIMENSIONA I LIVELI ASSITENZIALI NEGLI OSPEDALI DEL VENETO Il 23 gennaio 2013 Usb ha promosso il suo intervento presso la 5° commissione regionale sanità per cercare di contrastare l’applicazione della delibera regionale che determinerà...

(24 Gennaio 2014)

per Coordinamento Nazionale USB P.I. settore Sanità Federico Martelletto

sindacato ... e pompe funebri

Cobas Sanità rileva con favore l’intervento dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Venezia, finalizzato finalmente alla revoca della concessione all’impresa di Onoranze Funebri, all’interno dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre. Con la scusa del meccanismo del project financing, infatti, il mercato del “caro estinto” sembrava proprio esser...

(9 Gennaio 2014)

COBAS Sanità Venezia

Convenzione fra Asl 12 e Clinica “TORRE EVA”
per il trattamento di pazienti presso.. l’Ospedale dell’Angelo

MA CHE BELLA PENSATA!!

Da mesi si mormora fra i reparti dell’ospedale di Mestre circa l’arrivo di pazienti con modalità d'accesso particolari. IL 24 maggio 2013 è stata di fatto inaugurata la Clinica privata “Torre Eva”, nei pressi dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre. Dopo la sua inaugurazione ufficiale, e precisamente il 21 agosto 2013, il Direttore Amministrativo dell’Asl...

(4 Gennaio 2014)

COBAS Sanità Venezia

...e adesso i miliardi sono diventati 2
SOLO per il project financing dell'ospedale dell’Angelo di Mestre?

- a 71 milioni di euro all'anno sono arrivate le spese che Regione Veneto deve sostenere solo per il project financing dell'ospedale dell’Angelo di Mestre. 2 MILIARDI SECCHI di EURO, ci troveremo quindi ad aver pagato al termine del contratto di finanza, che è stato ulteriormente prorogato a quasi 30 anni!!! Da rilevare che sino a fine anno 2010 il piano finanziario per l’Ospedale...

(29 Dicembre 2013)

COBAS Sanità Venezia

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |    >>

542663